Clicca

Aggiungici su FacebookSegui il profilo InstagramSegui il Canale di YoutubeSeguici su X (Twitter)   Novità su Instagram

La parola della domenica 4 Marzo 2012 (Casati)

stampa la pagina



Gn 22, 1-2.9a.10-13.15-18
Rm 8,31b-34
Mc 9,2-10

"Prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e, li portò sopra un monte alto". Perché sul monte? Perché loro soli? Perché in un luogo appartato? E quali saranno stati i pensieri dei tre discepoli, mentre faticavano sul sentiero dietro Gesù? Capivano e non capivano.
O forse sì, una cosa cominciavano a capire: che la vita dietro il Rabbi di Nazaret, dietro quel Maestro, dopo i primi entusiasmi, cominciava ad essere una vita in salita, in salita come il sentiero che li portava sul monte.
Pochi giorni prima il Maestro aveva freddato la frenesia di miracoli, il prurito dell'eccezionalità delle folle: a questa generazione nessun segno. E poi aveva duramente rimproverato Pietro, che si era come ribellato all'idea che Gesù, il Messia, sarebbe stato ripudiato dalle autorità, ucciso, risuscitato dopo tre giorni. Era tutto così in salita? Così difficile da capire?
Uno che dice: "Chi vorrà salvare la propria vita la perderà, ma chi perderà la propria vita, a causa mia e del Vangelo, la salverà"? Avrà poi ragione? Lui che non raduna truppe, lui che non frequenta quelli "giusti", quelli che contano, lui che non si fa pubblicità, lui che è un umile, un mite. sarà vincente o sarà perdente? Perdiamo o salviamo la vita a seguirlo? Sono domande che anche noi, a volte, sentiamo salire al cuore. Ed è come se avessimo bisogno di una conferma. Forse sta qui il significato della Trasfigurazione. "Si trasfigurò davanti a loro", proprio davanti a loro tre, Pietro, Giacomo e Giovanni, proprio loro che avrebbero dovuto sopportare ben altra visione, una trasfigurazione al contrario, nell'orto degli ulivi, quando l'avrebbero visto sudare sangue, e l'anima triste da morire. Loro, proprio loro, in particolare dovevano essere confermati. E si trasfigurò davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: "nessun lavandaio sulla terra" - nota Marco con il colore della sua ingenua fantasia - "potrebbe renderle così bianche". La luce che abitava nel segreto il Figlio dell'uomo, per un attimo si era come liberata: irraggiava sul volto, perfino sulle vesti. È come quando il cuore è in festa, e la festa si comunica al volto e di festa sono anche i vestiti: un irraggiamento totale. E la voce dalla nube dice: "Questi è il mio Figlio prediletto. Ascoltatelo". Come a dire: non vi siete sbagliati. Vi siete chiesti se vale proprio la pena di seguirlo, di seguire uno che è mite e umile, uno che va a perdere la vita? Vale la pena. Ascoltate lui. Avevano bisogno della conferma sul monte, loro che avrebbero dovuto sopportare ben altro monte, quello del Calvario. La trasfigurazione come una conferma, come un velo alzato sul futuro, il futuro più futuro di Gesù di Nazaret, il futuro più futuro dei suoi discepoli. A volte si dice che sono le prove a rendere forti le tue spalle, a renderle sempre più capaci di reggere una prova ancora più grande. Come se lì, nella prova, fosse il collaudo. Il mistero della Trasfigurazione viene invece a dirci che, solo se hai visto una luce, puoi affrontare il grande buio del Venerdì Santo, il buio dei giorni più difficili della vita. Pietro, in una sua lettera, come un testamento, lo ricordava alla sua comunità: ricordava la voce udita sul monte a "conferma solidissima della parola dei profeti, alla quale fate bene a volgere l'attenzione come a lampada che brilla in un luogo oscuro, finché non spunti il giorno e la stella del mattino si levi nei vostri cuori". La stella del mattino non si è ancora levata, i giorni, i nostri, non sono facili. Credere nella sobrietà, nella mitezza, nell'umiltà, nella limpidezza, sembra perdente. Ma tu che hai celebrato il mistero della Trasfigurazione, scendi dal monte con questa conferma. Porta sul volto, come Mosè, la gloria di Dio, quella che irraggiava dal Signore sul monte.
Fonte: sullasoglia
stampa la pagina


Gli ultimi 20 articoli