Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2022

Sabino Chialà "Forme della sofferenza e forme della fede"

Immagine
1 febbraio 2022 Dal Vangelo secondo Marco - Mc 5,21-43 ( Lezionario di Bose ) In quel tempo  21 essendo Gesù passato di nuovo in barca all'altra riva, gli si radunò attorno molta folla ed egli stava lungo il mare.  22 E venne uno dei capi della sinagoga, di nome Giàiro, il quale, come lo vide, gli si gettò ai piedi  23 e lo supplicò con insistenza: «La mia figlioletta sta morendo: vieni a imporle le mani, perché sia salvata e viva».  24 Andò con lui. Molta folla lo seguiva e gli si stringeva intorno. 25 Ora una donna, che aveva perdite di sangue da dodici anni  26 e aveva molto sofferto per opera di molti medici, spendendo tutti i suoi averi senza alcun vantaggio, anzi piuttosto peggiorando,  27 udito parlare di Gesù, venne tra la folla e da dietro toccò il suo mantello.  28 Diceva infatti: «Se riuscirò anche solo a toccare le sue vesti, sarò salvata».  29 E subito le si fermò il flusso di sangue e sentì nel suo corpo che era guarita dal male. 30 E subito Gesù, essendosi reso con

Piero Capelli: Giobbe negli apocrifi e nel Midrash.

Immagine
bibbia aperta   associazione di cultura biblica  Padova, 2021-22  LA TENTAZIONE DI GIOBBE  «Viveva nella terra di Uz un uomo chiamato Giobbe, integro e retto, timorato di Dio e alieno dal male» (Gb 1,1) Giobbe negli apocrifi e nel midrash  PIERO CAPELLI Collegio Marianum, Via Giotto 33, Padova  Sabato 15 Gennaio 2022, ore 15.30 – 18.00 diapositive su:  Giobbe negli apocrifi e nel Midrash

Massimo Recalcati "Il peso della parola"

Immagine
Massimo Recalcati   Il peso della parola   La Repubblica, 31 gennaio 2022  Quanto possiamo imparare dalla tormentata elezione a presidente della Repubblica di Mattarella?  Innanzitutto a distinguere lo statuto della parola da quello della chiacchiera che il nostro tempo, invece, confonde colpevolmente. In questa confusione è certo che anche la politica ha le sue profonde responsabilità. Non si tratta di una distinzione banale. La filosofia e la psicoanalisi l’hanno ribadita anche sul piano categoriale.  La chiacchiera è senza peso, vuota, irresponsabile. Può mutare rapidamente direzione e contenuto senza che questo sollevi alcun problema. Il suo abito è aleatorio, la sua disposizione camaleontica, la sua volubilità senza consistenza la offre a farsi strumento di raggiro. Per questo la chiacchiera può essere tranquillamente priva di coerenza etica e logica.  La parola implica invece l’esistenza di un peso. Non assomiglia ad un vento che segue una direzione incerta, ma ad una lama che ta

Enzo Bianchi "La forza della sobrietà"

Immagine
La Repubblica - 31 gennaio 2022 di ENZO BIANCHI per gentile concessione dell’autore. Ci sono fatti, eventi, che turbano sempre chi ne viene a conoscenza, ma ce ne sono alcuni che perdono la loro capacità di scandalizzare, di provocare indignazione, di sollevare inquietudine e interrogativi nelle persone e nella società di oggi. In questi ultimi giorni l’ONU ha notificato che la popolazione mondiale ha raggiunto gli otto miliardi, e che di questa umanità quasi un miliardo soffre la fame e può conoscere soltanto una vita minacciata dalla morte a causa di carestie, guerre, violenze, disastri naturali. Ma accanto a questo dato bisogna accostarne un altro che rende ancora più scandalosa la situazione:  un terzo del cibo  prodotto sulla terra va perduto o viene sprecato e non arriva alla bocca degli affamati e sottoalimentati nelle diverse regioni del pianeta.   Certamente i cittadini ne sono diventati più consapevoli in questi ultimi decenni, nei quali questa produzione e questo spreco hann

