Enzo Bianchi "Chi ascolta la paura"

stampa la pagina
La Repubblica - 18 gennaio 2021
per gentile concessione dell’autore.

In tutta la mia vita, grazie a una severa educazione ricevuta riguardo al rapporto con gli altri, ho cercato di dare il primato all’ascolto, perché avevo compreso e ho sempre potuto verificare che l’ascolto degli uomini e delle donne, l’ascolto della coscienza attraverso la quale, per un credente, parla Dio, e l’ascolto di tutte le realtà, anche le più umili, dà ragioni per vivere in pienezza. 

"Ogni cosa ha una voce", scrive Paolo di Tarso: voce a volte tenue, come una brezza, un silenzio eloquente, ma ascoltabile se si apre non solo l’orecchio ma anche il cuore. Certamente c’è molto ascolto nella cella solitaria e silenziosa della propria solitudine, quando gli abissi e anche gli inferni che ci abitano nelle profondità fanno udire le loro grida, o quando i sentimenti di amore, armonia e pace danno a tutto l’essere, anima e corpo, la quiete. 

Non ho mai frequentato salotti ecclesiastici, intellettuali e tantomeno politici, ma soprattutto nell’ultimo decennio trovo molto tempo per passeggiare in campagna o in città, per "bighellonare" nei boschi, nelle colline e nei campi, senza una meta precisa, ma inoltrandomi su strade e sentieri che si presentano davanti a me e che scelgo con libertà. 

Questo mi consente gli incontri più diversi: vecchi e giovani, gente che va in giro, gente che lavora, persone che non mi conoscono, come io non conosco loro. Ascolto, parlo poco e cerco di imparare. 

E cosa ho imparato, in questo anno segnato dalla pandemia? Che la gente ha paura ed è disorientata. 
Ha paura per il contagio, diffida dell’incontro e del contatto con gli altri. Ha paura per la situazione di povertà in cui è venuta a trovarsi. Ha paura che non sia più possibile tornare a vivere liberi da questo incubo. Il tempo presente, segnato a intervalli dalla clausura e dalle altre misure per il contenimento del contagio, segnato dall’impossibilità di incontri, viaggi e relazioni, è sentito come un tempo non abitabile, morto, collocato tra un prima in cui c’era vita e un domani in cui forse tornerà a esserci. 

Ma nell’oggi questi mesi sono come tolti alla vita, soprattutto a chi è anziano e sente preziosi i suoi ultimi anni. E così il sentimento che più traspare è quello del disorientamento: sì, mancanza di un oriente, di un orizzonte. Non si riesce a capire, e ciò aumenta la paura, il senso di impotenza e anche di rabbia. Disorientamento dovuto a una confusione sulla dinamica della pandemia; disorientamento a causa dei politici che, anche in presenza di numerosi morti ogni giorno, continuano a mostrarsi arroganti e irresponsabili, senza una volontà di perseguire il "bene comune", neppure in una situazione tanto drammatica a livello economico e sociale. La gente è veramente disorientata e lo dice con rabbia, quasi sognando un’insurrezione che travolga questi imprenditori del nulla e dello sfacelo della polis. 

Quanti uomini e donne dicono, in forme più o meno esplicite: «Non ne possiamo più!». Possibile che non si ascolti questo grido?
stampa la pagina

Le novità dal nostro canale Youtube

Lettori fissi

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Enzo Bianchi "L’enigma del dolore"

Enzo Bianchi "Inizia la Quaresima"

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Enzo Bianchi "L’enigma del dolore"

Gianfranco Ravasi "Perché diciamo «Ego te absolvo»"

“Verso la Pasqua”: tre verbi e tre amici per attraversare il deserto