Lisa Cremaschi "La fiducia che vince la paura"

stampa la pagina

10 luglio 2021

Dal Vangelo secondo Matteo - Mt 10,24-33 (Lezionario di Bose)

In quel tempo Gesù inviò i dodici dicendo loro:"24Un discepolo non è più grande del maestro, né un servo è più grande del suo signore; 25è sufficiente per il discepolo diventare come il suo maestro e per il servo come il suo signore. Se hanno chiamato Beelzebùl il padrone di casa, quanto più quelli della sua famiglia! 26Non abbiate dunque paura di loro, poiché nulla vi è di nascosto che non sarà svelato né di segreto che non sarà conosciuto. 27Quello che io vi dico nelle tenebre voi ditelo nella luce, e quello che ascoltate all'orecchio voi annunciatelo dalle terrazze. 28E non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l'anima; abbiate paura piuttosto di colui che ha il potere di far perire nella Geènna e l'anima e il corpo. 29Due passeri non si vendono forse per un soldo? Eppure nemmeno uno di essi cadrà a terra senza il volere del Padre vostro. 30Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati. 31Non abbiate dunque paura: voi valete più di molti passeri! 32Perciò chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch'io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli; 33chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini, anch'io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli.


“Il Signore è in mezzo a noi sì o no?” (Es 17,7). È il grido degli ebrei nel deserto, spaventati dalla durezza della traversata di luoghi aridi e deserti in cui sembra non ci sia prospettiva di vita. “Il Signore è in mezzo a noi sì o no?”: è anche il nostro grido dinanzi alla durezza della traversata della vita. Perché la malattia, la morte di quelli che amiamo? Perché i continui conflitti, le tensioni che rendono impossibile vivere nella pace? Perché sono tanto fragile?

“Signore, ho paura! Dove sei?”. L’esortazione: “Non abbiate paura” ritorna quattro volte nel vangelo odierno. Il Signore ci esorta a non avere paura, a non lasciarci vincere da quella paura che avvelena la vita, la paralizza, le toglie la libertà. Discepoli del maestro Gesù, viviamo con lui, per lui, in lui. “Un discepolo non è più grande del maestro, né un servo è più grande del suo signore”. Seguiamo la sua via, una via che ha conosciuto gioie e sofferenze, pace e persecuzione. Anche Gesù nel Getsemani ha avuto paura – “Cominciò a provare tristezza e angoscia” (Mt 26,37) –, ma l’ha vinta affidandosi al Padre, nella certezza del suo amore e ci ha insegnato così in che modo attraversare la paura.

Il cristiano non è né cinico, né stoico; davanti alle difficoltà prova paura come tutti gli altri esseri umani; come elaborarla, come viverla senza pretendere di negarla o di rimuoverla? “Io sono con voi tutti i giorni fino alla fine del mondo”: è la promessa del Risorto che chiude il vangelo di Matteo. “Sono con voi”, in ogni momento bello o brutto, in ogni situazione felice o avversa; sono con voi anche quando voi non lo percepite, anche quando temete che vi abbia abbandonato. “Se siamo infedeli, lui rimane fedele, perché non può rinnegare se stesso” (2Tm 2,13). Siamo un po’ tutti come Pietro che risponde all’appello di Gesù di andare a lui camminando sulle acque, ma non appena il vento diventa più forte, abbiamo paura. Come Pietro dobbiamo invocare: “Signore salvami!” (Mt 14,30).

Bisogna annunciare la Parola senza timore, con coraggio e franchezza, senza temere le conseguenze dell’annuncio del vangelo. Ma c’è un genere di paura, o meglio di timore salutare, che ci deve sempre accompagnare: il timore di Dio, che le Scritture antiche definiscono “principio di sapienza” (Pr 1,7; Sal 111,10). Timore di Dio significa riconoscere che Dio è Dio e non mettere nessuno al suo posto: né noi stessi né alcun altro. E il timore di Dio relativizza il timore degli uomini. Se diamo il primo posto ad altri o ad altro, periamo anima e corpo, ci togliamo la possibilità di una vita vera, una vita non da schiavi dominati dalla paura. Chi dà il primo posto al Dio e Padre si abbandona a lui, con accettazione umile e fiduciosa, sapendo che nessun passero cade a terra “senza il Padre” (e non: “senza che il Padre lo voglia”). La fiducia nel Signore vince la nostra paura anche nei momenti “di caduta”, anche quando ci sembra che tutto crolli. Se il Salmo 56,9 ci ricorda che il Signore raccoglie ogni nostra lacrima – “Hai raccolto le mie lacrime in un vaso” –, Gesù ci dice: “perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati”. Non abbiamo paura, nulla è perduto per il Signore!

sorella Lisa Cremaschi

Fonte: Monastero di Bose

stampa la pagina

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Massimo Recalcati "Nelle menti deviate dal sospetto"

Enzo Bianchi "Insieme a Papa Francesco"

Clicca per vedere tutte le pagine

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Enzo Bianchi "Insieme a Papa Francesco"

Massimo Recalcati "Smarriti nel labirinto dell’Eros"

"Qohélet, un filosofo per i nostri giorni?"

Ripensare le comunità di vita consacrata