“Radicarsi nel nuovo”... guardare oltre la pandemia

stampa la pagina

Si è conclusa con una tavola rotonda online, giovedì 20 maggio 2021, il ciclo di incontri promossi dalle chiese protestanti e dal Centro culturale protestante di Milano tra gennaio e aprile di quest’anno, a partire dal documento «Radicarsi nel nuovo». Un ciclo di quattro studi biblici a cadenza mensile, attraverso la piattaforma digitale Zoom, moderati da Massimo Aprile, nei quali sono intervenute varie pastore e pastori di varie denominazioni: Anna Maffei e Italo Pons (“Radici erranti verso il nuovo di Dio”), Gabriele Arosio e Paolo Longo (“I poveri li avrete sempre con voi”), Cristina Arcidiacono e Dorothee Mack (“Dalla migrazione alla vita condivisa. Alla ricerca del nostro Dna interculturale”), Daniela Di Carlo e Nino Plano (“Making kin: generare parentele di guarigioni”).

La riflessione si è avviata circa un anno fa con l’omonimo documento «Radicarsi nel nuovo», nato sull’onda degli interrogativi posti dalla situazione totalmente nuova che si stava vivendo, quella della pandemia e del lockdown. Il documento, che si può trovare su www.radicarsinelnuovo.org, è stato elaborato da un gruppo “autoconvocato” di credenti milanesi di diverse confessioni cristiane già impegnati in ambito ecumenico, come ricordavano Anna Maffei e Massimo Aprile in questo articolo dello scorso luglio. 

Il gruppo ha espresso, partendo dalle proprie esperienze e dalla consapevolezza che la “normalità” pre-Covid non è più praticabile, una serie di riflessioni e spunti per il “dopo-Covid” riguardo a cinque aree tematiche: vecchie e nuove povertà; profughe/i, migranti e cittadinanza; sanità; crisi ambientale, cura e salvaguardia del creato; Europa. Ogni tema è stato affrontato sotto tre aspetti: analisi, impegno, richieste, partendo da numerosi testi ispiratori, citati in appendice: dalla Charta Oecumenica, di cui abbiamo appena ricordato i vent’anni, ai lavori della Commissione Globalizzazione e Ambiente (Glam) della Federazione delle Chiese evangeliche in Italia, al Segretariato Attività ecumeniche (Sae), al Forum Disuguaglianze Diversità, per citarne solo alcuni. 

Il documento è stato sottoscritto, tra gli altri, da pastore e pastori battisti (Anna Maffei, Lidia Maggi, Massimo Aprile e Angelo Reginato), cui si sono aggiunti il presidente e il segretario esecutivo Fcei (Luca M. Negro e Luca Baratto), pastore e pastori dell’area milanese, e organismi quali la Federazione delle donne evangeliche in Italia (Fdei) e l’Unione cristiana evangelica battista d’Italia (Ucebi). 

Alla tavola rotonda, introdotta dalla pastora Anna Maffei, sono intervenuti Lidia Maggi (biblista e pastora battista), Giuseppe Bettoni (presidente di Fondazione Archè) e Giuliano Pisapia (europarlamentare, già sindaco di Milano).

stampa la pagina

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Timothy Radcliffe "Cosa significa essere sacerdoti oggi?"

Luigi Maria Epicoco "Mosè afghano"

Lettori fissi

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Timothy Radcliffe "Cosa significa essere sacerdoti oggi?"

Enzo Bianchi "Trovare l’amore è difficile"

Francesco Cosentino "Il Vangelo non è stato chiuso"

Massimo Recalcati "Si cura a scuola la paura di vivere dei nostri figli"