Commenti Vangelo 28 marzo 2021 Domenica delle Palme

stampa la pagina
  1. Abbazia di Pulsano
  2. Alberto Maggi
  3. Alberto Simoni
  4. Alessandro Dehò
  5. Antonio Savone
  6. Associazione il Filo
  7. Clarisse Sant'Agata
  8. Erio Castellucci
  9. Ermes Ronchi
  10. Fabio Rosini
  11. Fernando Armellini
  12. Francesco Cosentino
  13. Gaetano Piccolo
  14. Giulio Michelini
  15. Giuliva Di Berardino
  16. José María Castillo
  17. Luca Pedroli
  18. Luciano Manicardi
  19. Luigi Verdi
  20. Matías Augé
  21. Meditare la Parola
  22. Monastero Dumenza
  23. Paolo Curtaz
  24. Paolo Scquizzato
  25. Ricardo Perez Marquez
  26. Simona Segoloni
  27. Rito ambrosiano: Angelo Casati
  28. Rito ambrosiano: Gesuiti di Milano
  29. Rito ambrosiano: Marco Bove
  30. Rito ambrosiano: Paolo Alliata
  31. Rito ambrosiano: Qumran2


DOMENICA  DELLE  PALME

Se il cammino quaresimale è tutto un percorso di avvicinamento alla Pasqua, la domenica delle palme colloca con maggiore incisività nel cuore del mistero su cui la Pasqua dirà la parola definitiva. In questa domenica a prima vista colpisce un contrasto stridente tra la parte iniziale della liturgia che celebra l'ingresso di Gesù a Gerusalemme in un clima di generale esultanza e la parte seguente con la lettura del Passio, nella versione di Marco, a ripercorrere il cammino verso il Calvario fino alla crocifissione, sulla quale cala la pietra del sepolcro. Bisognerà attendere la Pasqua per gioire di fronte alla resurrezione

Dunque, Gesù è accolto, tra ali di popolo in festa. E poi? Cosa resta di questi istanti? La Croce issata sul Golgota. E, durante i pochi giorni che corrono tra un evento e l'altro, incomprensioni, sofferenza, tradimenti: un calvario, già prima del Calvario.

E' sconcertante constatare come l'animo umano possa essere volubile, facile a contraddizioni. Dall'entusiasmo al tradimento il passo può essere anche breve quando per rincorrere la propria egocentrica verità ci si lascia sfuggire il riferimento certo alla Verità che non è mutevole e dunque non riserva sorprese. Trasportati dalle letture di oggi possiamo provare a diventarne invisibili comparse per vivere con maggior coinvolgimento una vicenda che non è solo rievocazione ma premessa della nostra stessa redenzione. Ecco, allora, che si presenta viva ai nostri occhi l'immagine di un messia che ha come segno distintivo una cavalcatura modesta, un asinello di cui già Zaccaria aveva profetizzato:  “Esulta grandemente, figlia di Sion. Ecco a te viene il tuo re. Egli è giusto e vittorioso, umile, cavalca un asino”(Zc 9,9). E' bello vedere l'intraprendenza semplice e tuttavia festosa di chi stende mantelli e taglia rami per sventolarli, anche se queste stesse foglie non hanno avuto il tempo di appassire, che già tirava un'aria tanto diversa. Il re, il Messia che Israele da secoli attendeva, ora non era più atteso perchè regnasse ma era cercato per essere cancellato da quello scenario. D'ora in poi, l'atmosfera si fa ostile, cupa. Domina il sospetto, una cospirazione sottile serpeggia fino a far trionfare l'ora delle tenebre. Sulle alture di Gerusalemme c'è un luogo, detto Monte del Cattivo Consiglio, dove viene idealmente collocato il complotto riferito da Giovanni, quando Caifa dirà: “Meglio che muoia un solo uomo per il popolo e non perisca la nazione intera” (Gv 11,50). Queste le ragioni del sinedrio... In quel momento scatta il piano di Satana, che entra nelle menti, s'insinua nei cuori. Non di tutti, però. C'è chi continua a credere e a sperare.

La domenica delle palme sembra, dapprima, proclamare la regalità di Gesù, poi però gli eventi portano in un'altra direzione, ma questa gloria solo preannunciata esploderà manifestandosi pienamente solo dopo il passaggio attraverso la croce. E sarà la vittoria finale che chiama tutto il popolo di Dio a farne parte.                            

                                                                                         Paola  Radif

stampa la pagina

Lettori fissi

Le novità dal nostro canale Youtube