Post

Visualizzazione dei post da giugno, 2024
Aggiungici su FacebookSegui il profilo InstagramSegui il Canale di YoutubeSeguici su X (Twitter)   Novità su Instagram
Clicca

Paolo Crepet "Liberté, égalité, Crepet"

Immagine
intervista a Paolo Crepet   a cura di ASSIA NEUMANN DAYAN  La Stampa 23 giugno 2024 Nel suo libro parla dei genitori che coprono gli spigoli con la gomma, io credo lo facciano perché leggiamo tutti troppo e non si riesce a controllare la paura della morte …  

Don Alberto Ravagnani «I giovani sono attenti all’ambiente, partiamo da qui»

Immagine
È tutta una questione di relazioni. Dal fatto che siano buone o cattive dipendono molte cose nella vita degli uomini e delle donne del nostro tempo. E anche nel rapporto con la natura. Don Alberto Ravagnani , sacerdote dell’arcidiocesi di Milano e collaboratore della pastorale giovanile diocesana, noto anche come influencer, sceglie questa chiave di lettura per commentare il Messaggio del Papa per la Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato. «Noi siamo le nostre relazioni, anche la relazione con il creato. E come quando roviniamo i rapporti con gli altri siamo meno umani, più dissimili dal progetto di Dio su di noi, così lo siamo anche quando roviniamo il rapporto col creato, spadroneggiamo sulla natura e inquiniamo l’ambiente».

Massimo Recalcati "Il nostro tempo sputa sull’amore o fa dell’amore una marmellata sentimentale"

Immagine
Massimo Recalcati   Il nostro tempo sputa sull’amore o fa dell’amore una marmellata sentimentale   La Repubblica Bari, 27 giugno 2024   intervista di Antonella W. Gaeta Dov’è l’amore? Sarà la domanda che la 23esima edizione del festival Libro Possibile porgerà come un mantra, suscitando una riflessione collettiva sulla nostra contemporaneità. A portare la sua risposta arriverà venerdì 28 giugno, a Vieste (ore 21, Marina Piccola) lo psicanalista e saggista Massimo Recalcati, protagonista di una lectio magistralis prologo del festival diretto da Rosella Santoro, dal 10 al 13 luglio a Polignano a Mare e dal 23 al 27 a Vieste.

Commenti Vangelo 30 giugno 2024 XIII Domenica del Tempo Ordinario

Immagine
Commenti Vangelo, omelie, lectio divine  30 giugno 2024  XIII Domenica del Tempo Ordinario  rito romano e rito ambrosiano

Paolo Ricca "Quale fede?"

Immagine
Quale la fede di Gesù in Dio e quella in Gesù? non è adesione a una religione ma è seguirlo. Fin dall’inizio il cristianesimo è nato plurale. Le diverse chiese devono oggi concentrarsi sull’essenziale dell’esperienza di fede. L’autore, Paolo Ricca , teologo e pastore valdese, indica questi contenuti.

Omicidio di Pescara, Paolo Crepet: "Il problema è che ai ragazzi mancano le emozioni"

Immagine
intervista a Paolo Crepet   Il Giornale 26 giugno 2024 "Il problema è che ai ragazzi mancano le emozioni". Mordere il cielo è l’ultimo libro del professore e psichiatra Paolo Crepet. Con lui abbiamo cercato di capire qualcosa di più su come si possa arrivare, a sedici anni, ad ammazzare un coetaneo, con la crudeltà con cui è stato ammazzato Christopher Thomas Luciani a Pescara.

José Tolentino de Mendonça "Cristo a tavola con i peccatori? È lo scandalo di un Dio che ci perdona"

Immagine
Esce oggi (11 giugno 2024) il nuovo libro scritto dal cardinale prefetto del Dicastero per la cultura e l’educazione dal titolo «Chi è dunque questo Gesù? Interrogare e ascoltare i Vangeli», pubblicato dalla San Paolo. Un saggio che propone un itinerario cristologico essenziale in 7 tappe, scandite soprattutto, ma non solo, da brani del Vangelo secondo Luca. Pubblichiamo un ampio stralcio della riflessione dell’autore sul pasto e il mangiare all’interno dei brani evangelici.

