Sabino Chialà "Forme della sofferenza e forme della fede"

stampa la pagina

1 febbraio 2022

Dal Vangelo secondo Marco - Mc 5,21-43 (Lezionario di Bose)

In quel tempo 21essendo Gesù passato di nuovo in barca all'altra riva, gli si radunò attorno molta folla ed egli stava lungo il mare. 22E venne uno dei capi della sinagoga, di nome Giàiro, il quale, come lo vide, gli si gettò ai piedi 23e lo supplicò con insistenza: «La mia figlioletta sta morendo: vieni a imporle le mani, perché sia salvata e viva». 24Andò con lui. Molta folla lo seguiva e gli si stringeva intorno.
25Ora una donna, che aveva perdite di sangue da dodici anni 26e aveva molto sofferto per opera di molti medici, spendendo tutti i suoi averi senza alcun vantaggio, anzi piuttosto peggiorando, 27udito parlare di Gesù, venne tra la folla e da dietro toccò il suo mantello. 28Diceva infatti: «Se riuscirò anche solo a toccare le sue vesti, sarò salvata». 29E subito le si fermò il flusso di sangue e sentì nel suo corpo che era guarita dal male.
30E subito Gesù, essendosi reso conto della forza che era uscita da lui, si voltò alla folla dicendo: «Chi ha toccato le mie vesti?». 31I suoi discepoli gli dissero: «Tu vedi la folla che si stringe intorno a te e dici: «Chi mi ha toccato?»». 32Egli guardava attorno, per vedere colei che aveva fatto questo. 33E la donna, impaurita e tremante, sapendo ciò che le era accaduto, venne, gli si gettò davanti e gli disse tutta la verità. 34Ed egli le disse: «Figlia, la tua fede ti ha salvata. Va' in pace e sii guarita dal tuo male».
35Stava ancora parlando, quando dalla casa del capo della sinagoga vennero a dire: «Tua figlia è morta. Perché disturbi ancora il Maestro?». 36Ma Gesù, udito quanto dicevano, disse al capo della sinagoga: «Non temere, soltanto abbi fede!». 37E non permise a nessuno di seguirlo, fuorché a Pietro, Giacomo e Giovanni, fratello di Giacomo. 38Giunsero alla casa del capo della sinagoga ed egli vide trambusto e gente che piangeva e urlava forte. 39Entrato, disse loro: «Perché vi agitate e piangete? La bambina non è morta, ma dorme». 40E lo deridevano. Ma egli, cacciati tutti fuori, prese con sé il padre e la madre della bambina e quelli che erano con lui ed entrò dove era la bambina. 41Prese la mano della bambina e le disse: «Talità kum», che significa: «Fanciulla, io ti dico: àlzati!». 42E subito la fanciulla si alzò e camminava; aveva infatti dodici anni. Essi furono presi da grande stupore. 43E raccomandò loro con insistenza che nessuno venisse a saperlo e disse di darle da mangiare.


Due vicende di sofferenza incrociano i passi del rabbi di Nazaret: quella di una bambina di dodici anni in punto di morte, presentata a Gesù da suo padre, “uno dei capi della sinagoga di nome Giairo” (v. 22), e quella di una donna che “soffre di perdite di sangue da dodici anni”, che si avvicina a Gesù di soppiatto e ne tocca il mantello (v. 25). Due storie molto diverse che s’intrecciano e s’incastonano una nell’altra, in una narrazione che inizia con la fanciulla, prosegue con la donna, quindi torna ancora alla fanciulla. E poi c’è quel numero dodici che ricorre, non troppo casualmente, nelle due storie, che non può non sorprendere, se non altro per l’importanza che il narratore gli accorda, annotandolo. Un modo per dire che la sofferenza ha volti diversi, che inevitabilmente s’incrociano, rammentandoci che comune è la nostra esperienza di ferita e fragilità.

C’è poi un altro particolare che assimila le due storie, ed è quello della fede, che l’evangelista presenta come l’unica via per la quale il Maestro entra in quelle due vicende per immettervi la sua forza di guarigione. È la fede che Gesù riconosce nella donna che ha osato toccarlo: “Figlia, la tua fede ti ha salvata” (v. 34). È la fede in cui chiede a Giairo di perseverare, quando si sente dire che sua figlia è morta e che è ormai inutile continuare a importunare il Maestro: “Non temere, soltanto abbi fede!” (v. 36).

Una e molteplice è la sofferenza che avvilisce la vita di noi esseri umani, e che questa scena di storie incrociate vorrebbe indurci a considerare. Quel molteplice ci ricorda che non esiste solo la “mia” sofferenza. Quell’una, sta a indicare la solidarietà che l’umano soffrire dovrebbe indurci a considerare. Dodici anni di vita ora minacciata dalla morte o dodici anni di sofferenza che non sembra voler dare tregua… Storie diverse, che pure stringono in una solidarietà che, se riconosciuta, diventa essa stessa via di guarigione. Perché fa bene accorgersi che la sofferenza non è nostro monopolio esclusivo, e che la nostra non vale più di quella dell’altro. Per guarire, come in questa pagina evangelica, è necessario che le storie s’intreccino, che le fragilità si riconoscano.

C’è poi la fede che accomuna queste due storie e che rende possibile la guarigione. Una fede che anch’essa, come la sofferenza, si esprime in forme diverse. C’è la fede della donna che, ormai esasperata dai tanti tentativi falliti (v. 26), osa l’inaudito: lei, considerata impura per le perdite di sangue, osa toccare il rabbi, senza calcolare troppo le conseguenze. La sua fede è un grido e un tentativo estremo. E poi c’è la fede di Giairo, che chiede non per sé ma per la sua bambina, che va fiducioso da Gesù, ma che poi, davanti al precipitare degli eventi, vacilla e ha bisogno di essere incoraggiato. Una fede che qui non viene da chi è nel bisogno, perché chi ha bisogno a volte non ha neppure la forza di chiedere la guarigione. Viene invece da chi vede e sente anche sua quella sofferenza, mostrando come la fede agisce anche grazie alla solidarietà di una umanità che si fa carico del tutto.

Varie sono dunque le forme della sofferenza, che implorano guarigione, ma non troppo distanti da poter evitare di intrecciarsi. Varie sono le forme della fede, a volte anche maldestre, ma non troppo diverse tra loro, perché unico è il desiderio di vita che abita ogni essere umano.



dal sito del Monastero di Bose

stampa la pagina

Ultimi articoli

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Commenti Vangelo 8 maggio 2022 Quarta Domenica di Pasqua

Carlo Maria Martini "Terrorismo, ritorsione, legittima difesa, guerra e pace"

Enzo Bianchi "I vescovi italiani e la crisi della fede"

Commenti Vangelo 22 maggio 2022 Sesta Domenica di Pasqua

Enzo Bianchi, Fabio Rosini, Ludwig Monti "Commenti Vangelo Primo maggio 2022"

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Enzo Bianchi "I vescovi italiani e la crisi della fede"

Commenti Vangelo 22 maggio 2022 Sesta Domenica di Pasqua

Alessandro D’Avenia "Alieni & Ufo"

Dietrich Bonhoeffer: trovare Dio in ciò che conosciamo

Gemma Calabresi: «Volevo vendicarmi ma Dio mi ha condotto sulla strada del perdono».