Abbiamo attivato un nuovo servizio per l'invio della newsletter.
Se non vi dovesse arrivare vi preghiamo di rinnovare l'iscrizione.

Massimo Cacciari - Apocalisse

stampa la pagina


Torino 1 aprile 2017
Apocalisse
introduce Jacopo Iacoboni

Apocalisse è un termine ormai usurato per indicare le trasformazioni radicali e rapidissime che l’umanità ha conosciuto nel corso del secolo breve e oltre.
Che cosa nasconde/rivela l’uso di un termine così pregno di ascendenze teologiche, così religiosamente connotato? Se assunto secondo il suo etimo, esso dovrebbe risultare estraneo a ogni discorso propriamente politico-mondano. L’apocalisse indica, infatti, la “grande crisi” attraverso cui si esce dalla dimensione temporale e dovrebbe perciò apparire una mera contraddizione in termini. Perché, allora, parlare di apocalisse? Quali caratteri del presente ci inducono a usare questa immagine-simbolo?

Massimo Cacciari insegna Pensare filosofico e Metafisica all’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Ha scritto, fra gli altri, Il potere che frena (Adelphi 2013) e Labirinto filosofico (Adelphi 2014). Recentemente ha pubblicato, con Paolo Prodi, Occidente senza utopie (il Mulino 2016) e curato, con Raphael Ebgi, Umanisti italiani. Pensiero e destino (Einaudi 2016).

Jacopo Iacoboni si occupa di politica per La Stampa sul cui sito tiene la rubrica Arcitaliana.
stampa la pagina

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Enzo Bianchi "Il valore del fallimento"

Massimo Recalcati "Tra i banchi meno programmi più umanità"

Enzo Bianchi "La scomparsa della vergogna"

Massimo Recalcati "Per capire un padre devi abbandonarlo (e poi amare il suo puzzo d’aringa)"

Enzo Bianchi "Perché si ama anche chi se ne va"

Lettori fissi

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Enzo Bianchi "Anche la chiesa impari dalla crisi"

Enzo Bianchi "La relazione con il corpo"

Bose 2021: tra eremo e metropoli