Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2021

Commenti Vangelo 24 gennaio 2021 III Domenica Tempo Ordinario

Immagine
Abbazia di Pulsano Alberto Maggi Alberto Simoni Alessandro Dehò Antonio Savone Associazione il Filo Augusto Fontana Clarisse Sant'Agata Comunità Kairòs Erio Castellucci Ermes Ronchi Ernesto Balducci Fabio Rosini Fernando Armellini Francesco Cosentino

Emanuele Borsotti "Abitare la vita"

Immagine
Emanuele Borsotti   Comunità di Bose   Lettera End Dicembre Febbraio 2021  Abitare è una parola che deriva dal verbo habére che in latino vuol dire: trattenere, occuparsi, possedere e, come forma intensiva frequentativa, continuare ad avere e quindi anche abitare in un luogo, cioè avere una abitudine con quello spazio, farsene quasi un abito, qualcosa che indossiamo e che aderisce radicalmente alla nostra persona. L’uomo è un abitatore di luoghi, di tempi, di storie, di memorie e fa di tutto questo universo il suo habitat, il suo abitare.

Enzo Bianchi "Se il vangelo si riduce a solo umanesimo"

Immagine
Vita Pastorale   Il Cristianesimo non fa che rinascere Gennaio 2021 di ENZO BIANCHI per gentile concessione dell'autore In questa rubrica, intitolata fin qui “Dove va la chiesa?”, per tre anni abbiamo cercato di fare opera di discernimento per poter leggere insieme alcuni nodi ecclesiali, dopo un’attenta riflessione e un confronto con altre voci teologiche. Questo avendo ben salda la convinzione che fosse e sia diventato urgente per la chiesa decentrarsi, per mettere al centro il Vangelo che è Gesù Cristo, il camminare insieme di tutti i battezzati con i pastori vivendo nel quotidiano la sinodalità e infine la scelta, sempre da rinnovarsi, di vivere nel mondo con la povertà che Cristo stesso ha vissuto. 

Fraternità: luogo di fedeltà al carisma e alla missione

Immagine
Assemblea annuale della-costellazione Uisg diRoma  che si è tenuta nelle mattinate dei giorni 12, 13, 14 gennaio 2021    “Fraternità: luogo di fedeltà al carisma e alla missione”    Programma  

Lidia Maggi e Angelo Reginato "L'umanità alla prova del limite. Adamo ed Eva tra Dio e il serpente"

Immagine
Associazione Culturale "don G. Giacomini" - Pallanza   Corso Biblico 2020-2021  ALLE RADICI DELL'UMANO   la sapienza del vivere nei primi racconti della Genesi relatori Lidia Maggi e Angelo Reginato   Orario: ore 17.15  gli incontri si svolgono online sulla piattaforma Google Meet

Massimo Recalcati "La scoperta della scuola"

Immagine
Massimo Recalcati   La scoperta della scuola   La Repubblica, lunedì 19 gennaio 2021  La riapertura della scuola non poteva avvenire in modo più contraddittorio e caotico. La stanchezza e lo sconforto di molti insegnanti, studenti e famiglie hanno spinto il governo a questa decisione la quale però resta non solo disattesa in alcune Regioni, ma non smette di suscitare reazioni divergenti.

Enzo Bianchi Commento Vangelo 24 gennaio 2021

Immagine
Commento al Vangelo della domenica e delle feste  di Enzo Bianchi fondatore di Bose Grandezza e miseria della vocazione 24 gennaio 2021 III domenica del tempo Ordinario, anno B

Rosanna Virgili "Spiragli" – Stiamo imparando a camminare nella luce di una scia di stelle

Immagine
Rosanna Virgili   Avvenire  sabato 2 gennaio 2021 Tra i riguardi raccomandati in questo tempo di pandemia, oltre all’uso della mascherina, c’è anche quello di aprire spesso le finestre. Si fa nelle scuole quando la frequenza è in presenza e, considerata la permanenza in un ambiente chiuso di più persone per l’intera mattinata, a ogni campanella scattano dieci minuti d’aria fresca. Forse non proprio piacevole nella stagione invernale, ma pur sempre gradita: uno spiraglio d’ossigeno per bocche e polmoni sottoposti a dura prova.  Anche i bambini capiscono, e approfittano di quell’attimo di libertà nonostante il loro corpo aneli a spazi sconfinati. Dice un proverbio romano: «Di poco si vive, di niente si muore».

