Acli: Incontro nazionale di spiritualità Bose 2018

stampa la pagina
da Acli.it
Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani.

Al centro delle giornate di spiritualità – che per il secondo anno consecutivo si sono svolte presso la comunità monastica di Bose – c’è stato un tema di fondamentale importanza per i cristiani del nostro tempo: il discernimento.

Discernere significa stare dentro la storia sapendo distinguere il bene dal male, non secondo i criteri scelti dal mondo, ma secondo i criteri suggeriti dallo Spirito.

Discernere è un’arte che richiede attenzione e vigilanza, il saper vedere, ascoltare e pensare: dimensioni queste che sono fondamentali per entrare in un rapporto di conoscenza con la realtà, gli eventi, le persone e per vivere in modo maturo e responsabile la fedeltà al progetto di Dio dentro le vicende degli uomini.

Ci siamo fatti aiutare da Cristina Simonelli, Mohamad Ba, don Giovanni Nicolini, Rosy Bindi e Luciano Manicardi, e i nostri giorni, da venerdì sera a domenica dopo pranzo, sono stati scanditi dall’ascolto, dal silenzio e dalla preghiera condivisa con la comunità monastica.

Ascolta gli interventi dei relatori intervenuti all’Incontro nazionale di spiritualità 2018 che si è svolto dal 9 all’11 febbraio 2018 al Monastero di Bose.

Prima relazione “Il discernimento: uno sguardo biblico antropologico”
Luciano Manicardi, priore di Bose


Seconda relazione “Una comunità cristiana chiamata a discernere: condizioni e possibilità”
Cristina Simonelli, docente di teologia patristica e presidente del Coordinamento Teologhe Italiane


don Giovanni Nicolini, Assistente spirituale nazionale ACLI

Rosy Bindi, presidente della Commissione parlamentare antimafia

Conclusioni di Roberto Rossini, presidente nazionale Acli
stampa la pagina

Lettori fissi

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Enzo Bianchi "Inizia la Quaresima"

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

“Verso la Pasqua”: tre verbi e tre amici per attraversare il deserto