Gianfranco Ravasi "Non bastano gli influencer per parlare ai giovani. La Chiesa scelga una terapia choc"

Immagine
  Gianfranco Ravasi   Il Giornale   23 giugno 2024  intervista di Serena Sartini Indifferenza, impazienza e inquietudine: tre «i» che rappresentano i tre mali di oggi per i giovani. La Chiesa ha davanti grandi sfide: un linguaggio sempre più contemporaneo sui temi etici, senza cedere nei principi ma mettendo le nuove generazioni di fronte a stimoli forti, per «formare» e non solo «informare» i ragazzi; il rapporto con i social, il ruolo della politica, con uno sguardo alla nuova Ue che si sta formando. Parla al Giornale il cardinale Gianfranco Ravasi, fine teologo, presidente emerito del Pontificio Consiglio della Cultura, autore per le Edizioni San Paolo del volume Cuori inquieti - I giovani nella Bibbia, che fa parte della collana «BUC, Il potere delle parole», la nuova edizione della Biblioteca Universale Cristiana, da domani nelle librerie.

Rosanna Virgili - Il coraggio di Ester, la regina “cenerentola”

Immagine
Rosanna Virgili Roma Sette   25 Giugno 2024 Statisticamente, più nei sogni che nella realtà, accade che una ragazza dei quartieri bassi, povera, figlia di nessuno, incontri un principe che se ne innamori e la destini al seggio più alto, accanto al proprio. Ma talvolta capita e a molti fa tenerezza e procura soddisfazione pensare che l’umiliato abbia la sua rivincita e guadagni il suo riscatto.

Massimo Recalcati "Omicidio Cecchettin, nello specchio rotto di Narciso assassino la fine del patriarcato"

Immagine
Massimo Recalcati   Nello specchio rotto di Narciso assassino la fine del patriarcato   La Repubblica, 23 giugno 2024   L'assassino di Giulia Cecchettin dichiara di fronte agli inquirenti che la ragione più profonda che lo ha spinto a uccidere crudelmente la sua compagna a coltellate è stata la consapevolezza della fine irreversibile della loro relazione.

Enzo Bianchi "Quale scisma nella Chiesa"

Immagine
La Repubblica    24 giugno 2024 di ENZO BIANCHI per gentile concessione dell’autore.  Anche nella chiesa cattolica non c’è pace e si susseguono fatti ed eventi che a volte scandalizzano, altre volte appaiono situazioni anacronistiche appartenenti a un mondo passato, quello in cui, secondo Gesù di Nazareth, “i morti seppelliscono i loro morti”. È incredibile che un uomo, un arcivescovo che dopo aver servito la chiesa per molto anni con competenza, da fedele esecutore della volontà del Papa , non avendo ricevuto gli onori sperati, sia diventato un vescovo in rivolta proprio contro la Santa Sede.

Alessandro D’Avenia "Il segreto"

Immagine
Alessandro D’Avenia Corriere della Sera 24 giugno 2024 «La vita fuori fa schifo. Tutti di corsa, tutto di corsa, in una continua gara; un sacco pieno di domande e nessuna risposta, pretendono tanto da te ma tu non puoi pretendere niente da nessuno»: così mi scrive una studentessa universitaria con cui avevo scambiato qualche riga ai tempi del liceo, quando era scivolata nell’anoressia che ora torna a minacciarla: «Ho ricominciato a perdere il peso recuperato, mi sono isolata dagli amici, mi chiudo in casa a studiare e non voglio più vedere nessuno. Tutti i medici che mi seguono ritengono che la malattia si stia nuovamente facendo largo.

