Abbiamo attivato un nuovo servizio per l'invio della newsletter.
Prossima data: 18 giugno
Se non vi dovesse arrivare vi preghiamo di rinnovare l'iscrizione.

Francesco Cosentino “Verso quale Dio si rivolge il grido del povero?”

stampa la pagina
don Francesco Cosentino 
Verso quale Dio grida il povero?
San Salvatore in Lauro – 27 novembre 2019


Ci interroghiamo questa sera sul grido della città e il tema mi fa venire in mente la storia del Profeta Geremia, chiamato fin dal seno materno a profetare proprio sulla città, nel momento in cui essa ha abbandonato il Signore.
Geremia è inviato per annunciare che, come un mandorlo fiorito, Dio ricostruirà una nuova Alleanza. Un profeta – come dovremmo essere anche noi e la Chiesa tutta – che non si stanca di annunciare che, anche dentro la storia ferita dal male, dal peccato e dalla violenza, Dio non si tira indietro e rimane sempre il Dio dell’Alleanza.

Geremia usa tante belle immagini di vita quotidiana: un vaso d’argilla nelle mani di un vasaio che lo modella e lo plasma e se non viene bene, comincia daccapo il suo lavoro, proprio a significare la pazienza con cui Dio si prende cura di noi; ma anche la cintura di lino, la brocca spezzata, e mi colpiva soprattutto l’immagine di un boccale colmo di vino. Il Signore dice a Geremia che gli abitanti della città, a iniziare dai loro governanti, si ubriacheranno e si frantumeranno, gli uni contro gli altri; il Cardinal Martini afferma che l’ubriachezza rende le persone “insensate, irresponsabili, stordite, incapaci di dirigersi, è l’immagine di una società che ha perso il senso dell’orientamento, il senso dei valori, delle cose giuste, della verità” .

Il primo grido della città è anzitutto questo: coloro che hanno creduto di possedere la luce sono stati sorpresi dalle tenebre; la città secolare, troppo sicura di sé e delle sue scoperte, del suo progresso e della sua organizzazione politica, è ferita dal male, dalla povertà, dall’ingiustizia, dalla violenza. In mezzo a essa, i poveri gridano perché soprattutto loro portano sulla propria pelle i segni di queste ferite.

Cosa dobbiamo fare noi come cristiani e come Chiesa? Nel Libro del profeta c’è un bellissimo parallelismo tra Geremia e Gesù: Geremia piange sulla città, proprio come Gesù piange su Gerusalemme. Significa che non dobbiamo ritirarci nelle nostre sacrestie e chiuderci nella lamentela per le cose che non vanno, giudicando il mondo e la sua cattiveria; al contrario, dobbiamo partecipare al grido di sofferenza che si leva dalla città, piangere con chi piange, essere sorgente di consolazione e di speranza, essere compartecipi del destino del mondo. Quindi, dobbiamo anzitutto ascoltare con il cuore e abitare con il cuore il grido della città.



stampa la pagina

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Alberto Maggi "Omosessualità: la dottrina repressiva della Chiesa costruita su basi traballanti"

Enzo Bianchi "Fare l’amore è un’opera d’arte"

Armando Matteo - Le chiese vuote, l’umanesimo integrale e l’“opzione Francesco”

Enzo Bianchi "L’urlo di Giobbe è un atto di fede"

Lettori fissi

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Enzo Bianchi "Il segreto del viaggio"

Sabino Chialà "Nella preghiera cresce la nostra consapevolezza di essere figli, e figli amati"