Clicca


A ConverseRai "L'arte di essere Prof". Alessandro D'Avenia racconta la scuola di oggi

stampa la pagina

«Pensiamo ancora che nel 2023 la struttura di una classe debba essere quella di fine 800, con i corpi costretti dietro un banco per cinque ore?” 
Lo dice Alessandro D’Avenia, insegnante e scrittore e protagonista della nuova puntata di “ConverseRai”, il programma della Direzione Contenuti Digitali sull’inclusione, disponibile su RaiPlay da lunedì 6 febbraio. 
Nel programma, D’Avenia parla con entusiasmo l’essenza della gioventù: «abbiamo trasformato la scuola da un luogo di presenze in un luogo di prestazioni. Non ci interessano i destini dei ragazzi, ci interessa addestrarli a fare degli esami. Mentre la conoscenza dovrebbe essere il luogo in cui si umanizza la vita, proprio perché non ti viene richiesto niente».
Secondo il protagonista della puntata, la letteratura è la disciplina in cui un giovane impara a costruire le domande sulla vita e stimola curiosità e conoscenza, soprattutto in un momento in cui il linguaggio sembra perdere la sua forma, molteplice e ricca: «il mondo si configura nella misura in cui abbiamo le parole per dirlo. Quello che vedo, invece, è un impoverimento del linguaggio: si legge di meno; e, diminuendo il lessico, diminuisce il mondo. Quando sento che oggi chiamiamo le persone risorse umane, penso che siamo tutti impazziti. L'umano non è una risorsa: è qualche cosa che deve fiorire». 

Un insegnante che mangia in classe i "panini del futuro". Così Alessandro D'Avenia definisce i momenti di pausa che condivide con gli studenti dell'ultimo anno per parlare anche dei loro sogni e delle loro aspirazioni. Quello che serve ai nostri ragazzi è ascoltare sé stessi mentre raccontano cosa vogliono fare, e il compito dell'insegnante è fare solo da specchio. A ConverseRai, Alessandro D'Avenia, scrittore, insegnante e sceneggiatore. Un viaggio intellettuale e spirituale per conoscere veramente la magia dell'insegnamento, quando incontra il mondo così variegato e intenso degli adolescenti: ragazzi che vanno accompagnati negli interrogativi anziché tempestati di interrogazioni e di "deportazioni" nei luoghi della cultura. Un'intervista che dà nuova linfa al significato delle parole, alla forza del pensare e del dubitare. Un incontro che vuole indicare delle alternative a una società che cerca di normalizzare le crisi, di eliminare il dolore dell'essere umano che si chiede quale sia il senso del suo stare qui. E l'adolescente è la persona che più di tutti si interroga su questo. 

  Guarda il video

stampa la pagina



Gli ultimi 20 articoli