I Sabati dell'Evangelii Gaudium

stampa la pagina
Per i quattro sabati di maggio 2017, che vedono la collaborazione tra Diocesi di Chioggia, Comunità Missionaria di Villaregia e uffici pastorali della Caritas e Missioni, sono state proposte quattro ‘tappe’ che hanno sostato sull’Esortazione Apostolica “Evangelii Gaudium” che a tutti gli effetti possiamo considerare il manifesto programmatico di papa Francesco. Resa nota nel novembre del 2013, a pochi mesi dalla elezione, l’“Evangelii Gaudium” contiene in forma accennata e manifesta molti elementi che poi contraddistingueranno il papato di Bergoglio.
Alcune affermazioni – specie quelle su tempo e spazio come categorie ‘pastorali’ - ma anche l’accento dato al concetto di periferia, fanno già parte del linguaggio ecclesiale.
Come tutte le idee e i linguaggi che si sviluppano e trovano subito accoglienza nelle nostre grammatiche, c’è bisogno di riprendere in mano il testo e di ricollocarlo dentro appositi tempi, spazi e tematiche. Questo è il lavoro che si è tentato di proporre nelle ‘soste’ di maggio.
Abbiamo iniziato, sabato 6 maggio, affrontando il rapporto tra le idee proposte dall’E.G. sul ruolo della donna nella Chiesa e nella società. E' stata con noi sr. Marisa Zorzan, comboniana, per molti anni missionaria in Etiopia e poi a Roma come vicaria generale del suo Istituto religioso. A lei abbiamo chiesto come le idee e le proposte del ruolo della donna nella Chiesa che papa Francesco ha espresso nella “Evangelii Gaudium” possano realmente essere attuate.



Sabato 13 maggio è stato ospite don Vinicio Albanesi, un nome importante nel panorama ecclesiale italiano, uno dei fondatori del Coordinamento Nazionale delle Comunità di Accoglienza e per molti anni Presidente della Comunità di Capodarco, che sulla disabilità ha sempre proposto modelli innovativi (come ad esempio il rapporto tra disabilità e affettività). Don Vinicio ci ha aiutato a cogliere gli spunti di riflessione dell’“Evangelii Gaudium” sul grande tema Chiesa – Poveri – Povertà



Sabato 20 maggio è stata la volta di don Giuliano Zanchi, presbitero della diocesi di Bergamo, segretario della Fondazione Adriano Bernareggi. Attento al rapporto fede-cultura contemporanea, don Giuliano scrive articoli per la Rivista del Clero Italiano ed ha diverse pubblicazioni per Vita e Pensiero, casa editrice dell’Università Cattolica. Don Giuliano ha trattato il rapporto fede e cultura contemporanea alla luce dell’“Evangelii Gaudium”.



I sabati di maggio si sono chiusi sabato 27 con la presenza di Andrea Grillo, docente di Sacramentaria e Liturgia presso il Pontificio Ateneo S. Anselmo di Roma e l’Istituto di Liturgia Pastorale S. Giustina di Padova. Andrea Grillo è laico, sposato e vive a Savona. A lui abbiamo chiesto di definire il rapporto tra “Evangelii Gaudium” e “Amoris Laetitia”



Tutti gli incontri si sono svolti presso la Comunità Missionaria di Villaregia.
stampa la pagina

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Erio Castellucci "Rifare i preti"

Timothy Radcliffe "Cosa significa essere sacerdoti oggi?"

Enzo Bianchi "Trovare l’amore è difficile"

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Erio Castellucci "Rifare i preti"

Timothy Radcliffe "Cosa significa essere sacerdoti oggi?"