Luigi Maria Epicoco "La speranza che qualcosa torni dal mare"

Immagine
Luigi Maria Epicoco ​  L'Osservatore Romano   14 gennaio 2021  Pubblichiamo un brano del libro «Telemaco non si sbagliava. O del perché la giovinezza non è una malattia» (San Paolo, 2018).  Telemaco rappresenta il figlio, anzi, è il figlio per eccellenza, nel senso che la sua storia si offre proprio come storia di un figlio, che concepisce se stesso a partire dall’assenza di un padre, dalla ricerca della relazione con un padre che non ha mai conosciuto.

Paolo Ricca "Un concilio per tutti i cristiani"

Immagine
LA PROPOSTA DEL PASTORE PAOLO RICCA : UN CONCILIO PER TUTTI I CRISTIANI  È la via che intravede l’autorevole teologo valdese per una «diversità riconciliata». Le Chiese dovrebbero uscire dal monologo dell’«io basto a me stessa» per stare come in un mosaico, tutte intorno al Signore. Ne parla in un'intervista rilasciata a Vittoria Prisciandaro sul numero di gennaio di Jesus che riproponiamo integralmente qui. 👇  Festeggerà i suoi 85 anni il 19 gennaio, proprio nel mezzo della Settimana ecumenica per l’unità dei cristiani. Paolo Ricca, teologo e pastore valdese, è una delle voci più autorevoli e brillanti del panorama ecumenico.

Gianfranco Ravasi "Con il linguaggio degli occhi"

Immagine
Gianfranco Ravasi​   L'Osservatore Romano   18 gennaio 2021  «Mio Signore, in cielo brillano le stelle, gli occhi degli innamorati si chiudono, ogni donna innamorata è sola con il suo amato, e io Signore, sono sola con te». 

Enzo Bianchi "Chi ascolta la paura"

Immagine
La Repubblica - 18 gennaio 2021 di ENZO BIANCHI per gentile concessione dell’autore. In tutta la mia vita, grazie a una severa educazione ricevuta riguardo al rapporto con gli altri, ho cercato di dare il primato all’ascolto, perché avevo compreso e ho sempre potuto verificare che l’ascolto degli uomini e delle donne, l’ascolto della coscienza attraverso la quale, per un credente, parla Dio, e l’ascolto di tutte le realtà, anche le più umili, dà ragioni per vivere in pienezza. 

Il Libro di Qohelet dalle cinque Meghillot

Immagine
16 Gennaio 2021, in diretta Facebook sulla pagina del Comune di Faenza  MIRIAM CAMERINI E LIDIA MAGGI    ‘Il Libro di Qohelet dalle cinque Meghillot’ XXXII Giornata per l’approfondimento e lo sviluppo del dialogo tra cattolici ed ebrei  Dialogo a due voci con Miriam Camerini e Lidia Maggi  Miriam Camerini regista teatrale e studiosa di ebraismo  Lidia Maggi pastora battista  A cura di Ecumenismo e Dialogo delle diocesi di Faenza Modigliana e Imola

Rosanna Virgili: "Trascinami con Te, corriamo!"

Immagine
17 gennaio 2021  Sermig - Arsenale della pace  Rosanna Virgili   "Trascinami con Te, corriamo!" (Ct 1,4)  Il coraggio vitale del desiderio

Massimo Recalcati "Allenati a leggere il dolore"

Immagine
Massimo Recalcati   L'Osservatore Romano   14 gennaio 2021  Pubblichiamo uno stralcio del libro «Il complesso di Telemaco. Genitori e figli dopo il tramonto del padre» (Feltrinelli, 2013).  

