Commenti Vangelo 16 dicembre 2018 Terza Avvento

stampa la pagina
  1. Abbazia Pulsano
  2. Alberto Maggi
  3. Antonio Savone
  4. Associazione il Filo
  5. Augusto Fontana
  6. Clarisse Sant'Agata
  7. Claudio Doglio
  8. Comunità Kairòs
  9. Ermes Ronchi
  10. Ernesto Balducci
  11. Fabio Rosini
  12. Fernando Armellini
  13. Gaetano Piccolo
  14. Giulio Michelini
  15. José María Castillo
  16. Matías Augé
  17. Meditare la Parola
  18. Monastero Dumenza
  19. Paolo Scquizzato
  20. Rito ambrosiano: Angelo Casati
  21. Rito ambrosiano: Walter Magni
  22. Rito ambrosiano: Qumran2

VIVERE L'AVVENTO
Ciclo liturgico C
Terza Domenica
Vangelo: Lc 3, 10-18

Anche in questa terza domenica di Avvento è protagonista Giovanni Battista: protagonista per modo di dire, perché, come si legge nella seconda parte del vangelo, egli altro non è che un annunciatore di Colui che verrà e che è ben più grande.
Nel disegno di Dio, tuttavia, è molto importante l'opera del Battista, chiamato ad essere precursore del Messia fin dalle parole che suo padre Zaccaria pronunciò alla sua nascita, nel “Benedictus”: “E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell'Altissimo perché andrai innanzi al Signore a preparargli le strade”. La fama di quest'uomo, apparentemente rozzo, essenziale nelle vesti e nello stile di vita, si è ormai diffusa e tanti lo cercano. Avvertono in lui un'autorevolezza che gli deriva dalla Verità che annuncia. Prima sono i singoli in gran numero che corrono da lui per cambiare vita e ricevere il battesimo di penitenza, un gesto che li colloca in una nuova prospettiva di totale conversione. Ora, invece, troviamo, per così dire, delle “delegazioni”, categorie che chiedono una parola nuova, soprattutto indicazioni concrete: “Che cosa dobbiamo fare?”. Le folle, i pubblicani, i soldati: tutti costoro sentono la forza convincente di Giovanni che non ha dalla sua né la legge, come i giudei, né le armi, come i soldati, né le ricchezze come i pubblicani: eppure, nonostante ciò, anzi proprio a motivo di questo, è convincente. Convince, perché è libero. “La verità vi farà liberi” dirà Gesù e di questo si tratta. La seconda parte, come si diceva, annuncia il Messia. L'umiltà di Giovanni lo identifica pienamente col suo ruolo, che si realizza in un graduale diminuire per far emergere il vero protagonista. Come scrive S.Gregorio Nazianzeno: “Dopo la prima incerta luce del Precursore, viene la Luce stessa, che è tutto fulgore. Dopo la voce, viene la Parola, dopo l'amico dello Sposo, viene lo Sposo stesso”:
Ai ragazzi c'è molto da dire su questo vangelo. Ad esempio, possiamo chiedere, a loro parere, che cosa affascinava la gente al punto da far lasciare ogni cosa per andare da lui. In Giovanni spicca la coerenza. Di fronte a un Dio che abbandona i cieli per amore dell'uomo e si fa bambino, con tutto quello che l'Incarnazione ha portato con sé in fatto di sofferenze e umiliazioni, fino alla Croce e oltre, egli non esita a lasciare tutto: ne vale la pena. Ecco, allora, che cosa intuivano i contemporanei di Giovanni: che valeva la pena fare come faceva lui.

Paola Radif
pubblicato su Il Cittadino (Diocesi di Genova) del 16 dicembre 2018

Articoli correlati Enzo Bianchi 16 dicembre 2018 Terza Avvento
stampa la pagina

Ultimi articoli

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Il cardinale Matteo Zuppi: «Cambiamo il mondo»

Derio Olivero "Chi sono questi, vestiti così strani?”

Alessandro D’Avenia "Fare a pezzi le donne"

Enzo Bianchi "Il papa emerito non è in clausura"

Vito Mancuso "L’arte di vivere da esseri umani"

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Enzo Bianchi, Fabio Rosini "Commenti Vangelo 14 agosto 2022"

Luigi Maria Epicoco "Il dialetto femminile di Maria"

Commenti Vangelo 14 agosto 2022 XX Domenica del Tempo ordinario

Zuppi: riaprire ora vita e speranza. Disincanto, valori e scelte forti

Enzo Bianchi "Ferragosto e le nostre domande sull'aldilà"