Emanuele Borsotti “Nudità della Parola”

stampa la pagina

Dall’alto della croce il Cristo ha consegnato le sue parole ultime, che la tradizione ha raccolto in un settenario. Custodite dalla fede della chiesa, esse non sono state in verità le “ultime” parole di un morente, ma piuttosto le “penultime” parole del Vivente, di colui che è la Parola, il Crocifisso risorto.
Queste parole estreme e solenni suonano come un testamento, il testamento dell’amore. La “passione” dell’amore non è mai scevra dalla fatica di amare, fatica che è stata espressa e illuminata da queste parole che forse, in alcune ore della nostra vita, saranno state anche le nostre parole, o potranno esserlo… Così la croce si erge come fatica estrema dell’amore e, su di essa, il Cristo che entra nella morte dà voce, parola e senso alla fatica di ogni vita.

Lettera di Christian Bobin a Emanuele Borsotti:
Caro Emanuele Borsotti,
lei si sbaglia su un punto essenziale: mi dice di non essere “nessuno” di fronte a me. Né poeta, né scrittore, né teologo. Ma, si figuri, lei per me – con la sua semplice lettera – è una prova di Dio, come il gatto selvatico che cammina lungo il muro di casa mia, o il vento che getta la sua ombra sulle erbe del giardino. L’aria, gli atomi dell’aria che respiriamo e che ci legano a centinaia di chilometri di distanza, questi atomi sono particelle d’oro sull’icona di ogni giorno.
In verità, ma lei lo sa bene, c’è sempre qualcuno di fronte a noi. Lei medita sulle ultime sette parole di Cristo. È il momento in cui un dio si apre le vene, e il silenzio che ne esce è il dono più bello che ci sia mai stato fatto. Tutti noi, come passeri, dovremmo bere le parole sulle labbra dei morenti e nell’acqua agitata dei loro occhi. Perché lì, non c’è più scrittura, non c’è più poesia o teologia, ma il cielo soltanto. Il cielo che riguadagna il terreno che ci aveva, per un tempo, accordato.
Non vi è alcuna differenza fra un alveare e un monastero. La sua meditazione, caro Emanuele, è il polline scoperto nella prateria del tempo, che lei riporta a casa.
Questa lettera un po’ ubriaca, può valere come prefazione? A lei di decidere, mentre io le dico la mia amicizia,
Christian Bobin



Emanuele Borsotti (Carmagnola 1978), monaco di Bose, si è specializzato in teologia sacramentaria e liturgia presso l’Institut Catholique di Parigi. Per le Edizioni Qiqajon, ha curato l’antologia patristica “Un solo corpo. Mistagogia della liturgia eucaristica attraverso i testi dei padri latini (2016).


ascoltare fa pensare
stampa la pagina

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Massimo Recalcati "Nelle menti deviate dal sospetto"

Enzo Bianchi "Insieme a Papa Francesco"

Clicca per vedere tutte le pagine

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Enzo Bianchi "Insieme a Papa Francesco"

Massimo Recalcati "Smarriti nel labirinto dell’Eros"

Ripensare le comunità di vita consacrata