Lidia Maggi e Luciano Locatelli "L'annuncio del Regno che si fa vicino"

Immagine
DACCAPO. MARCO, L'EVANGELO DEI RIPETENTI Itinerario di conoscenza, lettura, confronto ed attualizzazione  in video-conferenza  sul VANGELO di MARCO 

Commenti Vangelo 17 gennaio 2021 II Domenica Tempo Ordinario

Immagine
Abbazia di Pulsano Alberto Maggi Alberto Simoni Alessandro Dehò Antonio Savone Associazione il Filo Augusto Fontana Clarisse Sant'Agata Comunità Kairòs Erio Castellucci Ermes Ronchi Ernesto Balducci Fabio Rosini Fernando Armellini Francesco Cosentino

Luca Mazzinghi "Il Qohelet: un saggio della Bibbia tra realismo e fede"

Immagine
di Luca Mazzinghi *  10 gennaio 2021  Il Qohelet fa parte di quel gruppo di libri biblici che chiamiamo “sapienziali”, assieme ai Proverbi, Giobbe, Siracide e Sapienza. Libri di carattere educativo, in realtà non molto letti, destinati ai giovani per aprire il cuore e la mente all’arte del vivere. La sapienza, per la Bibbia, non è una questione di nozioni da apprendere, ma di esperienza da mettere a frutto; un cammino di ricerca nel quale rientra anche la fede in un Dio che si fa cercare e trovare presente nel mondo. 

Il Magnificat raccontato dal cardinale Ravasi

Immagine
12 gennaio 2021 Il Cardinale Gianfranco Ravasi , Presidente del Pontificio Consiglio Cultura, è ospite nella puntata di Bel tempo si spera del 12 gennaio 2021.

Massimo Recalcati "L’intimità oscura tra capo e popolo"

Immagine
Massimo Recalcati   L’intimità oscura tra capo e popolo   La Repubblica,  martedì 12 gennaio 2021  La cifra psicologica più profonda di ogni populismo è quella dell’incesto. Non fa eccezione da questo punto di vista il populismo nazionalista-sovranista di Trump che riflette una concezione chiusa, esclusiva, incestuosa della relazione con il popolo.

Alberto Maggi "La Chiesa e l’attrazione per le dittature"

Immagine
L’ascesa al potere di molti dittatori, o aspiranti tali, non sarebbe potuta avvenire senza il supporto e l’avvallo, spesso entusiasta, di importanti esponenti della Chiesa…”: su ilLibraio la riflessione del biblista Alberto Maggi , dai vangeli alla storia recente  CHIESA APOSTATA   L’ascesa al potere di molti dittatori, o aspiranti tali, non sarebbe potuta avvenire senza il supporto e l’avallo, spesso entusiasta, di importanti esponenti della Chiesa.

Enzo Bianchi Commento Vangelo 17 gennaio 2021

Immagine
Commento al Vangelo della domenica e delle feste  di Enzo Bianchi fondatore di Bose Gesù ci chiede ancora: cosa cercate? 17 gennaio 2021 II domenica del tempo Ordinario, anno B

Motu Proprio. Così il Papa riconosce ruolo essenziale e servizio reso dalle donne

Immagine
Rosanna Virgili   Avvenire   martedì 12 gennaio 2021 «Vi sono diversi carismi ma uno è lo Spirito; vi sono diversi ministeri ma uno solo è il Signore», scrive Paolo nella Prima Lettera ai Corinti (12,4-5) e proprio nel nome dello Spirito, papa Francesco inizia il Motu Proprio pubblicato ieri «circa l’accesso delle donne ai ministeri del Lettorato e dell’Accolitato» (che modifica il primo paragrafo del canone 230 del Codice).

Lidia Maggi "Venite a me vi darò ristoro - La speranza"

Immagine
Unità Pastorale Arcella (Padova)  Passi Biblici  Tema: La Speranza (con l'approfondimento del Libro di Ester).  Relatrice Lidia Maggi   (Pastora della chiesa battista, impegnata nel dialogo ecumenico ed interreligioso attraverso il ministero di pastorato biblico itinerante).  11 gennaio 2021

«Abitare tempi fragili. La Sapienza di buone pratiche»

Immagine
Preti e laici possono formarsi insieme riflettendo di teologia. Perché la teologia non è una disciplina inaccessibile e riservata agli specialisti. È l’idea di fondo della Due giorni teologica. Promossa dall’Azione cattolica ambrosiana dal 2014, dallo scorso anno è organizzata anche con la Formazione permanente del clero della Diocesi e con il contributo ulteriore di Decapoli, un gruppo di persone che animano un laboratorio di formazione al “primo annuncio”. Per l’Ac se ne occupano il Gruppo teologico e il Gruppo pedagogico.  Quest’anno, il 5 gennaio 2021, il tema è di stringente attualità, «Abitare tempi fragili. La Sapienza di buone pratiche» , e prevede due relatori di primo piano: il pedagogista Ivo Lizzola , e il teologo Pierangelo Sequeri. 

