L’Eucaristia nelle Chiese della Riforma e nella Chiesa Latina

stampa la pagina
La Scuola della Cattedrale, presieduta da Mons. Gianantonio Borgonovo, Arciprete del Duomo di Milano, presenta un importante appuntamento di riflessione teologica in prossimità della Pasqua, prendendo spunto dalla pubblicazione del volume: Zwingli, Opere scelte – Amica esegesi, a cura di Ermanno Genre (Edizioni Claudiana, Torino 2017).
La riforma protestante è stato un evento complesso di cui ancora molto si discute, in particolare in occasione del suo quinto centenario (31 ottobre 1717 – 31 ottobre 2017). Risalgono a 500 anni fa le 95 tesi contro le indulgenze scritte dal giovane monaco agostiniano Martin Lutero, e considerate simbolicamente l’inizio ufficiale della Riforma. La Riforma del XVI secolo non è immaginabile senza Lutero ma neanche senza Zwingli: infatti la Riforma zwingliana è considerata non una semplice variante della Riforma luterana, ma un modello di riforma in sé autonomo.

In Amica esegesi l’autore si rivolge per la prima volta a Lutero per confutarne gli insulti e le accuse di eresia contro i riformatori svizzeri per la loro concezione dell’eucaristia. Attraverso un’esegesi dettagliata del Nuovo Testamento, in particolare del Vangelo secondo Giovanni dove troviamo: «È lo Spirito che dà la vita, la carne non serve a nulla», Zwingli si propone quindi di dimostrare la fragilità della tesi luterana, opponendogli che Cristo è sì realmente presente nella celebrazione eucaristica, non però nel pane e nel vino (teologia cattolica), bensì nell’assemblea dei credenti, vero «corpo di Cristo».

«Dio, che governa e ordina ogni cosa, è solito rendere vane le speranze degli uomini o, almeno, farsi gioco di esse, al punto – dottissimo Lutero – che chi pensa di avere ormai afferrato la vittoria per le ali, spesso se la vede volar via; invece, dove non c’era alcuna speranza, proprio là appare improvvisa la salvezza. Messo, dunque, da parte ciò che è accaduto, diamo inizio a un confronto. E tu, Lutero mio, sii – ti prego – come vieni chiamato: puro, katharós, e sereno. Ti porgeremo, infatti, parole non aspre, ma giuste; non insulse, ma piene della forza di Dio.»

L’evento, introdotto e coordinato da Armando Torno, si è tenuto lunedì 19 marzo 2018 alle ore 18.30 presso la CHIESA DI SAN GOTTARDO IN CORTE (Via Pecorari, 2 – Milano), e ha visto gli interventi di Mons. Gianantonio Borgonovo, di Ermanno Genre, pastore valdese e professore emerito di Teologia pratica della Facoltà valdese di Roma, con la partecipazione straordinaria di Mons. Mario Delpini, Arcivescovo di Milano, e di Daniela Di Carlo, pastora titolare della Chiesa Evangelica Valdese di Milano.

stampa la pagina

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Massimo Recalcati "Nelle menti deviate dal sospetto"

Enzo Bianchi "Insieme a Papa Francesco"

Clicca per vedere tutte le pagine

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Enzo Bianchi "Insieme a Papa Francesco"

Massimo Recalcati "Smarriti nel labirinto dell’Eros"

Ripensare le comunità di vita consacrata