clicca per Iscriverti alla newsletter

Enzo Bianchi "Siamo tutti fratelli e sorelle?"

stampa la pagina

Lo scorso aprile, era intervenuto via web ad un’iniziativa dei ragazzi di RinasciMenti, proponendo una riflessione sul “bene” e sul “male”, il 25 giugno 2021 Enzo Bianchi, biblista, scrittore, fondatore della comunità di Bose, in Piemonte di cui è stato priore fino al gennaio 2017 ha aperto la nona stagione de “I Manifesti di Crema”. Prima di lasciare il palco ad Enzo Bianchi, Giovanni Bassi, ha voluto ricordare Stefano Magagnoli, scomparso lo scorso settembre ed uno dei promotori de I Manifesti.

Fratelli e sorelle. Come ricordato dallo stesso Enzo Bianchi, nel tema della serata, “Siamo tutti fratelli e sorelle?” coesiste un’affermazione ed una domanda. In apertura, l’ex priore di Bose cita il saggio di Luigi Zoja edito da Einaudi “La morte del prossimo”: per millenni abbiamo conosciuto il doppio comandamento, ama Dio e ama il prossimo tuo, ma se per Nietzsche Dio era morto, ora ci si interroga sulla morte anche del prossimo. Nel suo racconto, Bianchi osserva come viviamo in un’epoca nella quale la paternità e la maternità sono in crisi, dove sono cresciuti rancore, distanze, inimicizie, cattiveria ed allora ecco il fulcro della serata: la fraternità come vincolo e bene essenziale alla convivenza. Il monaco ricorda la triade rivoluzionaria, libertà, eguaglianza e fraternità, ma se per le prime due nei secoli si è combattuto, ottenendo anche risultati, il concetto di fraternità non ha riscosso l’attenzione dovuta, pur essendo un valore intrinseco: “Non ha genitivi, non riguarda l’individuo, ma la convivenza affermata nella relazione” ha aggiunto Bianchi.

Linguaggi inclusivi. La fraternità diventa allora la frontiera del cristianesimo, nel ricordo dell’impegno interreligioso sulla fraternità, formalizzato da Papa Francesco nel viaggio ad Abu Dhabi del febbraio 2019. In un mondo che vede globalizzare l’indifferenza, Bianchi pone al centro la solidarietà tra i membri della società, orientata alla ricerca del bene comune e mette a confronto la radice etimologica delle parole fraternità e sororità, declinate al maschile e al femminile, per una maggiore consapevolezza della necessità di un vero linguaggio inclusivo. Un excursus biblico su questi temi e riferimenti all’antica Grecia, completano l’intervento di Enzo Bianchi che chiude con alcune considerazioni, da estendersi anche alla situazione italiana contemporanea: “Là dove c’è diversità, c’è la difficoltà ad accettare l’altro, perché c’è la paura della diversità, culturale, etica, religiosa, morale”. La fraternità è il riconoscimento delle differenze, perché quando tutto è uguale, anche nei rapporti, prevale la noia.


stampa la pagina

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Erio Castellucci "Rifare i preti"

Timothy Radcliffe "Cosa significa essere sacerdoti oggi?"

Luigi Maria Epicoco "Mosè afghano"

Enzo Bianchi "Trovare l’amore è difficile"

Lettori fissi

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Erio Castellucci "Rifare i preti"

Francesco Cosentino "Il Vangelo non è stato chiuso"

Timothy Radcliffe "Cosa significa essere sacerdoti oggi?"

Enzo Bianchi "L’enigma della sofferenza"