Del vivere e del morire

Immagine
  I rapporti degli adulti con i bambini. Il diverso senso del tempo, le relazioni Tra i bambini e gli adulti può prendere forma, di nuovo, il tempo. Ma sono gli adulti che, anzitutto, devono apprendere. Devono impararle ad aspettare una risposta, invece che pretenderla immediatamente. Imparare a spiegare e spiegarsi ciò che si vuole davvero. E domandarsi se ciò è giusto o semplicemente dà gioia: le domande in questo caso valgono molto più delle risposte”. [1] Crescere in relazione con l’altro Tra bambini e adulti, se così si può  dire, si può imparare a pensare. La relazione educativa è sempre incontro,  è cercare e prendere forma del pensiero, è parola scambiata, è posizione via via assunta nel mondo.  Tutta l’attività di pensiero, che apre al gioco della libertà e della responsabilità, viene guadagnata è sviluppata nel proprio mondo della vita. E’ crescere in consapevolezze sul mondo e la vita, leggere e controllare le passioni, le risorse culturali o le condizioni economiche e socia

Rosanna Virgili "Una grande gioia"

Immagine
24 Gennaio 2022 Rosanna Virgili  per AlzogliOcchiversoilCielo “ Ricevi questo segno della nostra fede e cattedra della verità e della carità di Cristo, annuncialo con la vita, le azioni e la parola”: il segno è il crocifisso. Sentire queste parole di Francesco , domenica scorsa conferendo il ministero ai catechisti, ci ha riportato alle parole stesse di Gesù rivolte, anche da Lui, a uomini e donne, a persone giovani e anziane, a gente venuta da ogni dove, ed è davvero emozionante: sembra che il corso del tempo si disarticoli e si faccia un assoluto presente, immerso nella libertà dell’ escaton , di ciò che è, si trasforma e, unicamente, resta. Sì, perché “in principio” fu così, che Gesù “se ne andava per città e villaggi predicando e annunciando la buona notizia” e coinvolgendo in queste sue attività i Dodici ma anche le Tre donne – Maria di Magdala, Giovanna e Susanna – e i numerosi altri discepoli – Luca parla dei “Settantadue” - che si aggiungevano lungo il cammino. Quando Gesù si

Lidia Maggi e Angelo Reginato "Giacobbe e Esaù"

Immagine
  Corso Biblico 2021-2022 "IL SIGNORE È IN QUESTO LUOGO E IO NON LO SAPEVO" Dio nella storia dei padri e delle madri d'Israele (Genesi 12-50) relatori Lidia Maggi  e  Angelo Reginato Gli incontri si svolgono online sulla piattaforma Zoom. Coloro che desiderano ricevere le credenziali d'accesso sono invitati a scrivere a  gcmartini@finesettimana.org . Orario: ore 18.00 programma Cliccando sul titolo di un incontro viene visualizzata, se disponibile, la video-registrazione dell'incontro. Mercoledì 3 novembre 2021 Abramo e Sara Mercoledì 15 dicembre 2021 Isacco e Rebecca Mercoledì 19 gennaio 2022 Giacobbe e Esaù Mercoledì 16 febbraio 2022 Giacobbe Rachele e Lia Mercoledì 16 marzo 2022 Giuseppe e i suoi fratelli Mercoledì 20 aprile 2022 La fine di una Genesi

Il mio dialogo incessante con l’invisibile: intervista a Paolo Ricca

Immagine
Il mio dialogo incessante con l’invisibile: intervista a Paolo Ricca   a cura di Antonio Gnoli in “Robinson” – la Repubblica del 12 giugno 2021  Nel teatro di una vita ultraterrena Paolo Ricca – teologo, ministro della Chiesa valdese e curatore delle opere di Lutero – rappresenta il dubbio costruttivo. Nel non avere certezze risiede la sua forza. Vive a Roma e non è molto cambiato dall’ultima volta che ci siamo visti. Sono trascorsi alcuni anni. È solo un po’ più vecchio e ha faticato un po’ di più nel mettere insieme gli scritti di Lutero sulla guerra dei contadini. L’intransigente Martino menava duro su quella classe di poveri che, agli inizi del Cinquecento, i prìncipi espropriarono di quasi tutti i loro beni. Ho letto un paio di libri recenti di Ricca: i Sermoni (pubblicato da EDB) predicazioni, alcune molto belle, come quella dedicata a Giobbe e Domande di vita (edito da Claudiana), un testo nel quale affronta questioni teologiche sotto forma di dialogo. Sul tavolino che separa le

Ultimi articoli

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Enzo Bianchi "Dio, patria e famiglia": ecco perché quello slogan è una bestemmia

Commenti Vangelo 18 settembre 2022 XXV Domenica del Tempo ordinario

Alessandro D’Avenia "Riprendere e riprendersi"

Alessandro D’Avenia "Lo stile di cui abbiamo bisogno"

Alessandro D’Avenia "Cercasi vita eterna"

Commenti Vangelo 11 settembre 2022 XXIV Domenica del Tempo ordinario

Enzo Bianchi, Fabio Rosini "Commenti Vangelo 18 settembre 2022"