In vacanza, ma senza dimenticare responsabilità e solidarietà

stampa la pagina
Agosto 2020
IN VACANZA, MA SENZA DIMENTICARE RESPONSABILITÀ E SOLIDARIETÀ
di fratel MichaelDavide Semeraro

È tempo di vacanze! La voglia di sole, di mare, di tramonti in montagna, di passeggiate e di serate tra amici è ancora più forte quest’anno dopo le lunghe settimane in cui siamo stati confinati tra le mura domestiche senza poter neppure fare visita alle persone più care. Eppure, non possiamo e non dobbiamo dimenticare che le vacanze dell’anno del Signore 2020 non possono e non devono essere come le altre. Dopo quello che abbiamo vissuto e sofferto siamo chiamati a vivere il giusto tempo del sollievo, del riposo e del ritrovo con un senso marcato di responsabilità e di solidarietà.

La responsabilità riguarda la nostra capacità di non cedere alla superficialità nella coscienza di dover essere attenti per rispetto a noi stessi e per proteggere gli altri dal rischio del contagio. La solidarietà comincia dalla consapevolezza che per molti non sarà tempo di vacanza a motivo di ristrettezze che si sono fatte ancora più gravi per via della crisi economica aggravatasi con la pandemia. Come discepoli non siamo chiamati a una sterile mortificazione della gioia di vivere che si fa più sensibile in questo tempo estivo, nondimeno siamo chiamati a “divertirci” senza “divertere” come ammoniva Blaise Pascal: «L’uomo è manifestamente nato a pensare; qui sta tutta la sua dignità e tutto il suo pregio; e tutto il suo dovere sta nel pensare rettamente. Ora, l’ordine del pensiero esige che si cominci da sé».

In questo tempo siamo chiamati a non dimenticare e a vivere il tempo delle vacanze come sollievo e non come stordimento. Riposare è un’arte propriamente umana che ci apparenta alla stessa divina capacità di saper «cessare/shabbat» il lavoro e prendere distanza dalle occupazioni ordinarie per dare loro il giusto posto e il senso più vero nell’insieme del mistero della vita. Ma non sarebbe né umano né rispettoso di noi stessi e degli altri fare finta che non sia successo niente e che non stia succedendo nulla distogliendo lo sguardo dalla nostra umana avventura che non è solo nostra, ma è condivisa con tutti. Che il tempo di vacanze sia, invece, un tempo di affinamento di consapevolezza per essere responsabili e solidali. In una parola, un pochetto più umani! Questo dipende da noi.
stampa la pagina

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Timothy Radcliffe "Cosa significa essere sacerdoti oggi?"

Luigi Maria Epicoco "Mosè afghano"

Lettori fissi

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Timothy Radcliffe "Cosa significa essere sacerdoti oggi?"

Enzo Bianchi "Trovare l’amore è difficile"

Francesco Cosentino "Il Vangelo non è stato chiuso"

Massimo Recalcati "Si cura a scuola la paura di vivere dei nostri figli"