Rosanna Virgili "Tra Dio e Mosè l’amore che salva"

stampa la pagina
Sui passi dell’Esodo
a cura di 
20 Luglio 2020

Forse non tutti sanno che la Bibbia è scritta, in moltissime pagine, con la penna degli innamorati. Oggi per via delle infinite potenzialità dei cellulari gli innamorati non comunicano più sul cartaceo ma affidano i loro sospiri alle onde remote del virtuale. Il contenuto, però, resta lo stesso e si tratta per lo più di desideri d’amore, di vicinanza, di perdono, di tornare insieme dopo un dissidio.

Il capitolo trentatreesimo del libro dell’Esodo è un esempio perfetto dello scambio verbale mediato e immediato tra due che sono legati da un profondo rapporto d’amore. Ma c’è un elemento in più: l’uno e l’altro portano nel cuore il volto, il corpo, la pena di un terzo, di una “creatura” con cui tutti e due sono totalmente coinvolti. Si tratta di Dio e di Mosè, ambedue preoccupati per la sorte di Israele. Tale è l’affetto di Dio per il suo popolo, per quella creatura appena nata che Gli si è già dimostrata ribelle, che, pur tentato di abbandonarla al suo idolo d’oro, continua a starle vicino. Tale è l’affetto di Mosè per i suoi fratelli ebrei che, nonostante fossero un grumo di umanità acerba, ingrata e inaffidabile, sarebbe pronto a morire pur di custodirne la vita.

Ed ecco il “carteggio” fittissimo tra Mosè e il Signore, il continuo tornare di Mosè nella tenda di Dio per convincerlo a riprendere il Suo ruolo di guida per quei poveri, incoscienti pellegrini: «Se il tuo volto non camminerà con noi, non farci salire di qui» (v.15). E per sedurre Dio alla sua supplica, Mosè usa sé stesso come una malcelata arma di ricatto: «Eppure hai detto: ti ho conosciuto per nome, anzi hai trovato grazia ai miei occhi» (v.12); si comporta come una fidanzata che sa di quale amore sicuro, indiscutibile, Egli la ricambi e allora tesse amorosi inganni per costringerLo a venire allo scoperto e cedere all’esca del suo desiderio. Mosè vuole che gli Israeliti continuino a salire verso il Paese promesso della libertà, che trovino il modo per abbattere le mura insidiose della sete e delle steppe e non cadano, invece, sotto i colpi della fame e della paura. Ma non potranno mai farlo se il Signore non camminerà con loro, se non gli indicherà la via dove battere il passo e non li farà riposare, alla fine di ogni giorno, nel palmo della Sua tenerezza e della Sua pietà.

«Il Signore parlava con Mosè faccia a faccia, come uno parla con il proprio amico» (v.11). Un rapporto davvero esclusivo nella sua intensità e nella sua natura come lo sono tutti i rapporti tra gli innamorati. Ma la ricchezza di questo grande amore sta nel fatto che non è solo un gioco di coppia, un circuito chiuso, la cui fecondità torna a beneficio privato ma un sacramento fonte di grazia per tutti. Quando Mosè parla col suo Dio raramente lo fa presentandosi come un individuo, come una persona singola, ma è così che si esprime: «Come si saprà che ho trovato grazia ai tuoi occhi, io e il tuo popolo, se non nel fatto che tu cammini con noi?» (v.16). Un grande esempio e un grande insegnamento: che ogni amore o è transitivo, capace di inondare e di salvare il mondo, o si riduce, presto, a marcire nel chiuso del vano possesso.
stampa la pagina

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Massimo Recalcati "Nelle menti deviate dal sospetto"

Enzo Bianchi "Insieme a Papa Francesco"

Clicca per vedere tutte le pagine

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Enzo Bianchi "Insieme a Papa Francesco"

Massimo Recalcati "Smarriti nel labirinto dell’Eros"

"Qohélet, un filosofo per i nostri giorni?"