Rosanna Virgili "Attraverso il mare verso la libertà"

stampa la pagina
Sui passi dell’Esodo
a cura di 
16 febbraio 2020

La scena che si apre davanti ai nostri occhi è patrimonio della memoria biblica di tutto l’Occidente e non solo dei credenti. Una scena “mitica” nel senso che gli adolescenti danno, oggi, a questo aggettivo: grandiosa, emozionante, decisiva. Un’immagine colossale e prodigiosa, un’esperienza indimenticabile che ti cambia la vita. Sarebbe bello esserci in uno spazio tridimensionale e immedesimarsi nei protagonisti: una lunghissima teoria di fuggiaschi – seicentomila solo gli uomini adulti – guidati da un pastore di Madian, chiamato da un Dio che si nasconde in una nube. Occorre, però, avere un cuore coraggioso e un carattere intrepido per farlo, oppure essere così disperati che le gambe camminino prima del pensiero. Dietro i fuoriusciti la terra che batte al ritmo dei carri – seicento! – di un immenso esercito: «Gli Israeliti alzarono gli occhi e gli egiziani marciavano dietro di loro» (v.10). Il terrore li assale e si mettono a gridare contro il liberatore, Mosè: «Forse non c’erano sepolcri in Egitto che ci hai portati a morire nel deserto?».

L’Esodo risuona della sua anima unica e stupenda: un popolo che ardisce alla libertà e che esperisce tutti gli effetti collaterali di tale impresa: la paura, il pentimento, la miseria, la debolezza. Lo dice magnificamente Dostojeskij nei “Fratelli Karamazov”: nulla l’umano desidera più della libertà ma nulla, allo stesso tempo, esso teme! La colonna della nube di Dio – frapposta tra Faraone e Israele – getta ombra e tenebra sull’esercito degli inseguitori, e luce, invece, sul popolo che scappa. «Mosè stese la mano sul mare. E il Signore durante tutta la notte risospinse il mare con un forte vento d’Oriente, rendendolo asciutto; le acque si divisero. Gli Israeliti entrarono nel mare sull’asciutto (…) gli Egiziani li inseguirono e tutti i cavalli del Faraone, i suoi carri e i suoi cavalieri entrarono dietro di loro in mezzo al mare» (vv.21–23). Al mattino il Signore «gettò uno sguardo» dalla colonna di «fuoco e di nube» sugli Egiziani e li mandò in rotta. Mosè stese di nuovo la mano sul mare e le acque travolsero gli inseguitori.

È il racconto di un atto di creazione: c’è l’acqua, il vento, il fuoco e la terra (l’“asciutto”). È come se, dopo il passaggio del mare, Israele sia divenuto una nuova umanità, riscattata dall’ingiustizia, dalla violenza, dalla prepotenza dei dominatori. Israele nasce libera e nessuno più potrà renderla schiava! Vivere vuol dire, da oggi in poi, per tutti i popoli del mondo, essere liberi, camminare e lottare per un Paese dove «scorre latte e miele» perché fatto di fraternità, di giustizia e di felicità. Questa terra promessa nasce dal dono di Dio che riapre ogni volta la possibilità della vita per chi crede in Lui e per chi cammina con Lui. Grande è la notte del passaggio del mare, simile a quando un bambino attraversa le “acque” del grembo materno per venire alla luce. Un “mar rosso” che per i cristiani sarà, poi, il costato aperto di Gesù sulla Croce: ferita di sangue rorida d’acqua da cui esce la vita risorta. La nostra vita già innestata nella libertà della Grazia.
stampa la pagina

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Enzo Bianchi" La sofferenza rende cattivi. Ho comprensione per l’eutanasia"

Chiara Giaccardi "Il profilo della Carrà. Nell'arte di Raffaella il volto di chi sa essere accogliente"

Enzo Bianchi "Il compito dell’insegnante"

Enzo Bianchi "Una grave crisi aleggia sulla Chiesa"

Lettori fissi

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Intervista con Timothy Radcliffe: CRISTIANI, TORNATE A RISCHIARE TUTTO

Enzo Bianchi "Fare niente per sentirsi vivi"

Luigi Maria Epicoco "Non di solo fare vivrà l’uomo"