Luciano Manicardi "L’esperienza di fede di chi incontra Gesù"

Immagine
Monaco della comunità di Bose , che ha ricoperto la carica di priore della stessa comunità dal 2017 al 2022, Luciano Manicardi mostra, attraverso numerose storie di incontri con Gesù nei vangeli, come l’esperienza della fede sia sempre un atto di libertà e di relazionalità, di umana fiducia in Gesù, sempre in divenire.

Gianfranco Ravasi "Le parole shock di Gesù / 15. Comperare una spada"

Immagine
  Gianfranco Ravasi   L'Osservatore romano   22 giugno 2024  Chi non ha una spada venda il mantello e ne compri una  ( Luca, 22, 36 )

Enzo Bianchi “Lui stesso si è posto fuori dalla Chiesa, ma non ha il seguito per crearne un’altra”

Immagine
Intervista a  Enzo Bianchi   La Stampa 22 giugno 2024 di Domenico Agasso CITTÀ DEL VATICANO. « Monsignor Carlo Maria Viganò si è posto lui stesso fuori dalla Chiesa cattolica, delegittimando papa Francesco . Ma non ha le forze né il seguito per creare una chiesa alternativa, all’estrema destra, anche se ci sta provando con l’eremo in cui spera di costituire un seminario parallelo a quello di Lefebvre ». Fratel Enzo Bianchi , fondatore della Comunità monastica di Bose e della fraternità cristiana Casa della Madia, dove vive oggi, non si è stupito della convocazione del Dicastero per la Dottrina della Fede nei confronti dell’ex nunzio negli Usa, accusato di «delitto di scisma». Adesso Viganò rischia la scomunica.

Commenti Vangelo 23 giugno 2024 XII Domenica del Tempo Ordinario

Immagine
Commenti Vangelo, omelie, lectio divine  23 giugno 2024  XII Domenica del Tempo Ordinario  rito romano e rito ambrosiano

Cosa ci dice di noi (e di Dio) la Via Crucis di un giovane gay

Immagine
Come accompagnare le persone omosessuali nel cammino di fede? Come costruire una Chiesa custode della verità e aperta al mondo, senza discriminazioni? Come aiutare tutti, indipendentemente dal loro orientamento sessuale, a realizzare la loro vocazione? Sono tutti quesiti oggi al centro del dibattito, domande che non riguardano solo coloro che chiedono di entrare in Seminario o in noviziato ma ogni singolo battezzato. Sono diversi i contributi che Avvenire ha offerto in queste settimane per aiutare il confronto: in questa serie rientra anche il contributo, che pubblichiamo di seguito, a firma del domenicano inglese Timothy Radcliffe , già maestro dell’Ordine dei predicatori dal 1992 al 2001. Si tratta della prefazione alla traduzione inglese del libro di Luigi Testa «Via Crucis di un ragazzo gay» (64 pagine, 17,50 euro), edito in Italia da Castelvecchi Editore.

Francesco Cosentino “La gioia del Vangelo e le sfide da affrontare”

Immagine
Sono trascorsi dieci anni dal primo documento di papa Francesco ,  Evangelii gaudium . L’esortazione apostolica, che in verità si presenta innovativa anche nel genere letterario e nello stile, ha il suo primo guadagno teologico-pastorale nel ricentrare l’identità e la missione della Chiesa sull’essenziale, che è l’annuncio del Vangelo.

Guerra, violenza e Pace nei Padri della Chiesa

Immagine
11-12 giugno 2024 Cenacolo mariano – Borgonuovo di Sasso Marconi (Bo) Nell’avvicinarsi dell’ottantesimo anniversario dell’eccidio di Monte Sole, si è pensato di iniziare un percorso di riflessione con un interessante convegno dal titolo: “ Guerra, violenza e Pace nei Padri della Chiesa ”.

Selene Zorzi "Donne e gay dei paesi miei"

Immagine
Selene Zorzi   Rocca 18 Giugno 2024  Il Papa ha ribadito il suo no all’ordinazione delle donne nel primo grado del ministero.

