I Sabati dell'Evangelii Gaudium

stampa la pagina
Per i quattro sabati di maggio 2017, che vedono la collaborazione tra Diocesi di Chioggia, Comunità Missionaria di Villaregia e uffici pastorali della Caritas e Missioni, sono state proposte quattro ‘tappe’ che hanno sostato sull’Esortazione Apostolica “Evangelii Gaudium” che a tutti gli effetti possiamo considerare il manifesto programmatico di papa Francesco. Resa nota nel novembre del 2013, a pochi mesi dalla elezione, l’“Evangelii Gaudium” contiene in forma accennata e manifesta molti elementi che poi contraddistingueranno il papato di Bergoglio.
Alcune affermazioni – specie quelle su tempo e spazio come categorie ‘pastorali’ - ma anche l’accento dato al concetto di periferia, fanno già parte del linguaggio ecclesiale.
Come tutte le idee e i linguaggi che si sviluppano e trovano subito accoglienza nelle nostre grammatiche, c’è bisogno di riprendere in mano il testo e di ricollocarlo dentro appositi tempi, spazi e tematiche. Questo è il lavoro che si è tentato di proporre nelle ‘soste’ di maggio.
Abbiamo iniziato, sabato 6 maggio, affrontando il rapporto tra le idee proposte dall’E.G. sul ruolo della donna nella Chiesa e nella società. E' stata con noi sr. Marisa Zorzan, comboniana, per molti anni missionaria in Etiopia e poi a Roma come vicaria generale del suo Istituto religioso. A lei abbiamo chiesto come le idee e le proposte del ruolo della donna nella Chiesa che papa Francesco ha espresso nella “Evangelii Gaudium” possano realmente essere attuate.



Sabato 13 maggio è stato ospite don Vinicio Albanesi, un nome importante nel panorama ecclesiale italiano, uno dei fondatori del Coordinamento Nazionale delle Comunità di Accoglienza e per molti anni Presidente della Comunità di Capodarco, che sulla disabilità ha sempre proposto modelli innovativi (come ad esempio il rapporto tra disabilità e affettività). Don Vinicio ci ha aiutato a cogliere gli spunti di riflessione dell’“Evangelii Gaudium” sul grande tema Chiesa – Poveri – Povertà



Sabato 20 maggio è stata la volta di don Giuliano Zanchi, presbitero della diocesi di Bergamo, segretario della Fondazione Adriano Bernareggi. Attento al rapporto fede-cultura contemporanea, don Giuliano scrive articoli per la Rivista del Clero Italiano ed ha diverse pubblicazioni per Vita e Pensiero, casa editrice dell’Università Cattolica. Don Giuliano ha trattato il rapporto fede e cultura contemporanea alla luce dell’“Evangelii Gaudium”.



I sabati di maggio si sono chiusi sabato 27 con la presenza di Andrea Grillo, docente di Sacramentaria e Liturgia presso il Pontificio Ateneo S. Anselmo di Roma e l’Istituto di Liturgia Pastorale S. Giustina di Padova. Andrea Grillo è laico, sposato e vive a Savona. A lui abbiamo chiesto di definire il rapporto tra “Evangelii Gaudium” e “Amoris Laetitia”



Tutti gli incontri si sono svolti presso la Comunità Missionaria di Villaregia.
stampa la pagina

Le novità dal nostro canale youtube

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Enzo Bianchi "Se questo è un uomo"

Il Cenacolo di Leonardo da Vinci

Enzo Bianchi "La scomparsa della vergogna"

Lidia Maggi "Lo Spirito ci guida ad aprirci all’altro, perché in ognuno è il soffio di Dio"

Lettori fissi

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Enzo Bianchi "La scomparsa della vergogna"

Enzo Bianchi "L’antidoto alla paura di Dio e della morte"

Ermes Ronchi: «Innamoriamoci della nostra terra, così ne avremo cura»

Credere dopo la crisi: in quale Dio crediamo?