Chiara Giaccardi e Mauro Magatti "SPERANZA Vogliamo davvero la «sicurezza»? Ma a muoverci è il saper rischiare"

Immagine
Chiara Giaccardi e Mauro Magatti   Avvenire   sabato 2 gennaio 2021  Nel gesto di cambiare il calendario c’è in questo esordio a lungo sospirato dell’anno nuovo qualcosa di ancor più simbolico del consueto: non solo il lasciarsi alle spalle mesi tribolati ma anche il desiderio – fortissimo – di aprirci al nuovo, consapevoli tuttavia che occorrerà altro tempo per scorgere veri segni di cambiamento. Sentiamo però intanto urgere alcune domande essenziali: cosa cerchiamo nel 2021? Di cosa si nutre la nostra fiducia che le cose andranno meglio? E prima di liberarcene del tutto, cosa ci ha insegnato il 2020? Servono punti fermi attorno ai quali costruire il «tempo nuovo» che comunque verrà. Abbiamo chiesto ad alcune firme care ai lettori di Avvenire di aiutarci a trovare parole portanti, come architravi affidabili. Eccole.

Enzo Bianchi "Una nuova arca ci salverà"

Immagine
La Repubblica - 11 gennaio 2021 di ENZO BIANCHI per gentile concessione dell’autore. In questi giorni di gennaio assistiamo a uno strano rito: in alcune chiese vengono portati gli animali domestici per essere benedetti e nelle campagne i preti vanno a benedire i buoi nelle stalle. In realtà tutti gli animali sono già benedetti dal Signore, ma questi antichi riti sono nutriti dalla pietà popolare.

Alberto Mello "Gesù tra i dottori"

Immagine
9 gennaio 2021  Dal Vangelo secondo Luca -  Lc 2,39-52 (Lezionario di Bose)  39Quando ebbero adempiuto ogni cosa secondo la legge del Signore, fecero ritorno in Galilea, alla loro città di Nàzaret. 40Il bambino cresceva e si fortificava, pieno di sapienza, e la grazia di Dio era su di lui. 41I suoi genitori si recavano ogni anno a Gerusalemme per la festa di Pasqua.

Enzo Bianchi "Speranza, la virtù preferita di Dio"

Immagine
Jesus - Bisaccia del mendicante  Gennaio 2021 di ENZO BIANCHI per gentile concessione dell’autore.  Abbiamo attraversato il tempo dell’Avvento, tempo di esercizio alla speranza, e ora celebriamo le venute epifaniche del Signore tra di noi, l’Immanu-El, il “Dio-con-noi”, fatto carne fragile e riconosciuto come dono che solo Dio poteva darci, da parte di pastori e sapienti pagani a Betlemme e dai figli di Israele al Giordano.

Commenti Vangelo 10 gennaio 2021 Battesimo del Signore

Immagine
Abbazia di Pulsano Alberto Maggi Alberto Simoni Alessandro Dehò Antonio Savone Associazione il Filo Augusto Fontana Clarisse Sant'Agata Erio Castellucci Ermes Ronchi Ernesto Balducci Fabio Rosini Fernando Armellini Francesco Cosentino

Renato De Zan "La paura nella Bibbia”.

