Lucia Vantini "Il Padre Nostro"

stampa la pagina
Parrocchia Sacro Cuore - Verona
Catechesi Avvento 2017

Ci sono parole che rischiano di consumarsi a forza di essere ripetute. Altre invece resistono, perché sono abitate da qualcosa che le rigenera sempre, continuamente. Sta a noi proteggerle dall'usura e dall'abitudine.
La preghiera del Padre Nostro, ricevuta da Gesù stesso, è sempre esposta a questo duplice destino. Ripensare a che cosa diciamo, a chi ci rivolgiamo, a che cosa desideriamo, a dove ci troviamo e a che cosa stiamo facendo quando preghiamo così significa prenderci cura della fede e dell'esperienza cristiana stessa.
Recitare il Padre nostro, insieme o in solitudine, è lasciar accadere qualcosa di straordinario nella nostra vita: una speranza, una promessa, una libertà, tanti volti. E così entriamo, così come siamo, nella storia di Dio, il Dio rivelato da Gesù Cristo e sperimentato nello Spirito.
Tre incontri per risentire, ancora una volta, la potenza di quelle parole: né scontate né oscure, esse sono occasione per sperimentare il mistero della nostra salvezza.
Saremo accompagnati dalla teologa Lucia Vantini, docente di antropologia filosofica allo Studio Teologico San Zeno e di Teologia Fondamentale all'Istituto di Scienze Religiose San Pietro martire di Verona.

Giovedì 30 novembre 2017: Padre nostro: sei nei cieli?


Giovedì 14 dicembre 2017: Dacci oggi il nostro pane quotidiano: le speranze della preghiera tra realtà e immaginazione


Giovedì 21 dicembre 2017: Liberaci dal male: la forza del perdono di un Dio che non induce in tentazione
stampa la pagina

Le novità dal nostro canale Youtube

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Enzo Bianchi" La sofferenza rende cattivi. Ho comprensione per l’eutanasia"

Chiara Giaccardi "Il profilo della Carrà. Nell'arte di Raffaella il volto di chi sa essere accogliente"

Enzo Bianchi "Il compito dell’insegnante"

Enzo Bianchi "Una grave crisi aleggia sulla Chiesa"

Lettori fissi

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Intervista con Timothy Radcliffe: CRISTIANI, TORNATE A RISCHIARE TUTTO

Enzo Bianchi "Fare niente per sentirsi vivi"

Luigi Maria Epicoco "Non di solo fare vivrà l’uomo"