Se le donne insegnano teologia a tutti, la Chiesa può smaschilizzarsi davvero

Immagine
Nel suo contributo del 5 giugno al dibattito aperto da “Avvenire” a partire dalla provocazione rivolta da Francesco alla Commissione Teologica Internazionale nel dicembre 2023 sulla necessità di “smaschilizzare la Chiesa” (nel quale sono già intervenuti la redazione di “Mosaico di Pace” , Stefania Falasca, Rosanna Virgili e Sergio Massironi), Alberto Cozzi sottolineava l’importanza delle buone pratiche, in contrapposizione a facili slogan che lasciano il tempo che trovano. Di buone pratiche che coinvolgono le donne, la Chiesa ne conosce a bizzeffe: una schiera di donne canonizzate, vergini e madri, regine e abbadesse costella la storia della cristianità a dimostrare che verso il genio femminile un riconoscimento istituzionale c’è sempre stato.

Massimo Recalcati "Lessico civile"

Immagine
Massimo Recalcati propone un Lessico Civile in un'epoca in cui la psicoanalisi può essere la chiave di lettura migliore per approcciare i fenomeni collettivi caratterizzati da rapidi cambiamenti e da una percezione diffusa di caos. Una lettura del tutto originale di quella che il padre della psicoanalisi Freud definiva "Psicopatologia delle Masse".

Enzo Bianchi "Il valore del celibato"

Immagine
La Repubblica    17 giugno 2024 di ENZO BIANCHI per gentile concessione dell’autore.  Papa Francesco in due recenti occasioni, parlando ai vescovi e riferendosi ai candidati all’ordine presbiterale, ha segnalato la possibilità del diffondersi nei seminari di alcune patologie.

Alessandro D’Avenia "Passare la maturità"

Immagine
Alessandro D’Avenia Corriere della Sera 17 giugno 2024 Il frutto maturo è «colto» perché possa nutrire. Siamo noi maturi? Quale frutto possiamo dare?

Evangelo secondo la comunità di Giovanni - I segni, l'ora, lo spirito

Immagine
Liberare l'uomo   Itinerario triennale in video-conferenza  sul VANGELO di GIOVANNI primo anno  accompagnati da  LIDIA MAGGI   LUCIANO LOCATELLI  ALESSANDRO BARBAN  ANNAMARIA CORALLO  ANTONIETTA POTENTE  MARCO VANNINI  MARCO CAMPEDELLI  PAOLO SCQUIZZATO   e con la partecipazione di  DEBORA RIENZI

Vittorino Andreoli «Lettera sull'amore»

Immagine
Lo psichiatra e scrittore pubblica «Lettera sull'amore» e avverte: «I più giovani vivono l'eros come una performance, è un rischio. Fare l'amore con la stessa persona per tutta la vita? Certo che si può, ecco come».

Paolo Crepet «Non siamo più in grado di ascoltare i nostri figli. L’intelligenza artificiale uccide le idee»

Immagine
intervista a Paolo Crepet   a cura  di  Fabio Gervasio  Orizzonte scuola 15 giugno 2024 Siamo ancora in grado di ascoltare e supportare i nostri giovani? Ne abbiamo parlato con Paolo Crepet , psichiatra e sociologo.

Commenti Vangelo 16 giugno 2024 XI Domenica del Tempo Ordinario

Immagine
Commenti Vangelo, omelie, lectio divine  16 giugno 2024  XI Domenica del Tempo Ordinario  rito romano e rito ambrosiano

Simona Segoloni "Non ragioniam di lor, ma guarda e passa"

Immagine
Simona Segoloni Il regno delle donne 12 giugno 2024 In queste ultime settimane i giornali, ma soprattutto i social media e le chat di ogni tipo, sono stati intasati da commenti sulle parole del papa (mi riferisco a quelle sulle persone omosessuali nei seminari o sulla non percorribilità del diaconato femminile cui si è fatto riferimento in un’intervista o sul fatto che le donne sarebbero portate per le chiacchiere e non per discorsi di contenuto).

