Clicca per vedere tutte le pagine

I domenica di Quaresima (Giancarlo Bruni) Anno A

stampa la pagina


Giancarlo Bruni, (1938) appartiene all'Ordine dei Servi di Maria e nello stesso tempo è monaco della Comunità ecumenica di Bose. Risiede un po’ a Bose e un po’ all’eremo di San Pietro alle Stinche (FI). Il suo impegno nel diffondere una spiritualità biblica mai separata dalla realtà quotidiana e dalla storia, lo ha fatto conoscere come uno degli autori italiani più apprezzati nell'ambito religioso. E’ docente di ecumenismo presso la pontificia facoltà teologica “Marianum” di Roma. Tiene corsi e conferenze in varie parti di Italia e all’estero.

«Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto»
 Letture: Gen 2,7-9.3,1-7; Rm 5,12-19; Mt 4,1-11

1. Un deserto, la città santa e un monte altissimo costituiscono i luoghi del primo appuntamento quaresimale con il Tu di nome Gesù. Il primo di tali luoghi è una zona desertica e montuosa di Giuda in cui Gesù è stato trasportato dalla piana del Giordano subito dopo il battesimo. Un volo sospinto  dal vento dello Spirito (Mt 4,1), il verbo «condurre» infatti equivale a sollevare e rimanda  all’Israele condotto nel deserto come «su ali di aquila» (Es 19,4).
Un ingresso accompagnato dal digiuno: «Dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, alla fine ebbe fame» (Mt 4,2). Aspetti che meritano di essere sottolineati. Nella tradizione biblica silenzio e distanza dall’affanno delle cose sono un preliminare inevitabile per discernere in verità le fami reali che dimorano nel profondo dell’uomo, singolo e comunità. Esperienza vissuta da Israele (Dt 8,2) e fatta propria da Gesù sospinto nel deserto e nel digiuno per percepire bene e per dare il nome alle sue fami e ai cibi che possono nutrirle. È un dato di fatto che l’uomo prigioniero del rumore e chiuso nella sua sazietà finisce per impedirsi all’ascolto della propria interiorità e delle seti che la abitano, e quindi alla domanda, alla ricerca, all’invocazione e all’attesa. Solo il digiuno da questa unidimensionalità che rende ottusi può aprire la mente alla molteplicità delle fami e al leggerle alla luce di una precisa gerarchia. A questo inizia a introdurre la prima tentazione di Gesù avvicinato da «colui che distoglie» (Mt 4,3) dalle vere fami e dalle vere risposte, il tentatore-seduttore con i suoi suggerimenti.
2. Il primo suggerimento recita così : «Dì che queste pietre diventino pane» (Mt 4,3). Per capire bene il tenore di questa proposta bisogna porre attenzione alla risposta di Gesù: «Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio» (Mt 4,4).La posta in gioco è evidente:  nel tempo della penuria a chi ci si affida? A ciò che «entra nella bocca dell’uomo» (Mt 15,11) o a «ciò che esce dalla bocca di Dio?». Il riferimento a Deuteronomio 8,3 rimanda alla esperienza di Israele nel deserto e nella fame tra nostalgia di cipolle e di carne assicurati, al prezzo di una condizione servile, e il coraggio di proseguire il cammino verso la sponda della libertà e del servizio  sul fondamento della parola di un Tu che non priva della manciata quotidiana di manna.
Gesù rivive questa esperienza di deserto e di fame per proclamare nel giorno della assenza di pane, da una situazione quindi non sospetta, il primato della fame del pane della parola. È questa la ragione ultima che dischiude la vita al senso nel giorno della abbondanza e in quello della scarsità, e che apre alla conoscenza di un Dio che non priva del pane quotidiano (Mt 6,11.33) gli affamati della sua giustizia (Mt 5,6).Si tratta di stabilire una gerarchia delle fami a partire dalla prima: «Mio cibo è fare la volontà del Padre» (Gv 4,34), alla quale sta a cuore il necessario di ogni giorno ma non la riduzione dell’uomo a «solo pane», a solo avere. E alla luce della categoria della fame possiamo leggere anche le altre due tentazioni.
Nella seconda «Colui che distoglie» porta Gesù sul pinnacolo («piccola ala») del tempio di Gerusalemme: «Gettati giù» (Mt 4,6), e gli angeli ti faranno dolcemente planare (Mt 4,6; cf Sal 91,11-12) sulle loro piccole ali. Immediata la risposta di Gesù: «Non metterai alla prova il Signore tuo Dio» (Mt 4,7; cf Es 17,2-7; Nm 14.22; Sal 78,18).
Quì si incrociano due fami. Quella di una religiosità spettacolare e miracolistica in grado di attrarre le folle chiamando Dio a sua giustificazione, e quella di Gesù di rifiutarsi all’uso strumentale di un Dio al quale è straniera la sovraesposizione di sé al fine di sedurre la piazza. Il rapporto Gesù-Padre è nell’ordine della parola-ascolto quotidiani e così quello dei suoi.
Nella terza tentazione infine (Mt 4,8-10) «Colui che divide e possiede» porta Gesù su un monte altissimo, gli mostra il mondo e gli offre il dominio politico sul mondo in cambio dell’abbandono del suo Dio e della via del suo Dio. Gesù si rifiuta al morso del potere preferendogli la fame del suo Dio e della sua via che non contempla messianismi politici di sorta, ma la via dell’amore nella libertà fino alla Croce: «Vattene…il Signore, Dio tuo, adorerai» (Mt 4,10; Cf Dt 6,13).
3. «Se tu sei Figlio di Dio» (Mt 4,3.6).Le tentazioni seguono il battesimo, in cui Gesù è stato proclamato «Figlio» (Mt 3,17) e riferiscono il come declinare tale filialità. La cosa riguarda molto da vicino i battezzati chiamati a contemplare in Gesù il come non vivere e il come vivere il proprio battesimo.
Il vocabolario dei primati dell’avere, dell’apparire e del dominare non è adatto a coniugare la filialità, lo è quello del sapersi  figli amati da un Padre adorato, ascoltato e mai messo alla prova. Questa è la grande fame che deve contraddistinguere il discepolo e suo cibo è, appunto, la resa al lasciarsi amare da Dio e al lasciarsi guidare dalla parola di Dio in ogni situazione di vita. A questa prova non si può sfuggire e, al pari di Gesù, siamo chiamati a scegliere tra più amori: Dio e la sua parola, la merce, l’ostentazione religiosa, il potere sugli altri e la loro parola. Da questo dipende il come scriviamo il libro della vita, dalla fame che ci abita e dal cibo che ci nutre.
stampa la pagina

Ultimi articoli

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

L’omelia del cardinale Zuppi ai funerali di David Sassoli

Massimo Recalcati "Una convivenza necessaria"

Enzo Bianchi, Fabio Rosini "Commenti Vangelo 23 gennaio 2022"

Enzo Bianchi, Fabio Rosini "Commenti Vangelo 16 gennaio 2022"

Enzo Bianchi "L'arte della lettura"

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Enzo Bianchi, Fabio Rosini "Commenti Vangelo 23 gennaio 2022"

Ermes Ronchi "Guerra vs cura. Una riflessione su un tempo amaro"

Commenti Vangelo 23 gennaio 2022 III Domenica Tempo Ordinario

Addio a Sassoli. I figli di David e i loro fratelli. Un'altra Europa c'è e si prepara

Elogio della modestia. Intervista a MichaelDavide Semeraro