Luigino Bruni "L’Oikonomia che verrà alla luce dell’antropologia biblica"

stampa la pagina

Domenica 27 marzo 2022 è stata una giornata di confronto con Luigino Bruni, economista e professore all’Università Lumsa di Roma. La comunità di Bose e gli ospiti presenti, oltre una settantina, hanno ascoltato e dialogato sul tema della cura e gestione della casa comune, secondo il senso originario della parola oikonomia. Nella riflessione del mattino, articolata attraverso una lettura antropologica e non morale della Bibbia, è emersa l’essenziale importanza di una voce profetica che abbia il coraggio di affermare, ad esempio, che noi esseri umani non abbiamo un pianeta B, in cui trasferirci se distruggiamo la Terra.

La Laudato si’ di papa Francesco anticipa di poco il coraggio e l’intelligenza di Greta e di tanti giovani e giovanissimi, che non hanno paura di guardare in faccia gli errori fatti in passato, perché animati dalla certezza incrollabile che la storia che stanno raccontando è vera. Come i profeti, sono spietati nel demolire i miti consolatori legati al tempo che fu, perché certi che il bello, “la terra promessa” per usare parole bibliche, è davanti, non dietro. Osea, Geremia, Isaia, in modi e tempi diversi si sfiatano nella lotta contro l’idolatria. Ogni volta che il popolo d’Israele ha eretto idoli, “rimpicciolisce” Dio e, di conseguenza, pure l’essere umano fatto a sua immagine e somiglianza. L’idolatria è dimenticare che Dio innanzitutto stima e ama l’uomo, la donna: è affascinato da quello che siamo. C’è una certa forma di disistima di sé che è, in fondo, idolatria, e che non dice la verità di noi, come singoli e come umanità tutta.

L’incontro del pomeriggio ha sviluppato due temi: il cosiddetto “capitalismo vegetale”, che vede nel mondo delle piante, più che in quello gerarchico degli animali, possibili spunti per un nuovo assetto economico della società umana, più equilibrato e più giusto; quindi la fraternità vista dalla prospettiva di un abuso terminologico, cioè la “meritocrazia” come giustificazione etica della disuguaglianza economica e sociale.
Ne sono seguite tante domande e riflessioni condivise. Di risposte ne abbiamo poche, ma è bello pensare che in questo interrogarci assomigliamo alla sentinella del profeta Isaia: a chi chiede: “A che punto è la notte?”, lei risponde che non lo sa, tuttavia invita a domandare ancora, e si fa ascolto e parola per i passanti e viandanti notturni. La storia in Isaia finisce così: mentre si dialoga, ci si chiede a che punto è la notte, e si ha l’onestà e il coraggio di non inventare finte albe per far contenta la gente, l’alba arriva davvero.

L'Oikonomia è molto più della Scienza Economica e per gli antichi era parte del governo della casa comune, del pianeta. I padri della Chiesa usarono la parola Oikonomia per spiegare il mistero dell'incarnazione del Verbo. Oggi l'antico senso della parola Oikonomia è stato smarrito dal capitalismo ma la recente crisi ambientale e la pandemia hanno di nuovo posto al centro il tema del governo della casa comune. L'antropologia biblica ci offre la sua idea di casa comune e delle regole per gestirla, a partire dal grande tema della custodia fino alla eziologia dell'Apocalisse. 

Fonte: Monastero di Bose

stampa la pagina

Ultimi articoli

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Commenti Vangelo 8 maggio 2022 Quarta Domenica di Pasqua

Carlo Maria Martini "Terrorismo, ritorsione, legittima difesa, guerra e pace"

Enzo Bianchi "I vescovi italiani e la crisi della fede"

Commenti Vangelo 22 maggio 2022 Sesta Domenica di Pasqua

Enzo Bianchi, Fabio Rosini, Ludwig Monti "Commenti Vangelo Primo maggio 2022"

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Enzo Bianchi "I vescovi italiani e la crisi della fede"

Commenti Vangelo 22 maggio 2022 Sesta Domenica di Pasqua

Alessandro D’Avenia "Alieni & Ufo"

Dietrich Bonhoeffer: trovare Dio in ciò che conosciamo

Gemma Calabresi: «Volevo vendicarmi ma Dio mi ha condotto sulla strada del perdono».