Enzo Bianchi Commento Vangelo 1 dicembre 2019

stampa la pagina
Commento al Vangelo della domenica e delle feste 
di Enzo Bianchi fondatore di Bose

Vigilate, tenetevi pronti!
1 dicembre 2019
Prima domenica di Avvento Anno A

Mt 24,37-44

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Come furono i giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo. Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca, e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e travolse tutti: così sarà anche la venuta del Figlio dell’uomo. Allora due uomini saranno nel campo: uno verrà portato via e l’altro lasciato. Due donne macineranno alla mola: una verrà portata via e l’altra lasciata. Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà. Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa. Perciò anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo». (testo dell'evangeliario di Bose)

Inizia oggi il tempo di Avvento, «sacramento» dell’attesa di quell’evento che costituirà il compimento della storia: la venuta nella gloria del Signore Gesù, del Figlio dell’uomo, il Giorno in cui sarà finalmente instaurato quel Regno di giustizia e di pace che Gesù ha annunciato e preparato con la sua vita, morte e resurrezione. Sì, «Gesù Cristo verrà nella gloria per giudicare i vivi e i morti»: se la nostra fede non contenesse questa promessa di Dio e non ci aprisse a questa speranza, noi cristiani saremmo da compiangere più di tutti gli uomini (cf. 1Cor 15,19)…

Nella pagina del vangelo secondo Matteo che meditiamo, Gesù mette in guardia i suoi discepoli su come prepararsi a quel giorno. Egli parte da un’affermazione cruciale: «Quanto a quel giorno e a quell’ora, nessuno li conosce, neanche gli angeli del cielo e neppure il Figlio, ma solo il Padre» (Mt 24,36). Questa prospettiva non vuole scoraggiarci; al contrario, essa può infondere in noi la certezza che il Padre, nel suo amore per l’umanità e per il creato, prepara quell’ora e la rivelerà al momento opportuno. Animati da questa fiducia, più forte degli eventi che sembrano contraddirla, ascoltiamo dunque le parole del Signore.

Egli istituisce un parallelo tra il diluvio, che sconvolse la quotidianità ripetitiva della vita dei contemporanei di Noè (cf. Gen 6,5-9,17), e la venuta del Figlio dell’Uomo: «come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e marito, fino a quando Noè entrò nell’arca, e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e inghiottì tutti, così sarà anche la venuta del Figlio dell’uomo». «Non si accorsero di nulla»: la generazione di Noè non è più malvagia di altre, ma la sua colpa consiste nella mancanza di consapevolezza, di discernimento e di attesa. Sull’esempio di Noè, appartenente a quella generazione eppure capace di un’attiva responsabilità, siamo dunque chiamati a discernere il tempo che viviamo, ad aderire con intelligenza alla nostra realtà personale e alla storia in cui siamo collocati. Dobbiamo scorgere nell’oggi i segni che anticipano il Giorno del Signore, e dobbiamo farlo subito, perché poi non ci sarà più tempo: «allora due uomini saranno nel campo, uno sarà preso e l’altro lasciato»…

Solo chi vive questa «consapevolezza del tempo» (cf. Rm 13,11) può accogliere il monito di Gesù: «Vegliate, vigilate, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà». Il cristiano dovrebbe essere per definizione una persona vigilante, attenta, tesa verso la meta del suo cammino: l’incontro con il Signore Veniente. E la vigilanza richiede una grande capacità di preghiera e di lotta interiore per non essere intontiti, in balia di falsi affanni, preda dello stordimento (cf. Lc 21,34-36). In altre parole, il credente è chiamato a conoscere l’oggi a partire dalla venuta del Signore e dalla sua dimensione di ignoto, descritta da Gesù con parole che si sono impresse nella mente dei suoi discepoli: «Se il padrone di casa sapesse in quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa» (cf. 1Ts 5,2-4; 2Pt 3,10; Ap 3,3). Da esse discende l’ultimo sintetico avvertimento di Gesù: «Siate pronti, perché nell’ora che non pensate, il Figlio dell’uomo viene».

Essere consapevoli, vigilare, essere in attesa: tutto ciò è una questione d’amore per Gesù Cristo, di adesione a lui, l’unico Signore delle nostre vite. Noi cristiani dovremmo essere quelli che «amano la venuta del Signore Gesù Cristo» (2Tm 4,8) perché «amano lui, il Signore, senza averlo visto» (1Pt 1,9) e dunque desiderano che egli venga al più presto. In questo senso è più che mai attuale la domanda di Teilhard de Chardin: «Cristiani, incaricati di tenere viva la fiamma bruciante del desiderio, cosa ne abbiamo fatto dell’attesa del Signore?».
stampa la pagina

Le novità dal nostro canale Youtube

Lettori fissi

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Enzo Bianchi "L’enigma del dolore"

Enzo Bianchi "Inizia la Quaresima"

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Enzo Bianchi "L’enigma del dolore"

Gianfranco Ravasi "Perché diciamo «Ego te absolvo»"

Enzo Bianchi "Sinodo nazionale per la chiesa italiana"

Marinella Perroni "Fratelli tutti"