Enzo Bianchi "Il segreto del viaggio"

stampa la pagina
La Repubblica - 14 giugno 2021
per gentile concessione dell’autore.

Stiamo lasciando alle nostre spalle la pandemia che ci ha tenuto in cattività per più di un anno e abbiamo soprattutto in noi un desiderio prepotente di viaggiare. Si aprono davanti a molti di noi i mesi nei quali si va in vacanza e ci apprestiamo a “partire” distaccandoci dal quotidiano, dal lavoro, dalla dimora abituale. C’è molta fretta… eppure per fare un viaggio vero e fecondo occorre prendersi del tempo e non avere paura della lentezza. Viaggiare richiede la consapevolezza del movimento che si fa, non può essere una corsa, e occorre porre l’accento sul fare strada, per poter vedere e sentire e gustare ciò che è buono e bello e ciò che è brutto e cattivo. “Camminando si apre cammino”, secondo la straordinaria espressione di Antonio Machado. 

Un vero viaggio ha origine misteriosamente nella nostra psiche, dove si accende la curiosità grazie a diversi impulsi: una parola, un’immagine, un ricordo, un amore, un profumo… Allora nasce il desiderio di partire, si decide e si progetta il viaggio: da soli, per gustare nella solitudine ciò che il viaggio può riservare a chi lo intraprende, o con altri, per vivere insieme emozioni e avventure. Ma è importante, viaggiando, lasciare posto al non-atteso, alla sorpresa, all’incontro con qualcuno che ci fa modificare l’itinerario. Anche se c’è una meta da raggiungere, il viaggiare è più importante della meta. Il bagaglio deve essere ridotto al minimo, leggero, essenziale, disponendosi così ad accogliere ciò che viene offerto dai luoghi in cui viaggiamo. Chi vuole portare con sé troppe cose del suo quotidiano non viaggerà mai bene, come la lumaca che porta con sé la propria casa. 

Nel viaggio si incontrano contraddizioni, incidenti, e non tutto va come avevamo previsto, ma queste situazioni stimolano creatività, spirito di adattamento, perseveranza. Ciò che nel viaggio è più importante sono le emozioni diverse dal solito: meraviglia, scoperta, incontri con sconosciuti, incanti, contemplazioni. Nulla si ripete, nella memoria accumuliamo immagini e suoni che non ci lasceranno più e che dal profondo del cuore risorgeranno quando, ad anni di distanza, soprattutto da vecchi, ricorderemo quel viaggio. 

Se si è attenti e vigilanti viaggiare diventa un incontro con il mondo. 

Non è solo guardare, ma è immergersi negli odori, intersecare suoni e grida, mangiare e gustare il mondo. Viaggiare è esercizio di sensualità, perché un corpo che si muove tra i corpi è l’occhio che incontra la luce, è l’orecchio che percepisce la collocazione dell’altro, è il tatto che sente il freddo o il caldo, mentre i piedi toccano la terra in una relazione viva, in una sensazione mai uguale, di cui non restano tracce. 

Sempre ai giovani dico come consiglio: partite, viaggiate, non abbiate paura e mantenete leggero il vostro bagaglio, così potrete andare lontano. D’altronde mio padre mi diceva: «Fa’ la fame ma viaggia e compra dei libri!». Nella consapevolezza che ogni viaggio, se è vissuto con intelligenza, è un libro della biblioteca della vita.
stampa la pagina

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Massimo Recalcati "Nelle menti deviate dal sospetto"

Enzo Bianchi "Insieme a Papa Francesco"

Clicca per vedere tutte le pagine

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Enzo Bianchi "Insieme a Papa Francesco"

Massimo Recalcati "Smarriti nel labirinto dell’Eros"

"Qohélet, un filosofo per i nostri giorni?"