Marinella Perroni Enzo Bianchi “Theologumeni”: la nascita, il tempo, la stella

stampa la pagina
In tutto il tempo di Natale, dal 24 dicembre 2017 al 7 gennaio 2018, nello spazio “Narrazioni” di “Uomini e Profeti", Marinella Perroni, biblista del Pontificio Ateneo di Sant’Anselmo di Roma e Enzo Bianchi biblista e fondatore della comunità monastica di Bose, ci parleranno di tre “teologumeni” della fede cristiana: la nascita, il tempo, e la stella.
I Teologumeni non sono dogmi veri e propri, ma immagini, simboli che vengono usati per comprndere meglio le affermazioni della fede. Uno è la “nascita”, che però nella prima puntata viene analizzata nella sua complessità e ambivalenza: ogni nascita comporta un rischio, ogni gioia un dolore. Per questo partiamo da Rachele, la matriarca, che “piange i suoi figli e non vuole essere consolata”.



Nell’ultimo giorno di questo anno 2017 Marinella Perroni, biblista del Pontificio Ateneo di Sant’Anselmo di Roma e Enzo Bianchi biblista e fondatore della comunità monastica di Bose, si interrogano sul secondo dei “teologumeni” scelti, quello del tempo. Biblicamente il tempo assume diverse dimensioni: dal tempo ultimo dell’apocalittica a quello umano dello scorrere della vita sulla terra: “Insegnaci a contare i nostri giorni, e acquisteremo la sapienza del cuore” (Sal 90, 12).



Nella prima domenica del 2018, il giorno dopo l’Epifania, Marinella Perroni, biblista del Pontificio Ateneo di Sant’Anselmo di Roma e Enzo Bianchi biblista e fondatore della comunità monastica di Bose, continuano e concludono la loro riflessione sui “theologumeni”: questa volta, la stella. Anche per quanto riguarda la stella significati diversi si addensano su questa immagine: la stella che guida i Magi è anche quella che orienta Erode nei suoi propositi assassini. Ma la stella è anche segno di consolazione per tutti.

stampa la pagina

Lettori fissi

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Il disagio dei preti. Pastori nuovi, nuovi pastori

Enzo Bianchi "Inizia la Quaresima"

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

“Verso la Pasqua”: tre verbi e tre amici per attraversare il deserto