Giannino Piana Enzo Bianchi “È qui la festa?”

stampa la pagina
👉 Il Convegno diocesano di fine anno pastorale, quest'anno, s'intitola “È qui la festa?”. Si svolge lunedì 19 e martedì 20 giugno 2017 nella basilica di S. Frediano (Lucca). Relatori: Giannino Piana ed Enzo Bianchi.
Videomessaggio mons. Castellani, Notiziario, Locandina

Ciò che caratterizza l’essere umano è anche la capacità di fare festa.
La festa permette di dare senso al tempo, di condividere ciò che accomuna, accresce il legame comunitario. Può un popolo essere tale senza fare festa? Come si trasforma un’umanità che non è capace di far festa? Quale senso di bene comune può ancora condividere? Queste sono alcune domande che hanno portato a focalizzare il momento di riflessione, sulla festa, al termine dell'anno pastorale.

Come sempre l’argomento viene affrontato sotto due aspetti:

La prima sera (lunedì 19 giugno dalle 18.30): aspetto antropologico della festa sia livello di umanizzazione personale che sociale (il rapporto umano con il tempo, le condizioni per poter far festa: evento condiviso, sospensione dal lavoro, convenire nello stesso luogo, riti).
Relatore: Giannino Piana (teologo)


La seconda sera (martedì 20 giugno dalle 18.30): La domenica è ancora festa? Sarà approfondito l’aspetto cristiano: la festa settimanale nella rivelazione giudaico-cristiana, la domenica e sua importanza per la fede e per la chiesa (perché “senza domenica non possiamo vivere”); i caratteri della festa-domenica.
Relatore: Enzo Bianchi (monaco fondatore della Comunità di Bose)

stampa la pagina

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Enzo Bianchi" La sofferenza rende cattivi. Ho comprensione per l’eutanasia"

Chiara Giaccardi "Il profilo della Carrà. Nell'arte di Raffaella il volto di chi sa essere accogliente"

Enzo Bianchi "Il compito dell’insegnante"

Enzo Bianchi "Una grave crisi aleggia sulla Chiesa"

Lettori fissi

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Intervista con Timothy Radcliffe: CRISTIANI, TORNATE A RISCHIARE TUTTO

Enzo Bianchi "Fare niente per sentirsi vivi"

Luigi Maria Epicoco "Non di solo fare vivrà l’uomo"