Luciano Manicardi - Felicemente imperfetti. La sapienza del limite

stampa la pagina
LA SAPIENZA DELL’UMANO
Ciclo di incontri in occasione del centenario di Vita e Pensiero in collaborazione con la Arcidiocesi di Milano 
mercoledì 10-17-24 ottobre e 7 novembre 2018


Oggi abbiamo particolare bisogno di apprendere di nuovo il lessico e la grammatica dell’umano, la sapienza dei fondamentali della vita. La cultura serve proprio a questo: il pensiero nasce dalla vita e alla vita è destinato. Quattro parole, tra le molte, per ricominciare: entusiasmo, desiderio, limite, tradizione. Ascoltate, meditate e pensate là dove la Chiesa ha avuto inizio a Milano: San Nazaro, Sant’Ambrogio, San Simpliciano Sant’Eustorgio. Per dire: anche oggi il cristianesimo può conoscere la forza di un nuovo inizio.

10 ottobre | San Nazaro
Pablo d’Ors, Presi da Dio. In principio l’entusiasmo
Entusiasmo in greco significa “essere afferrati da Dio”. Così è al principio di ogni vocazione nella vita, mossa da una forza che ci attrae e supera. Come essere fedeli nelle diverse stagioni della vita alla passione degli inizi? In che modo custodire il mistero e la bellezza?

17 ottobre | Sant’Ambrogio
Josè Tolentino Mendonça, Chi ha sete venga: elogio del desiderio
La società dei consumi dissipa la nostra vita nella fantasmagoria dei piccoli desideri e della loro saturazione. Ci scopriamo così alla fine privi di desiderio, insoddisfatti nella sazietà. Ma il desiderio umano esige un contento e un orizzonte più grande, è una sete che niente sotto il cielo può esaurire. È lo spazio della mancanza che dobbiamo abitare, il luogo dell’incontro con l’Altro.

24 ottobre | San Simpliciano
Luciano Manicardi, Felicemente imperfetti: la sapienza del limite
È possibile riconciliarsi con il limite, con i nostri limiti, e accogliere la finitezza come un dono? Ossessionati dalla tensione ad andare sempre oltre, finiamo col perdere lo sguardo che apprezza la vita così com’è.
Coltivare e custodire il pezzo di giardino che ci è stato affidato.



7 novembre | Sant’Eustorgio
Giuliano Zanchi, Riaprire i passaggi: il futuro della tradizione
La nostra storia sembra bloccata tra un passato che non conta più e un futuro non atteso. È diventato difficile il passaggio del testimone da una generazione all’altra. Come rimettersi in moto, riattivando energie e immaginazione? Anche dentro la Chiesa , la tradizione è una forza vitale, il cui fuoco va custodito.
stampa la pagina

Ultimi articoli

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Enzo Bianchi "Dio, patria e famiglia": ecco perché quello slogan è una bestemmia

Commenti Vangelo 18 settembre 2022 XXV Domenica del Tempo ordinario

Alessandro D’Avenia "Riprendere e riprendersi"

Alessandro D’Avenia "Lo stile di cui abbiamo bisogno"

Alessandro D’Avenia "Cercasi vita eterna"

Commenti Vangelo 28 agosto 2022 XXII Domenica del Tempo ordinario

Commenti Vangelo 11 settembre 2022 XXIV Domenica del Tempo ordinario

Enzo Bianchi, Fabio Rosini "Commenti Vangelo 18 settembre 2022"

Commenti Vangelo 4 settembre 2022 XXIII Domenica del Tempo ordinario