Abbiamo attivato un nuovo servizio per l'invio della newsletter.
Se non vi dovesse arrivare vi preghiamo di rinnovare l'iscrizione.

Giorgio Bocca, l'arma della scrittura

stampa la pagina
Lunedì 4 giugno 2018, alle ore 16.00, il Teatro Gerolamo di Milano ospita l'evento Giorgio Bocca, l'arma della scrittura, un omaggio al giornalista e allo scrittore scomparso nel 2011 per capire quale sarà il futuro di una professione in cerca di una nuova identità.

Giorgio Bocca è stato molte cose: giornalista, scrittore, storico.
In tutte queste attività - peraltro collegate in maniera circolare - si è distinto per tre caratteristiche principali: vedere le cose di persona, una scrittura che ha rinnovato il linguaggio del giornalismo, e infine il coraggio delle opinioni, giuste o sbagliate che fossero. La fedeltà a queste caratteristiche, a questo modo di intendere il mestiere è ciò che ha fatto di Bocca un punto di riferimento di oltre 50 anni di vita civile italiana.

Silvia Giacomoni, Alberto Saibene e Marco Vigevani hanno ideato un omaggio all’uomo, al giornalista, allo scrittore: è così che è nata, grazie anche alla collaborazione con Feltrinelli (storica casa editrice di Giorgio Bocca) e con il Teatro Gerolamo, una giornata dedicata a lui e al suo lavoro.

Lunedì 4 giugno ospiti e colleghi si chiedono non solo che cosa ha contraddistinto nel concreto il giornalismo di Bocca riguardo i grandi fenomeni italiani della seconda metà del Novecento (il miracolo economico, il terrorismo, la mafia), ma soprattutto si interrogano sull’attualità della sua lezione e come i giornalisti di oggi possano seguirla con gli strumenti, vecchi e nuovi, che hanno a disposizione, in un mondo sempre più dominato da interessi economici, dalle fake news, dalle armi di distrazione di massa.

Il programma dell’incontro si articola in due parti: nella prima parte storici, scrittori e interlocutori riflettono sulla lezione di Bocca attraverso l’esperienza giornalistica, di storico e testimone del XX secolo; nella seconda colleghi di età e provenienze diverse si confrontano sul divenire della professione in un quadro dell’informazione che si è trasformato molto rapidamente nell’ultimo decennio, col conseguente cambiamento delle abitudini di lettura, degli stili di scrittura, del ruolo del giornalista e dei giornali nella società contemporanea. Una rivoluzione.

Di seguito il programma completo dell'evento, a ingresso libero fino a esaurimento posti.

Parte 1 (ore 16.00): Conoscere la realtà per costruire e difendere la democrazia

Guido Crainz, Università di Teramo: Giorgio Bocca e le mutazioni antropologiche del Paese
Alberto Rollo, editor e scrittore: La voce dei fatti
Marco Revelli, Università del Piemonte Orientale: Giorgio Bocca, partigiano sempre.
Gian Carlo Caselli, magistrato: Il significato nella storia dell'Antimafia dell'intervista del 10 agosto 1982 al Generale Carlo Alberto dalla Chiesa, Prefetto di Palermo.
Stefano Levi Della Torre, pittore e saggista: Una paziente insofferenza

Parte 2 (ore 17.30): È ancora possibile fare cronaca come la faceva Bocca?

Concita De Gregorio, lettura tratta da Chi comanda nelle città
Dibattito con: Lirio Abbate, L’Espresso; Ester Castano, La Presse, Piero Colaprico, la Repubblica; Ferruccio De Bortoli, Corriere della Sera; Riccardo Staglianò, Il Venerdì di Repubblica

Nel corso del pomeriggio vengono proiettati estratti del documentario La neve e il fuoco. Giorgio Bocca si racconta di Luca Musella e Maria Pace Ottieri; Riccardo Buffonini e Camilla Violante Scheller leggono inoltre brani tratti dagli scritti di Giorgio Bocca.

Intervista a Silvia Giacomoni
stampa la pagina

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Enzo Bianchi "Il valore del fallimento"

Massimo Recalcati "Tra i banchi meno programmi più umanità"

Enzo Bianchi "La scomparsa della vergogna"

Massimo Recalcati "Per capire un padre devi abbandonarlo (e poi amare il suo puzzo d’aringa)"

Enzo Bianchi "Perché si ama anche chi se ne va"

Lettori fissi

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Enzo Bianchi "Anche la chiesa impari dalla crisi"

Bose 2021: tra eremo e metropoli

“Vita: l’arte del servizio”