Immagine
 

Adalberto Mainardi "Gesù, obbediente alle Scritture"

Immagine
8 gennaio 2021 Dal Vangelo secondo Matteo -  Mt 2,19-23 (Lezionario di Bose) 19Morto Erode, ecco, un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe in Egitto 20e gli disse: «Àlzati, prendi con te il bambino e sua madre e va' nella terra d'Israele; sono morti infatti quelli che cercavano di uccidere il bambino». 21Egli si alzò, prese il bambino e sua madre ed entrò nella terra d'Israele. 22Ma, quando venne a sapere che nella Giudea regnava Archelao al posto di suo padre Erode, ebbe paura di andarvi. Avvertito poi in sogno, si ritirò nella regione della Galilea 23e andò ad abitare in una città chiamata Nàzaret, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo dei profeti: «Sarà chiamato Nazareno»

Enzo Bianchi Commento Vangelo 10 gennaio 2021

Immagine
Commento al Vangelo della domenica e delle feste  di Enzo Bianchi fondatore di Bose Giovanni il battista immerge Gesù nelle acque del Giordano 10 gennaio 2021 Battesimo del Signore, anno B

Francesco Cosentino "I Magi. Una meditazione nella pandemia"

Immagine
Francesco Cosentino   Settimana News   5 gennaio 2021 Si è detto che la pandemia ha in qualche modo fermato la corsa del mondo e ci ha lasciati in un tempo sospeso.  Da una parte, una certa frenesia delle nostre attività quotidiane, con gli stimoli nervosi che le presiedono e le suscitano, ha subito una battuta d’arresto e si è dovute adeguare a un nuovo modo di abitare gli spazi e di vivere perfino le relazioni; dall’altra parte, guardiamo davanti a noi con occhi incerti, non riuscendo a proiettarci con serenità e con forza d’animo in un futuro che abbia i colori rosei della speranza, della rinascita, della ripartenza. Il tempo si è come fermato.

Enzo Bianchi “Epifania di oggi !”

Immagine
Quattro chiacchierate  con Enzo Bianchi   ➧1 dicembre: Alla ricerca del sé perduto   ➧9 dicembre: La comunità sociale ai tempi della pandemia   ➧15 Dicembre: “Fratelli tutti”, chiamati al cambiamento   ➧22 Dicembre: Il nuovo volto del Natale   Nuovo incontro: 3 gennaio 2021 Epifania di oggi !

Ermes Ronchi «Inciampare in una stella»

Immagine
Ermes Ronchi   5 gennaio 2021  La Voce dei Berici   intervista di Lauro Paoletto   «Inciampare in una stella, come i re magi e poi smarrirsi nel pulviscolo magico del deserto». È l’augurio di padre Ermes Ronchi per questo nuovo anno appena iniziato.

Luciano Floridi "L’agnosticismo scomodo e la sua speranza”

Immagine
Luciano Floridi  L’agnosticismo scomodo e la sua speranza   L'Osservatore Romano   4 gennaio 2021  Passiamo la vita adulta a schivare le domande più difficili, quelle che nascono come curiosità da bambini, e ci assalgono come dubbi quando siamo anziani.  Tra queste risalta la domanda sull’esistenza di Dio. È la più importante non solo a causa dell’argomento, ma anche perché la risposta è la prima tessera del domino rappresentato dalla nostra vita.

Enzo Bianchi Commento Vangelo 6 gennaio 2021

Immagine
Commento al Vangelo della domenica e delle feste  di Enzo Bianchi fondatore di Bose Gesù appena nato è riconosciuto dai Pagani 6 gennaio 2021 Epifania del Signore, anno B

Enzo Bianchi "La lezione dell’asino"

Immagine
La Repubblica - 4 gennaio 2021 di ENZO BIANCHI per gentile concessione dell’autore. In questo tempo di Natale presepi, immagini e dipinti ci mettono sotto gli occhi la grotta di Betlemme: un bambino appena nato, la madre e il padre, alcuni pastori giunti a contemplare il gioioso evento di una nascita, un bue e un asino presso la mangiatoia, quasi a scaldare in quella fredda notte Gesù in essa deposto in fasce.

