Clicca

Aggiungici su FacebookSegui il profilo InstagramSegui il Canale di YoutubeSeguici su X (Twitter)   Novità su Instagram

La parola della domenica 1 Aprile 2012 (Casati)

stampa la pagina

Is 50,4-7
Fil 2,6-11
Mc 14,1-15,47

Rompo il silenzio con questo breve commento, piccola e povera parola, perché la Parola grande è quella della Croce, è il Crocifisso, la Parola grande l'abbiamo già ascoltata. Per dirvi due emozioni.
E la prima è l'emozione davanti alla dismisura della condivisione. In questa morte di Gesù non c'è nulla di eroico: non muore come un martire, - Giovanni Battista per esempio -, ma come l'antimartire, il bestemmiatore, in un luogo sconsacrato, morto di croce, la croce riservata a chi non era degno né del cielo né della terra, morte da peccatore, giudicato tale dalle legittime autorità religiose del tempo. Ha condiviso fino ad andare all'inferno: "Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?". L'assenza di Dio! È l'inferno l'assenza di Dio. Questo per noi. Perché avessimo la vita, perché nessuno mettesse le mani su di noi, sulla nostra libertà, sulla nostra dignità, sulla nostra vita. Per questo tu sei sceso fino all'inferno, Signore. La seconda emozione: c'è tutta un'umanità che ruota intorno al Crocifisso: le autorità religiose e il loro fariseismo: si uccide l'innocente ma quei soldi, i soldi del tradimento, dice il passo parallelo di Matteo, non vanno mescolati al tesoro del tempio; le autorità politiche interessate al potere; i soldati che infieriscono: tanto loro ubbidiscono agli ordini! E tutti quelli che passano sotto la croce, a insultarlo, a schernirlo. La nostra umanità, che ragiona con il criterio del potere, del successo, dei soldi, della superficialità, del cervello dato all'ammasso. E dentro questa umanità, spiraglio di luce, piccolo spiraglio di luce, le donne e il centurione pagano. Se avessero dato credito alle donne che compaiono nei racconti della Passione del Signore! La moglie di Pilato aveva fatto un sogno quella notte. E poi ci sono le donne sotto la Croce. Avessero ascoltato il sogno di quella donna o i sentimenti delle donne sotto la Croce! Ma chi ascolta i messaggi dei sogni, chi ascolta la verità dei sentimenti, chi ascolta le ragioni del cuore? E c'è il centurione pagano. Forse bisogna essere un po' tutti lontani come quel centurione pagano e non pieni delle nostre idee su Dio, delle nostre pretese su Dio. E chiamare Figlio di Dio colui che muore con un urlo sulla Croce, perché questa è la nostra buona notizia, l'evangelo: il fatto che Dio non è sceso dalla Croce, non ha salvato se stesso, ma ha dato la vita per noi. "E dunque" aggiunge Giovanni nella lettera "anche noi dobbiamo dare la vita per i fratelli". Non c'è forse commento più emozionante a questo scritto della riflessione che illumina un brano di un'omelia di Mons. Pierre Claverie, vescovo di Orano, in Algeria, l'omelia tenuta da lui quaranta giorni prima che fosse assassinato. E oggi pensando al gesto dell'Eucaristia che crea altri gesti, mi sono ritornate alla mente quelle parole, che forse sono il più bel commento al Corpus Domini; ecco queste parole con cui vorrei chiudere la mia riflessione. "Dall'inizio del dramma algerino" -diceva il Vescovo di Orano- "mi hanno spesso chiesto: "Che ci fate laggiù? Perché restate?". Siamo là a causa di questo Messia crocifisso. A causa di nient'altro e di nessun altro. Non abbiamo interessi da salvaguardare, né influenze da conservare. Non siamo neanche spinti da chissà quale perversione masochista o suicida. Non abbiamo alcun potere: restiamo in Algeria come al capezzale di un amico, di un fratello malato, in silenzio, stringendogli la mano, rinfrescandogli la fronte. A causa di Gesù, perché è lui che soffre, in questa violenza che non risparmia nessuno, nuovamente crocifisso nella carne di migliaia di innocenti. Come Maria, come Giovanni, stiamo là, ai piedi della croce su cui Gesù muore, abbandonato dai suoi, schernito dalla folla. Non è forse essenziale per un cristiano essere là, nei luoghi di sofferenza, di abbandono? Dove potrebbe mai essere la chiesa di Gesù Cristo se non fosse innanzitutto là? Per quanta possa sembrare paradossale, la forza, la vitalità, la speranza, la fecondità della chiesa proviene da lì. Non da altrove né altrimenti. Tutto il resto è solo fumo negli occhi, illusione mondana. La chiesa inganna se stessa e il mondo quando si pone come potenza in mezzo alle altre, come un'organizzazione, seppur umanitaria, o come un movimento evangelico spettacolare. Può brillare, ma non bruciare dell'amore di Dio, "forte come la morte" (Ct 8,6). Si tratta infatti proprio di amore, innanzitutto di amore e solo di amore. Una passione di cui Gesù ci ha donato il gusto e tracciato il cammino: "Non c'è amore più grande che dare la vita per i propri amici" (Gv 15,13)".
Fonte:sullasoglia
stampa la pagina


Gli ultimi 20 articoli