Marinella Perroni «Il problema della chiesa è ancora la sessualità, i seminari vanno superati»

Immagine
Domani   2 giugno 2024 Le espressioni utilizzate dal papa durante l’incontro con i vescovi italiani sono «imperdonabili», certamente sbagliate, tuttavia bisogna tenere conto del fatto che c’è un contesto più ampio nel quale esse vanno collocate.

Leonardo Boff "Tempi apocalittici, i nostri?"

Immagine
Non sono apocalittico. Ad essere apocalittici sono i nostri tempi. L’accumulo di tragedie che accadono nella natura, le guerre di grande devastazione con il genocidio di migliaia di bambini innocenti, il collasso dell’etica, il soffocamento della decenza nelle relazioni politiche, l’asfissia dei valori umani fondamentali, l’ufficializzazione della menzogna nei mezzi di comunicazione virtuale, la dittatura della cultura materialista del capitale con il conseguente esilio della dimensione spirituale, insita nell’essere umano, ci inducono a pensare: sarà che i profeti biblici abbiano ragione quando scrivono di tempi apocalittici? Sappiamo esegeticamente che le profezie non pretendono anticipare le disgrazie future. Mirano a evidenziare le tendenze che, se non fermate, porteranno alle disgrazie annunciate.

Lidia Maggi "Ti vorrei con me, non come me"

Immagine
Lidia Maggi   Messaggero Cappuccino ,  giugno-luglio 2024 La sfida evangelica ed ecumenica del cercarsi senza annullarsi “L’unione fa la forza!” Così recita un noto proverbio. E chi di noi non sperimenta il vantaggio di essere e rimanere uniti rispetto alla situazione in cui ci si disperde, ognuno per sé?

Rosanna Virgili "La Sapienza e la Follia: i ritratti nel Libro dei Proverbi"

Immagine
Rosanna Virgili Roma Sette   12 Giugno 2024 A fronte di una cultura venata ancora di patriarcato che getta disprezzo sulle donne in molti ambiti umani e civili, si sta recentemente facendo strada anche una certa retro-retorica politica che vorrebbe le donne in quanto “femmine”, brave, degne di stima e, soprattutto, antitetiche ai modi di pensare e di fare degli uomini, migliori dei maschi. La realtà dei fatti consacra, però, una verità registrata anche nella Scrittura: che c’è, invece, donna e donna, persona e persona e non basta né il sesso né il genere per definire una differenza morale, intellettuale, culturale.

Gianfranco Ravasi "Le parole shock di Gesù / 14. Dare e avere"

Immagine
  Gianfranco Ravasi   L'Osservatore romano   8 giugno 2024  A chi ha sarà dato ma a chi non ha sarà tolto anche ciò che crede di avere  ( Luca, 8, 18 )

Enzo Bianchi "Stranieri nella chiesa"

Immagine
La Repubblica    10 giugno 2024 di ENZO BIANCHI per gentile concessione dell’autore.  Nella mia lunga appartenenza alla chiesa cattolica ho vissuto e ho cercato di vivere in mezzo al popolo di Dio, i semplici fedeli che tentano con grande fatica di essere cristiani, ma ho anche incontrato uomini e donne la cui vita interpellava e scuoteva chi li ascoltava e li frequentava.

Alessandro D’Avenia "Hanno rapito Europa"

Immagine
Alessandro D’Avenia Corriere della Sera 10 giugno 2024 Parlamento europeo: da dove vengono queste due parole? È una storia di sangue e sogni, come sempre la storia umana.

