"La scommessa cattolica": Magatti, Giaccardi, Calabresi, Carrón, e Recalcati

stampa la pagina
In Auditorium San Fedele, è stato presentato il 10 ottobre 2019 il libro "La scommessa cattolica. C'è ancora un nesso tra il destino delle nostre società e le vicende del cristianesimo?", di Chiara Giaccardi e Mauro Magatti (Il Mulino). Con gli autori sono intervenuti Mario Calabresi, Julián Carrón e Massimo Recalcati.

Mauro Magatti e Chiara Giaccardi lanciano una chiave di lettura controcorrente e profonda del nostro tempo: c’è ancora un legame tra il destino delle nostre società e le vicende del cristianesimo?
I facili annunci di progresso scientifico come di religioni fai-da-te sono sufficienti all’essere uomin i in tutta la sua ampiezza? La Chiesa cattolica appare invecchiata e impacciata, soprattutto in Europa, ma opere, persone, educatori, tra i pochi fatti duraturi e costruttivi raccontano di una presenza inaudita. Che cosa dobbiamo dunque cambiare?

C’è ancora un nesso tra il destino delle nostre società e le vicende del cristianesimo?

Non si tratta di rincorrere qualcosa che starebbe davanti – la piena affermazione della modernità, con tutti i suoi successi – né di inseguire un sogno di restaurazione della Chiesa – cullandosi nella nostalgia di un passato ormai perduto. Si tratta, piuttosto, di recuperare la consapevolezza di avere qualcosa di inaudito da dire a questo tempo.

Duemila anni di storia, un miliardo e 300 milioni di fedeli in continua crescita grazie alla spinta demografica dei paesi del Sud del mondo. Eppure la Chiesa cattolica appare invecchiata e impacciata, soprattutto in Europa dove per la maggior parte dei trentenni la «questione di Dio» non ha alcuna rilevanza, e gli scandali finanziari e sessuali hanno inferto un duro colpo alla sua reputazione. In Occidente il destino della fede deve misurarsi con un passato in cui si sono intrecciati cristianesimo, modernità, secolarizzazione, e con un presente che vede convivere progresso scientifico e religioni fai-da-te. In che modo allora la Chiesa potrà stare al passo con la vicenda moderna di cui è stata una matrice, ma che oggi la mette in difficoltà? C’è ancora posto per domande che non si esauriscano nelle promesse della tecno-scienza? E, d’altro canto, che futuro ha una modernità che recida completamente il dialogo con la religione?

stampa la pagina

Ultimi articoli

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Il cardinale Matteo Zuppi: «Cambiamo il mondo»

Derio Olivero "Chi sono questi, vestiti così strani?”

Alessandro D’Avenia "Fare a pezzi le donne"

Enzo Bianchi "Il papa emerito non è in clausura"

Vito Mancuso "L’arte di vivere da esseri umani"

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Alessandro D’Avenia "L'altezza dei quadri"

Enzo Bianchi "Perché dobbiamo mettere un limite al desiderio"

Enzo Bianchi, Fabio Rosini "Commenti Vangelo 14 agosto 2022"

Commenti Vangelo 14 agosto 2022 XX Domenica del Tempo ordinario

Il cardinale Matteo Zuppi: «Cambiamo il mondo»