Enzo Bianchi "La lezione dell’asino"

stampa la pagina
La Repubblica - 4 gennaio 2021
per gentile concessione dell’autore.

In questo tempo di Natale presepi, immagini e dipinti ci mettono sotto gli occhi la grotta di Betlemme: un bambino appena nato, la madre e il padre, alcuni pastori giunti a contemplare il gioioso evento di una nascita, un bue e un asino presso la mangiatoia, quasi a scaldare in quella fredda notte Gesù in essa deposto in fasce. 
La presenza del bue e dell’asino, attestata dal Vangelo dello pseudo Matteo, è sempre stata per me molto significativa, forse perché ho vissuto fino alla giovinezza in un paese di contadini e in un tempo, il Dopoguerra, in cui la stalla era il luogo abituale per restare al caldo e passare la serata — per “vegliare”, si diceva — insieme a vicini e amici. Ma se il bue non mi ispirava, l’asino invece, più raro nella mia terra, mi incuriosiva e suscitava in me simpatia. Soprattutto mi colpiva che il termine “asino”, o “somaro”, fosse allora un insulto lanciato dai maestri nei confronti degli alunni e presente nel linguaggio comune con sfumatura offensiva: dare a qualcuno dell’asino significava ritenerlo stupido, zotico, ignorante. Non capivo perché quel povero animale fosse un simbolo negativo: se era collocato nella grotta di Betlemme, non significava forse che aveva riconosciuto il suo Signore a differenza di tanti sapienti? Scoprii poi che fin dall’antichità l’asino era stato poco apprezzato e che già Cicerone insultava i suoi avversari con tale appellativo. Venni a conoscere che nella Bibbia si parlava di un asino, quello del profeta Balaam, capace di ascoltare il Signore e di operare un discernimento visionario, mentre il suo padrone, profeta di mestiere, restava sordo e cieco: fatto non solo straordinario ma anche istruttivo! 
Fin da allora, quando ne avevo la possibilità, mi avvicinavo a un asino, stavo con lui per accarezzarlo e ammirare la sua dolcezza, mansuetudine e umiltà. L’asino è un animale paziente, sa portare pesi e sopportare i maltrattamenti di padroni insipienti e violenti. Così l’asino diventò, dopo il mio cane, l’animale a me più amico. 
Un giorno, quando ormai insegnavo alla scuola media di Ivrea, durante la sagra degli asini decisi di comprarne uno e me lo portai a piedi fino a casa, alla comunità. Fu uno scandalo per molti vedere il professore che attraversava la città conducendo un asino… Lo chiamai Balaam e diventammo amici. La consuetudine con lui mi permise di conoscere le sue virtù, che mi erano di lezione e ammonizione. Quando andavo per i campi mi seguiva e, se udiva la mia voce, mi chiamava dalla stalla, e quando mi vedeva dopo una lunga assenza ragliava di gioia. Era per me simbolo della dotta ignoranza, con grandi orecchie per ascoltare, occhi miti per vedere, un passo lento e calmo ma saldo, una livrea umile da “eminenza grigia”, come a volte mi divertivo a chiamarlo. Una mattina della domenica delle Palme Balaam emise un lungo raglio e corremmo a vedere, ma lui, cadendo a terra, spirò. Da allora mi piace rivederlo ogni Natale nella grotta accanto al messia, sapendo che al messia piace venire su un asino.
stampa la pagina

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Enzo Bianchi "Le parole giuste del Natale diverso"

Massimo Recalcati "La paura dell’antidoto e il senso della comunità"

Articoli casuali

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Alberto Maggi "La Chiesa e l’attrazione per le dittature"

Luca Mazzinghi "Il Qohelet: un saggio della Bibbia tra realismo e fede"