Enzo Bianchi "L’invenzione del nemico"

stampa la pagina
La Repubblica - 15 marzo 2021
per gentile concessione dell’autore.

Nelle ultime vicende politiche del nostro Paese, non lo si può negare, abbiamo assistito a un conflitto personalizzato tra soggetti politici: l’avversario è stato caricato di inimicizia e rancore, diventando così il nemico. È stata un’epifania di quel che si vive e si respira oggi nella nostra società: siamo sempre più arrabbiati, rancorosi e facilmente inventiamo dei nemici. Sì, perché accade che "ci facciamo dei nemici", non solo "abbiamo nemici". 
Come si inventano i nemici? 
Anzitutto con la parola, quando ci esprimiamo su un altro con diffidenze che diventano presto accuse e quindi calunnie. Percorriamo la strada dell’inimicizia perché percepiamo l’altro in competizione con noi, perché ci sembra un ostacolo alla nostra autoaffermazione, perché l’invidia o la gelosia ci spingono a rimuoverne la presenza. 
Il rancore e l’aggressività che sono nell’aria, che ammorbano i talk show e i social, sono molto più contagiosi del virus che cerchiamo di combattere con uno sforzo di responsabilità collettiva. La permeabilità al "così fan tutti" ci spinge a cercare i responsabili, a individuare quanti, vicini o lontani ma sempre ben definiti, possono essere percepiti e quindi classificati come nemici, "i miei nemici", quelli che mi fanno del male e mi ostacolano. 
Allora non c’è più un riconoscimento dei legami vissuti, dell’essere fratelli o parenti, amici o amanti. L’odio domina, ma l’affermazione che si dovrebbe avere il coraggio di fare – "Io odio" – viene proiettata sull’altro e trasformata in "Mi odia". Questo capovolgimento di prospettiva mi autorizza a sentirlo come un nemico e a trattarlo con inimicizia. 
Infine, soprattutto nei gruppi, si assume la logica del capro espiatorio. 
In particolare, chi detiene un certo potere e può influenzare gli altri cerca di riversare su chi gli appare come un ostacolo o un rivale il rancore e la responsabilità dei mali che affliggono il gruppo. 
Così si scarica l’odio sull’altro, si rende più saldo il proprio potere e si rimuovono dubbi e domande. 
Eppure il nemico, presenza che non può scomparire dall’esperienza umana, potrebbe essere occasione di insegnamento e di lezione. Ha scritto il Dalai Lama: "I nostri nemici sono i nostri più grandi maestri. Di fronte a essi possiamo verificare il nostro rispetto e la nostra accoglienza dell’altro. Possiamo interrogarci: ci siamo fatti dei nemici oppure i nemici sono davanti a noi per rivelarci le nostre debolezze e renderci più capaci di bontà?". Anche abba Zosima chiedeva ai suoi monaci di considerare il nemico come un medico che guarisce dall’orgoglio, dalla vanagloria e dall’arroganza. E non posso certo dimenticare Gesù e il suo comandamento radicale: "Amate i vostri nemici e fate del bene a quelli che vi odiano". 
Ma si intenda bene: amare è una cosa seria, un’operazione che richiede intelligenza e non permette di essere remissivi. Ci si disarma perché il male lo si vince rompendo la catena del male. Se si pratica l’"occhio per occhio", tutti diventiamo ciechi; se invece immettiamo nell’aria perdono, amore e tenerezza, allora saremo contagiati da questo buon virus.
stampa la pagina

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Massimo Recalcati "Nelle menti deviate dal sospetto"

Enzo Bianchi "Insieme a Papa Francesco"

Lettori fissi

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Emanuele Borsotti "La nostra sete di Dio"