San Paolo riformatore del Giudaismo.

stampa la pagina

La Giornata della Memoria celebra il ricordo del 27 gennaio 1945, data in cui l’Armata Rossa entrò nel campo di concentramento di Auschwitz (Polonia). Anche quest’anno la Scuola della Cattedrale presieduta da Mons. Gianantonio Borgonovo, Arciprete del Duomo di Milano, partecipa a questa ricorrenza internazionale e propone una profonda riflessione su argomenti rilevanti per fondare nuovi rapporti tra Ebraismo e Cristianesimo, prendendo spunto dalla pubblicazione del volume La lettera ai Romani – Le ragioni di un riformatore (Claudiana Editrice, 2020).

La tesi basilare di questa rilettura originale del più importante testo teologico dell’apostolo Paolo, la Lettera ai Romani, è che l’apostolo Paolo non voleva fondare una nuova religione ma, dopo aver “incontrato” Gesù di Nazaret, il suo intento divenne la riforma del Giudaismo. Le autorità giudaiche – ovviamente – l’hanno rifiutato, con il risultato che nel giro di qualche decennio la sua posizione divenne l’architettura portante del Cristianesimo.

L’evento, moderato da Armando Torno, vedrà la partecipazione di Filippo Del Corno, Assessore alla Cultura del Comune di Milano, di Yann Redalié, Professore di Nuovo Testamento alla Facoltà Valdese di Teologia di Roma, di Rav David Elia Sciunnach, Assistente del Rabbino Capo di Milano, e di Mons. Gianantonio Borgonovo, Arciprete del Duomo di Milano e Professore di Antico Testamento presso la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale.

«Nell’esordio della Lettera ai Romani, Paolo si presenta come l’apostolo del Signore dell’universo, il cui annuncio è rivolto a tutti i popoli, cioè anche ai romani.
Con umiltà cerca di conquistare la comunità romana a lui sconosciuta, chiede di poterla visitare.
Già più volte ha voluto visitarla, ma non gli è mai riuscito.
Questa Lettera contiene un programma di riforma del giudaismo antico.
Paolo fu un riformatore del giudaismo: non intendeva istituire una nuova religione,
ma rinnovare il giudaismo.
In questa riforma fallì, ma egli divenne in tal modo l’architetto del cristianesimo.»

stampa la pagina

Ultimi articoli

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Enzo Bianchi "Mi vergogno per l’Occidente il Papa e la pace sono oscurati”

Commenti Vangelo 8 maggio 2022 Quarta Domenica di Pasqua

Carlo Maria Martini "Terrorismo, ritorsione, legittima difesa, guerra e pace"

Commenti Vangelo 24 aprile 2022 Seconda Domenica di Pasqua

Enzo Bianchi "La solitudine del cristiano di fronte alla guerra"

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Alessandro D’Avenia "Alieni & Ufo"

Commenti Vangelo 22 maggio 2022 Sesta Domenica di Pasqua

Gemma Calabresi: «Volevo vendicarmi ma Dio mi ha condotto sulla strada del perdono».

La santità anticonformista di Charles de Foucauld

Massimo Recalcati "Nel cuore dell’uomo"