Lisa Cremaschi Plasmati dalle mani di Dio

stampa la pagina
Meditazioni di Lisa Cremaschi 
per il tempo di Quaresima 2018
per le Acli di Bergamo

I padri della chiesa hanno dato tante definizioni della preghiera, ma la più bella, a mio parere, è un’immagine che ricavo dagli scritti di Ireneo di Lione. Dice Ireneo che quando Dio crea l’uomo, lo crea con le sue due sante mani, il Verbo e lo Spirito. Padre, Figlio e Spirito Santo cooperano nel creare l’uomo a immagine della santa Trinità.

Dio è un artista che vuole fare un’opera d’arte, un capolavoro, ma Adamo sfugge dalle mani di Dio prima che egli abbia potuto completare la sua opera.
È questo per Ireneo il peccato di Adamo, il peccato di ogni uomo, di ciascuno di noi: siamo sfuggiti alle mani di Dio e ce ne andiamo per le nostre strade.
Che cos’è la preghiera? È il cammino inverso, è ritornare sotto le mani di Dio perché sia lui a plasmarci, a portare a compimento l’opera iniziata in noi, a portare a pienezza quell’immagine che è in ciascuno di noi. Dio non rinuncia al suo progetto di fare di noi un capolavoro; l’opera è incompiuta, c’è qualcosa da correggere, da aggiungere, da consolidare, da togliere. Cosa facciamo quando leggiamo un passo dell’evangelo, quando andiamo in chiesa a pregare, ad ascoltare la messa? Ci mettiamo sotto le mani di Dio presenti nella sua Parola, lasciamo che le mani di Dio ci lavorino, ci plasmino, ci correggano, ci sostengano. A volte questo lavoro provoca sofferenza: le mani di Dio limano tutto ciò che è superfluo, ciò che disturba la bellezza dell’opera d’arte. A volte questo lavoro desta gioia e consolazione, perché le mani di Dio consolidano, rafforzano, consolano. In ogni caso, è il Signore che ci plasma, che ci dà forma. Un
monaco del deserto diceva: «Ascesi del monaco: la meditazione delle Scritture e l’adempimento dei comandamenti di Dio. Informe è il monaco che non si dà a queste cose» (Iperechio, Consigli agli asceti 4). La vera ascesi, nel senso etimologico del termine, cioè il vero esercizio a cui ogni credente si deve sottoporre è l’ascolto, la meditazione della parola di Dio. Chi si sottrae è privo di forma, è informe.
Pregare non è un’attività tra tante altre, tanto meno un’attività riservata a qualcuno (i monaci e le monache); la Parola è ciò che dà forma alla vita del cristiano. Quell’immagine di Dio deposta in ogni uomo e offuscata, mascherata dal peccato e dalla disobbedienza, va riscoperta e riportata alla luce mediante l’assidua frequentazione della Parola di Dio.
Giovanni Cassiano, che aveva trascorso diversi anni tra i monaci del deserto egiziano, prima di diventare vescovo in Gallia, cerca di ritradurre ciò che ha imparato in oriente per i monaci d’occidente. In una sua conferenza, rivolgendosi al suo interlocutore, dice: «Ecco a che cosa devi tendere con tutti i mezzi: allontana da te ogni preoccupazione e ogni pensiero terreno e applicati con costanza e assiduità alla santa lettura, fino a che un’incessante meditazione non impregni il tuo cuore e per così dire la Scrittura non lo trasformi a sua immagine e somiglianza» (Conferenza 14,10).
Il fine della lettura/ascolto della Parola di Dio non è (soltanto) l’accrescere la conoscenza, ma trasformare il cuore a immagine e somiglianza della Scrittura. A questo si deve tendere: diventare in mezzo agli uomini un Evangelo vivente!
stampa la pagina

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Massimo Recalcati "Nelle menti deviate dal sospetto"

Enzo Bianchi "Insieme a Papa Francesco"

Clicca per vedere tutte le pagine

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Enzo Bianchi "Insieme a Papa Francesco"

Massimo Recalcati "Smarriti nel labirinto dell’Eros"

Ripensare le comunità di vita consacrata