Paolo Scquizzato "Ritiro del Silenzio"

stampa la pagina
"Da una vita di silenzio a una vita silenziosa. Percorsi di fecondità" con don Paolo Scquizzato

San Mauro Torinese, 10-11 marzo 2018

organizzazione a cura del Settore di Torino B Equipes Notre Dame


Viviamo dispersi e frantumati. Non ci apparteniamo. Crediamo di maturare attraverso il fare tante esperienze. Invece non siamo fatti per la quantità delle cose, ma per la qualità che si vive nella profondità. E la qualità cominci a percepirla quando impari a vivere il silenzio. Non tanto di fare silenzio, ma di diventare silenziosi, un silenzio che tocca l’essere scoprendo in tal modo che si può vivere anche ‘senza’: senza parlare, senza pensare, progettare e immaginare. Semplicemente imparando a stare al mondo. La via pratica della meditazione, che consiste essenzialmente nel sedersi e tacere, lasciando cadere corpo e mente, insegna proprio questo: lasciare che la realtà si compia. La meditazione, come l’arte, e in fondo la vita, nasce sempre dalla resa, mai dallo sforzo: «L’artista, quanto meno opera, tanto più crea» (Leonardo da Vinci).

Saremo aiutati nella riflessione da don Paolo Scquizzato che appartiene alla comunità dei sacerdoti del Cottolengo e si dedica alla formazione spirituale in particolare del laicato; dirige la casa di spiritualità Mater Unitatis di Druento (TO).

Prima relazione


Seconda relazione


Terza relazione


Quarta relazione

stampa la pagina

Ultimi articoli

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Il cardinale Matteo Zuppi: «Cambiamo il mondo»

Derio Olivero "Chi sono questi, vestiti così strani?”

Alessandro D’Avenia "Fare a pezzi le donne"

Vito Mancuso "L’arte di vivere da esseri umani"

Alessandro D’Avenia "L'altezza dei quadri"

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Luigi Maria Epicoco "Il dialetto femminile di Maria"

Alessandro D’Avenia "L'arte di ritrovarsi"

Commenti Vangelo 14 agosto 2022 XX Domenica del Tempo ordinario

Enzo Bianchi, Fabio Rosini "Commenti Vangelo 14 agosto 2022"

Enzo Bianchi "Ferragosto e le nostre domande sull'aldilà"