Lutero: una riforma che cambiò il mondo

stampa la pagina
🙏 Il 31 ottobre 1517, Martin Lutero proponeva a Wittenberg le sue famose "95 tesi" contro il valore salvifico delle indulgenze. Con questo gesto dirompente ebbe inizio la Riforma protestante: un fenomeno religioso e culturale che cambiò radicalmente la chiesa e la società, dando inizio all'epoca moderna. Era entrato definitivamente in crisi l'antico e collaudato sodalizio di trono e altare, su cui si reggeva la società imperiale, con conseguenze che perdurano fino a oggi.
L'attuale pluralismo europeo, la valorizzazione della libertà e della coscienza individuale, la critica nei confronti dell'intolleranza, affondano le radici nella scoperta luterana che è possibile avere un confronto diretto con la Scrittura biblica, e che la salvezza da parte di Dio non è più il frutto di una negoziazione amministrata dalla chiesa. Ma com'è stato possibile un simile sconvolgimento spirituale e politico? Cercheremo di capirlo insieme. E lo faremo nella consapevolezza che oggi, a 500 anni dalla protesta di Lutero, le diversità teologiche, ecclesiologiche, etiche non sono più materia di conflitto ma fecondo terreno di confronto.

1517-2017: a cinquecento anni da

UNA RIFORMA CHE CAMBIÒ IL MONDO

Centro Culturale Protestante e Casa della Cultura

Ciclo di due incontri

primo incontro: LA RIFORMA E L'EUROPA

Sabato 25 Febbraio 2017 ore 17.00

Modera: Salvatore Veca.

Relatori: Fulvio Ferrario e Lothar Vogel.



secondo incontro: LUTERO E LE SUE 95 TESI

Sabato 25 Marzo 2017 ore 17.00

Modera: Giuseppe Platone.

Relatori: Franco Buzzi e Paolo Ricca.

stampa la pagina

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Timothy Radcliffe "Cosa significa essere sacerdoti oggi?"

Luigi Maria Epicoco "Mosè afghano"

Lettori fissi

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Timothy Radcliffe "Cosa significa essere sacerdoti oggi?"

Enzo Bianchi "Trovare l’amore è difficile"

Francesco Cosentino "Il Vangelo non è stato chiuso"

Massimo Recalcati "Si cura a scuola la paura di vivere dei nostri figli"