Commenti Vangelo 7 marzo 2021 III Domenica di Quaresima

stampa la pagina
  1. Abbazia di Pulsano
  2. Alberto Maggi
  3. Alberto Simoni
  4. Alessandro Dehò
  5. Antonio Savone
  6. Associazione il Filo
  7. Augusto Fontana
  8. Clarisse Sant'Agata
  9. Comunità Kairòs
  10. Erio Castellucci
  11. Ermes Ronchi
  12. Ernesto Balducci
  13. Fabio Rosini
  14. Fernando Armellini
  15. Francesco Cosentino
  16. Gaetano Piccolo
  17. Giulio Michelini
  18. Giuliva Di Berardino
  19. Luca Pedroli
  20. Luciano Manicardi
  21. Luigi Verdi
  22. Matías Augé
  23. Meditare la Parola
  24. Monastero Bose (Elisa)
  25. Monastero Dumenza
  26. Paolo Curtaz
  27. Paolo Scquizzato
  28. Simona Segoloni
  29. Rito ambrosiano: Angelo Casati
  30. Rito ambrosiano: Marco Bove
  31. Rito ambrosiano: Paolo Alliata
  32. Rito ambrosiano: Qumran2


TERZA  DOMENICA  DI  QUARESIMA

Vangelo: Gv 2, 13-25

L'evangelista Giovanni colloca l'episodio della cacciata dei venditori dal tempio nelle prime pagine del suo vangelo. I sinottici invece inseriscono lo stesso racconto nella parte finale del ministero di Gesù a Gerusalemme, subito dopo il suo ingresso la domenica delle palme. Siamo comunque in un contesto pre-pasquale, con molta gente salita al tempio per solennizzare l'importante festa dei Giudei. Gesù tuttavia condanna la sete di denaro e l'ipocrisia che stava sempre più trasformando l'atto di culto con qualcosa di ben diverso, dal forte sapore di venale esteriorità. Le monete con l'effigie di Cesare non potevano essere versate perchè ritenute idolatriche per cui il tempio coniava proprie monete ed ecco la necessità dei cambiavalute, tollerati dai sacerdoti anche perchè questa operazione portava molta ricchezza al tesoro del tempio. Purtroppo l'attività di questi “esattori” di una tassa pur relativa al culto sacro aveva completamente stravolto il suo stesso significato originario riducendo lo stesso tempio a luogo dove mercanteggiare per ottenere sempre maggiori e illeciti vantaggi. Inoltre vi si svolgeva un vero e proprio mercato di bestiame sul quale i venditori lucravano. Gesù riconosce in molte occasioni come la rigida osservanza della legge porti in sé il grave rischio di allontanarsi dalla vera fede in Dio e anche qui scorge i frutti di un culto che non porta ad agire per amore, bensì per uno scrupoloso adempimento di norme affastellate l'una sull'altra, senza anima né cuore. Tante volte Gesù è stato criticato per aver guarito malati in giorno di sabato e questi venditori che disordinatamente esercitano un mestiere diventato per lo più poco onesto, si possono annoverare tra quei Giudei che, credendo di essere a posto con la coscienza, non aspiravano ad un progresso spirituale ma solo ad un incremento smodato del loro profitto.

Gesù, preso da una ben motivata ira, caccia dal tempio venditori e cambiavalute con una rudimentale sferza di cordicelle annodate e con loro manda fuori gli animali, getta a terra denaro, bancarelle e quanto era di contorno all'indegno mercato in luogo sacro. “Lo zelo per la tua casa mi divora”, così  già le parole del salmo 68 qui citato sembrano anticipare il gesto odierno di Gesù che velatamente annuncia ai discepoli l'avvento di un nuovo culto, quello del cuore e non del tempio.

Qui, nella confusione di una casa di Dio trasformata in una “spelonca di ladri” (Mt 21, 13), Gesù si pone come vero tempio e lo dirà nelle pagine successive dello stesso vangelo (Gv 4,23) nel colloquio con la samaritana. Ci sarà un grande cambiamento nel modo di rapportarsi con Dio: in dialogo con Lui l'uomo potrà recuperare quell'autenticità che gli deriva dal porsi in relazione con Lui “in spirito e verità”. Le mura costruite dall'uomo potranno anche crollare, come il tempio, che sarà tra non molto distrutto. Ma il Signore resterà.

Un flash da conservare

Il vangelo esalta quasi sempre le persone pazienti, umili, pronte a perdonare. Anche a  noi piacciono quelli che non si innervosiscono, che aiutano, che vedono sempre il lato buono delle cose. Ma l'episodio di oggi ci sorprende. Gesù ci appare tanto diverso dal solito. Questa pagina rivela che “quando ci vuole ci vuole”! Anche una sgridata dei genitori talvolta ci vuole. E per di più, se ci accorgiamo che la sgridata è meritata non ce la prendiamo con chi ci rimprovera perchè capiamo che ha ragione. Mitezza, pazienza, perdono, sono valori cristiani essenziali. Allo stesso modo la giustizia, quella che mette le cose al loro posto, è necessaria e preziosa, anche se deve servirsi di toni duri, sull'esempio di Gesù.

 

                                                                                                               Paola  Radif

stampa la pagina

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Enzo Bianchi" La sofferenza rende cattivi. Ho comprensione per l’eutanasia"

Chiara Giaccardi "Il profilo della Carrà. Nell'arte di Raffaella il volto di chi sa essere accogliente"

Enzo Bianchi "Il compito dell’insegnante"

Enzo Bianchi "Una grave crisi aleggia sulla Chiesa"

Lettori fissi

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Intervista con Timothy Radcliffe: CRISTIANI, TORNATE A RISCHIARE TUTTO

Enzo Bianchi "Fare niente per sentirsi vivi"

Luigi Maria Epicoco "Non di solo fare vivrà l’uomo"