Abbiamo attivato un nuovo servizio per l'invio della newsletter.
Prossima spedizione: 18 giugno
Se non vi dovesse arrivare vi preghiamo di rinnovare l'iscrizione.

“Radicarsi nel nuovo”... guardare oltre la pandemia

stampa la pagina

Si è conclusa con una tavola rotonda online, giovedì 20 maggio 2021, il ciclo di incontri promossi dalle chiese protestanti e dal Centro culturale protestante di Milano tra gennaio e aprile di quest’anno, a partire dal documento «Radicarsi nel nuovo». Un ciclo di quattro studi biblici a cadenza mensile, attraverso la piattaforma digitale Zoom, moderati da Massimo Aprile, nei quali sono intervenute varie pastore e pastori di varie denominazioni: Anna Maffei e Italo Pons (“Radici erranti verso il nuovo di Dio”), Gabriele Arosio e Paolo Longo (“I poveri li avrete sempre con voi”), Cristina Arcidiacono e Dorothee Mack (“Dalla migrazione alla vita condivisa. Alla ricerca del nostro Dna interculturale”), Daniela Di Carlo e Nino Plano (“Making kin: generare parentele di guarigioni”).

La riflessione si è avviata circa un anno fa con l’omonimo documento «Radicarsi nel nuovo», nato sull’onda degli interrogativi posti dalla situazione totalmente nuova che si stava vivendo, quella della pandemia e del lockdown. Il documento, che si può trovare su www.radicarsinelnuovo.org, è stato elaborato da un gruppo “autoconvocato” di credenti milanesi di diverse confessioni cristiane già impegnati in ambito ecumenico, come ricordavano Anna Maffei e Massimo Aprile in questo articolo dello scorso luglio. 

Il gruppo ha espresso, partendo dalle proprie esperienze e dalla consapevolezza che la “normalità” pre-Covid non è più praticabile, una serie di riflessioni e spunti per il “dopo-Covid” riguardo a cinque aree tematiche: vecchie e nuove povertà; profughe/i, migranti e cittadinanza; sanità; crisi ambientale, cura e salvaguardia del creato; Europa. Ogni tema è stato affrontato sotto tre aspetti: analisi, impegno, richieste, partendo da numerosi testi ispiratori, citati in appendice: dalla Charta Oecumenica, di cui abbiamo appena ricordato i vent’anni, ai lavori della Commissione Globalizzazione e Ambiente (Glam) della Federazione delle Chiese evangeliche in Italia, al Segretariato Attività ecumeniche (Sae), al Forum Disuguaglianze Diversità, per citarne solo alcuni. 

Il documento è stato sottoscritto, tra gli altri, da pastore e pastori battisti (Anna Maffei, Lidia Maggi, Massimo Aprile e Angelo Reginato), cui si sono aggiunti il presidente e il segretario esecutivo Fcei (Luca M. Negro e Luca Baratto), pastore e pastori dell’area milanese, e organismi quali la Federazione delle donne evangeliche in Italia (Fdei) e l’Unione cristiana evangelica battista d’Italia (Ucebi). 

Alla tavola rotonda, introdotta dalla pastora Anna Maffei, sono intervenuti Lidia Maggi (biblista e pastora battista), Giuseppe Bettoni (presidente di Fondazione Archè) e Giuliano Pisapia (europarlamentare, già sindaco di Milano).

stampa la pagina

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Alberto Maggi "Omosessualità: la dottrina repressiva della Chiesa costruita su basi traballanti"

Enzo Bianchi "Fare l’amore è un’opera d’arte"

Armando Matteo - Le chiese vuote, l’umanesimo integrale e l’“opzione Francesco”

Enzo Bianchi "Il primato del vangelo"

Lettori fissi

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Enzo Bianchi "Il segreto del viaggio"

Alberto Maggi «Che cosa cercate?» Il desiderio di essere felici