1966 - 2016 Così lontane, così vicine

stampa la pagina
Sabato 19 novembre 2016 alle ore 10, in Cappella Farnese a Palazzo d'Accursio, si è tenuto il convegno “1966-2016 Così lontane, così vicine. Il rapporto fra la diocesi e la città di Bologna”, per ricordare il 50° anniversario del conferimento della cittadinanza onoraria al cardinale Giacomo Lercaro. L'incontro ha inteso ricordare non solo il fatto in sé, che all’epoca ebbe un'eco a livello nazionale e internazionale, ma soprattutto continuare la riflessione sulla rinnovata attualità di temi quali la pace, la povertà e porre l'attenzione sul rapporto tra centro e periferie.

L'introduzione del convegno è state tenuta da Anna Alberigo e Alberto Melloni. Sono seguiti gli interventi di: Enrico Galavotti, “Giacomo Lercaro vescovo e pastore”; Giuseppe Ruggieri, “La pace e i poveri nelle parole e nelle opere di Giacomo Lercaro”; Umberto Mazzone, “L’amministrazione della città, il PCI e la chiesa cattolica (1965-1968)”. S.E. Matteo Maria Zuppi, arcivescovo di Bologna e Luca Rizzo Nervo, assessore Sanità, Welfare del Comune di Bologna, dialogheranno sul tema “Città e diocesi su poveri, pace, accoglienza e periferie: il presente e il futuro”. Le conclusioni del convegno sono state tenute da Alberto Melloni. (cliccare sui nomi per vedere i video)

Cinquant’anni fa, il 26 novembre 1966, il sindaco Guido Fanti conferiva la cittadinanza onoraria della città a Giacomo Lercaro, arcivescovo di Bologna, con le seguenti motivazioni:

“Bologna, medaglia d’oro del Risorgimento e della Resistenza, con atto libero e consapevole della propria civica rappresentanza, conferisce a S. Em. il cardinale Giacomo Lercaro, capo e pastore dell’Archidiocesi, la cittadinanza onoraria, a riconoscimento solenne dell’alto magistero espresso in seno al Concilio Vaticano II a sostegno delle aspirazioni universali alla pace, alla cooperazione fraterna tra i popoli e al civile progresso; del nobile impegno a contribuire solidalmente, alla guida della chiesa bolognese, alla costruzione di un più avanzato modello di civiltà negli spiriti, nel pensiero, nella vita e nel costume cittadini, in una società più giusta e più umana; dei sentimenti di responsabilità e d’affetto per i quali egli ha voluto collegate alla città di Bologna, sino alla fine, l’opera sua e la vita stessa".
stampa la pagina

Le novità dal nostro canale Youtube

Lettori fissi

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Enzo Bianchi "L’enigma del dolore"

Enzo Bianchi "Inizia la Quaresima"

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Enzo Bianchi "L’enigma del dolore"

Gianfranco Ravasi "Perché diciamo «Ego te absolvo»"

“Verso la Pasqua”: tre verbi e tre amici per attraversare il deserto