Commenti Vangelo 23 dicembre 2018 Quarta Avvento

stampa la pagina
  1. Abbazia Pulsano
  2. Alberto Maggi
  3. Antonio Savone
  4. Associazione il Filo
  5. Augusto Fontana
  6. Clarisse Sant'Agata
  7. Claudio Doglio
  8. Comunità Kairòs
  9. Ermes Ronchi
  10. Ernesto Balducci
  11. Fabio Rosini
  12. Fernando Armellini
  13. Gaetano Piccolo
  14. Giulio Michelini
  15. José María Castillo
  16. Matías Augé
  17. Meditare la Parola
  18. Monastero Dumenza
  19. Paolo Scquizzato
  20. Rito ambrosiano: Angelo Casati
  21. Rito ambrosiano: Walter Magni
  22. Rito ambrosiano: Qumran2

VIVERE L'AVVENTO
Ciclo liturgico C
Quarta Domenica
Vangelo: Lc 1, 39-48

Siamo ormai in prossimità del Natale: questi giorni di Avvento sono volati. Sulle orme di chi ha preparato la venuta del Messia anche noi abbiamo provato a incamminarci. La grotta di Betlemme è là, davanti a noi: ci aspetta con il suo messaggio universale, sempre nuovo, valido ad ogni latitudine. In questa domenica per incontrare il bambino Gesù ci lasciamo dare qualche indicazione da Maria, che ha saputo in cuor suo come fare per vivere in totale adesione al disegno di Dio. Lei non ha forzato gli eventi, non ha scelto le tappe della sua vita: ha solo scelto di camminare nella piena volontà del Signore. Ed è quello che si richiede ad ogni seguace di Gesù.
Il vangelo di oggi presenta un episodio che pone in evidenza due donne: entrambe grate a Dio per il dono della maternità, due mamme per le quali la nascita imminente segnerà un'importante svolta. Maria, ricevuto l'annuncio dell'angelo, non si è soffermata troppo sull'eccezionalità dell'evento ma si è ben presto affrettata in aiuto alla cugina Elisabetta, già avanti negli anni, forse confusa di fronte a una tale, inattesa, prospettiva, e anche un po' timorosa di mostrarsi in pubblico...Maria è la carità che si fa pellegrina tra i monti della Giudea, a dorso di asino, lei, giovane, con una vita nascente racchiusa in sé.
Dunque, il confronto qui è tra due donne. Nessun altro sembra parteciparvi: né Giuseppe, alle prese coi suoi dubbi, né Zaccaria, reso muto per la sua incredulità. Ma c'è qualcun altro presente all'incontro: sono i due bambini, che si riconoscono per la prima volta. Giovanni sussulta perché qui si annuncia il suo ruolo di precursore, quello che ha accompagnato anche noi attraverso le domeniche di Avvento.
Per i nostri ragazzi forse il brano di oggi può non risultare a prima vista incisivo, né particolarmente interessante. Tuttavia proviamo a coinvolgerli, tratteggiando con loro la figura di Maria, cercando di scoprire insieme le linee che definiscono il suo modo di agire. Incominciando dall'annunciazione: disponibilità alla volontà di Dio, umiltà, silenzio, nessuna “pubblicità” sul grande evento che la vede protagonista e poi l'immediata decisione di portare conforto e sostegno alla cugina Elisabetta, nessun timore di fronte alla fatica, alla stanchezza, al disagio di un viaggio lungo molti chilometri. Col tempo le sue virtù cresceranno sempre più: incomprensioni, difficoltà, pericoli, sofferenze saranno tutte accettate silenziosamente; il vangelo infatti non riferisce neppure una parola di sconforto o lamento attribuita a Maria. E' uno stile di vita, questo, che conserva una sua intramontabile freschezza e può ancora parlare ai giovani.

Paola Radif
pubblicato su Il Cittadino (Diocesi di Genova) del 23 dicembre 2018

Articoli correlati Enzo Bianchi 23 dicembre 2018 Quarta Avvento
stampa la pagina

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Enzo Bianchi" La sofferenza rende cattivi. Ho comprensione per l’eutanasia"

Chiara Giaccardi "Il profilo della Carrà. Nell'arte di Raffaella il volto di chi sa essere accogliente"

Enzo Bianchi "Il compito dell’insegnante"

Enzo Bianchi "Una grave crisi aleggia sulla Chiesa"

Lettori fissi

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Intervista con Timothy Radcliffe: CRISTIANI, TORNATE A RISCHIARE TUTTO

Enzo Bianchi "Fare niente per sentirsi vivi"

Luigi Maria Epicoco "Non di solo fare vivrà l’uomo"