Commenti Vangelo 9 giugno 2024 X Domenica del Tempo Ordinario

Immagine
Commenti Vangelo, omelie, lectio divine  9 giugno 2024  X Domenica del Tempo Ordinario  rito romano e rito ambrosiano

La posso chiamare “padre”? Preconcetti patriarcali

Immagine
Tratto da:  Adista Documenti  n° 21 del 08/06/2024 È accaduto molti anni fa a una mia giovane collega. Qualcuno ha suonato alla porta dell’appartamento attiguo al locale di culto. Era una persona che chiedeva un aiuto economico. La pastora si è messa subito in ascolto dell’uomo, il quale, nel corso della conversazione, incerto sul come rivolgersi alla sua interlocutrice, le ha chiesto: «La posso chiamare padre?».

Massimo Recalcati "Il segreto dell’opera d’arte"

Immagine
Massimo Recalcati   Il segreto dell’opera d’arte   La Repubblica, 6 giugno 2024   Per un verso l’atto creativo somiglia a un taglio traumatico che separa l’artista dal mondo come già visto e già conosciuto. Si tratta di dare luogo a un altro mondo – il mondo dell’opera – rispetto a quello in cui siamo immersi.

Per una comunità viva e contemporanea: conversazione con Marinella Perroni

Immagine
Rocca  15 giugno 2024 a cura di Stefano Zecchi È una grande emozione essere accolto nel Pontificio Ateneo S. Anselmo di Roma, da Marinella Perroni , dove insegna Nuovo Testamento. Dottore in Filosofia e Dottore in Teologia è stata presidente del Coordinamento Teologhe Italiane (Cti). È una delle più importanti e ascoltata fra le teologhe italiane. Numerose sono le sue pubblicazioni in ambito neotestamentario. Dirige, con Stella Morra, la collana «Sui generis» per Effatà Editrice.

Ma noi chi siamo? Un popolo, una città, un tempio

Immagine
Incontri di "Fine Settimana" percorsi su fede e cultura Corso Biblico 2023-2024 MA NOI CHI SIAMO? UN POPOLO, UNA CITTÀ, UN TEMPIO relatori Lidia Maggi  e  Angelo Reginato

In memoria di Jürgen Moltmann

Immagine
di Fulvio Ferrario .  Professore di Teologia dogmatica  presso la Facoltà valdese di Teologia di Roma.  Con Jürgen Moltmann, deceduto lunedì 3 giugno, alla rispettabile età di 98 anni, scompare l’ultimo esponente della grande generazione teologica che ha dominato il secondo Novecento: Hans Küng, Johann Baptist Metz, Edward Schillebeeckx, Wolfhart Pannenberg, Eberhard Jüngel, Dorothee Sölle, tra gli altri. La specificità di Moltmann risiede forse nell’avere unito il prestigio dell’accademico di altissimo rango a una vasta popolarità anche al di fuori della cerchia strettamente teologica.

Enzo Bianchi "Ascoltare il silenzio"

Immagine
La Repubblica    3 giugno 2024 di ENZO BIANCHI per gentile concessione dell’autore.  Viviamo in una società rumorosa, siamo vittime addirittura dell’inquinamento sonoro e nel quotidiano siamo invasi dalle chiacchiere.

Alessandro D’Avenia "Kafkiano: segreto per non invecchiare."

Immagine
Alessandro D’Avenia Corriere della Sera 3 giugno 2024 La vita offre spesso gli indizi per risolvere un po' del suo mistero. La scorsa settimana ne ho ricevuti alcuni che forse fanno una prova.

Marinella Perroni "Dio benedisse il settimo giorno e lo consacrò"

Immagine
Siamo sempre stati convinti, forse, che le parole con cui si conclude il primo racconto della creazione contenuto nel libro della Genesi parlino del riposo di Dio: «Dio, nel settimo giorno, portò a compimento il lavoro che aveva fatto e cessò nel settimo giorno da ogni suo lavoro che aveva fatto. Dio benedisse il settimo giorno e lo consacrò, perché in esso aveva cessato da ogni lavoro che egli aveva fatto creando» (2,2-3). La logica c’è: dopo la fatica, viene il giusto riposo. Un diritto anche per Dio stesso.


Gli ultimi 20 articoli