Abbiamo attivato un nuovo servizio per l'invio della newsletter.
Se non vi dovesse arrivare vi preghiamo di rinnovare l'iscrizione.

I Vangeli - Gesù, teologia con le donne

stampa la pagina

L'Osservatore Romano 6 febbraio 2021

I teologi interpretano la parola di Dio, e nel Vangelo di Giovanni le donne agiscono costantemente da teologi. La prima donna menzionata da Giovanni è “la madre di Gesù” (2, 1). Alle nozze di Cana dice a Gesù che il vino è finito. Sebbene la sua risposta — “Che ho da fare con te, o donna? Non è ancora giunta la mia ora” (2, 4) — non riguardi direttamente il problema, lei la interpreta correttamente. Sapendo che lui provvederà al vino, la madre ordina ai servi “Fate quello che vi dirà” (2, 5).

Anche la donna di Samaria interpreta correttamente le parole di Gesù, sebbene alcuni commentatori abbiano frainteso il suo ruolo. Alcuni la giudicano negativamente a causa dei suoi cinque mariti e della sua situazione attuale. Non conosciamo i fatti della sua storia familiare. Sappiamo invece che l’ambientazione preannuncia un matrimonio, poiché è vicino a un pozzo che il servitore di Abramo incontrò Rebecca e che Mosè incontrò Zippora. Non solo Giovanni Battista ha identificato Gesù come sposo (3, 29), ma l’ambientazione è il pozzo di Giacobbe e fu “in pieno giorno” (Genesi 29, 7) che Giacobbe incontrò Rachele. Gesù si dimostrerà uno sposo molto poco convenzionale e la Samaritana una sposa piuttosto insolita.

Altri affermano che lei si reca al pozzo a mezzogiorno perché gli abitanti del villaggio la disprezzano, ma se avessero provato sdegno verso di lei non l’avrebbero ascoltata. Piuttosto, è l’opposto di Nicodemo, che ha incontrato Gesù di notte (3, 2). Poiché Gesù, la “luce del mondo” (9, 5), afferma che “Se uno cammina di giorno, non inciampa, perché vede la luce di questo mondo” (11, 9), la donna, che è chiaramente nella luce, funge da sposa simbolica che unisce lo sposo con la sua famiglia, i Samaritani a Sicar.

In Matteo 16, 16, Pietro proclama Gesù “il Cristo, il Figlio del Dio vivente” . Nel Vangelo di Giovanni tale onore spetta a Marta, che sente dire a Gesù “Io sono la risurrezione e la vita”, e correttamente interpreta “tu sei il Cristo, il Figlio di Dio che deve venire nel mondo” ( II , 25-27).

Marta dice a sua sorella Maria che Gesù la chiama ( II , 28), anche se lui non l’ha fatto. Marta ha compreso che è questo il suo ruolo, proprio come la madre di Gesù ha chiamato i servi e la Samaritana ha evangelizzato il suo villaggio.

Nel capitolo successivo Maria usa “una libbra di olio profumato […], assai prezioso” (12, 3) per ungere i piedi di Gesù. Giovanni narra che “tutta la casa si riempì del profumo dell'unguento” (12, 3), creando così un contrasto con il sepolcro di Lazzaro, dove Marta parla del “cattivo odore” emanato dalla salma ( II , 39). Il gesto di Maria anticipa la croce, poiché unge simbolicamente Gesù per la sepoltura (12, 7). La sua generosità contrasta con il furto dei fondi della comunità da parte di Giuda. E il suo gesto anticipa la lavanda dei piedi dei discepoli da parte di Gesù.

Sulla croce Gesù dice a sua madre “Donna, ecco il tuo figlio!”; dice al discepolo che egli amava “Ecco la tua madre!” (19, 26-27). La madre d Gesù, che Giovanni non chiama mai “Maria”, diventa così la madre simbolica di tutti i discepoli. Mentre i commentatori spesso osservano che il discepolo amato, che accoglie la madre di Gesù nella propria casa, si prenderà cura di lei, in realtà questa cura è reciproca, poiché lei continuerà a ricordargli l’insegnamento Gesù.

Infine, se Maria di Magdala giunge al sepolcro di Gesù “quand'era ancora buio” (20, ), sappiamo che presto vedrà la luce. Chiama Pietro e il discepolo che Gesù amava e loro credono alle sue parole. Anche se inizialmente scambia Gesù per il custode del giardino, lo riconosce quando lui la chiama per nome. Gesù allora le assegna il compito di diventare apostolo degli apostoli; sappiamo che loro le crederanno nuovamente.

Ascoltando, domandando, interpretando e chiamando altri, le donne nel Vangelo di Giovanni non sono solo teologhe. Sono anche discepole, apostoli, maestre, evangeliste e modelli.

di Amy-Jill Levine

stampa la pagina

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Enzo Bianchi "Il valore del fallimento"

Massimo Recalcati "Tra i banchi meno programmi più umanità"

Enzo Bianchi "La scomparsa della vergogna"

Massimo Recalcati "Per capire un padre devi abbandonarlo (e poi amare il suo puzzo d’aringa)"

Enzo Bianchi "Perché si ama anche chi se ne va"

Lettori fissi

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Enzo Bianchi "Anche la chiesa impari dalla crisi"

Enzo Bianchi "La relazione con il corpo"

Bose 2021: tra eremo e metropoli