Alessandra Smerilli "CURA. Sentirci bisognosi: così torna l'attenzione"

Immagine
Alessandra Smerilli   Avvenire   sabato 2 gennaio 2021  Nel gesto di cambiare il calendario c’è in questo esordio a lungo sospirato dell’anno nuovo qualcosa di ancor più simbolico del consueto: non solo il lasciarsi alle spalle mesi tribolati ma anche il desiderio – fortissimo – di aprirci al nuovo, consapevoli tuttavia che occorrerà altro tempo per scorgere veri segni di cambiamento. Sentiamo però intanto urgere alcune domande essenziali: cosa cerchiamo nel 2021? Di cosa si nutre la nostra fiducia che le cose andranno meglio? E prima di liberarcene del tutto, cosa ci ha insegnato il 2020? Servono punti fermi attorno ai quali costruire il «tempo nuovo» che comunque verrà. Abbiamo chiesto ad alcune firme care ai lettori di Avvenire di aiutarci a trovare parole portanti, come architravi affidabili. Eccole.

Lucia Vantini "Le disturbanti teologie delle donne"

Immagine
Siamo in un tempo di incertezza, non serve ricordarlo. Nell’ovvio, però, non tutto va da sé. Tra ciò che non possiamo dare per scontato c’è la nostra postura nel flusso degli eventi. Seppure muta, essa non smette di dare voce all’esperienza. Seppure non vista, essa continua a dare forma alla storia.  Seppure ignorata, essa insiste a generare saperi. Accade perciò che le parole e le pratiche si vanno trasformando in modo non sempre trasparente e condiviso: non sappiamo bene da dove vengano né tantomeno che effetto ci stiano facendo.  Uno dei punti d’osservazione di queste trasformazioni ruota attorno alla vita dei corpi e alle sue narrazioni. Le forme in cui sono regolate le distanze tra i corpi, infatti, producono sempre teorie, immaginari, discorsi e abitudini. Il Covid-19 ha toccato queste distanze, accorciate a volte fin troppo nelle case e dilatate al massimo nei luoghi di lavoro, nelle scuole, nei negozi, nelle piazze.

Commenti Vangelo 3 gennaio 2021 Seconda Domenica dopo Natale

Immagine
Abbazia di Pulsano Alberto Maggi Alberto Simoni Alessandro Dehò Antonio Savone Associazione il Filo Clarisse Sant'Agata Erio Castellucci Ermes Ronchi Ernesto Balducci Fabio Rosini Fernando Armellini Francesco Cosentino

Piero Stefani "Un grano di carità. Natale 2020"

Immagine
Il Regno Parole delle Religioni Un grano di carità. Natale 2020 Piero Stefani Una ventina di anni fa, sul New York Times apparve un articolo stando al quale le feste di dicembre venivano considerate fonte d’angoscia per molte coppie provenienti da tradizioni religiose diverse.(1) I due decenni trascorsi hanno probabilmente attenuato questo tipo di cruccio. I matrimoni caratterizzati da incroci di natura etnico-culturale-religiosa aumentano ovunque, mentre le coppie e i comportamenti queer diventano sempre meno marginali.

Sabino Chialà "Né per convenienza né per costrizione"

Immagine
2 gennaio 2021 Dal Vangelo secondo Matteo - Mt 19,9-12 (Lezionario di Bose) dal sito del Monastero di Bose In quel tempo, Gesù disse ad alcuni farisei: chiunque ripudia la propria moglie, se non in caso di unione illegittima, e ne sposa un'altra, commette adulterio». 10Gli dissero i suoi discepoli: «Se questa è la situazione dell'uomo rispetto alla donna, non conviene sposarsi». 11Egli rispose loro: «Non tutti capiscono questa parola, ma solo coloro ai quali è stato concesso. 12Infatti vi sono eunuchi che sono nati così dal grembo della madre, e ve ne sono altri che sono stati resi tali dagli uomini, e ve ne sono altri ancora che si sono resi tali per il regno dei cieli. Chi può capire, capisca».

Enzo Bianchi Commento Vangelo 3 gennaio 2021

Immagine
Commento al Vangelo della domenica e delle feste  di Enzo Bianchi fondatore di Bose La parola di Dio si è fatta carne 3 gennaio 2021 II domenica dopo Natale, anno B

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Massimo Recalcati "La paura dell’antidoto e il senso della comunità"

Enzo Bianchi "La lezione dell’asino"

Articoli casuali

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Enzo Bianchi "Chi ascolta la paura"

Massimo Recalcati "La scoperta della scuola"

Paolo Ricca "Un concilio per tutti i cristiani"