La preghiera dell’ebreo Gesù

stampa la pagina
L’intervento di Marco Cassuto Morselli e Gabriella Maestri al Colloquio Ebraico-Cristiano di Camaldoli (8 dicembre 2017)

Dal sito LaParteBuona

– La preghiera di Yeshua

– L’espressione fondamentale del sentimento religioso è la preghiera, quel volgersi della mente e del cuore a D. che stabilisce un contatto personale fra l’essere umano e la Divinità.
Questa ricerca di contatto, che risale agli albori dell’umanità, nel corso del tempo è andata progressivamente purificandosi dai suoi aspetti magici per un verso, e per l’altro, in molte culture, è andata a sostituirsi ai sacrifici. Una forma particolarmente elevata di preghiera può essere considerata la meditazione.

Il termine preghiera deriva dal tardo latino precarìa, che rinvia all’aggettivo precarius: questo indica che nelle precarie condizioni dell’esistenza gli esseri umani sentono il bisogno di richiedere l’aiuto divino. Del resto anche il latino prex, connesso con precor, ha un analogo significato. Mentre in oratio l’etimo rimanda a os, bocca, in precor si può rinvenire un riferimento al cuore.

Continua a leggere scaricando il pdf: Morselli – Maestri, La preghiera di Yeshua

Il volantino col programma del Colloquio: Colloquio Camaldoli 2017

Marco Cassuto Morselli ha insegnato Filosofia ebraica e Storia dell’ebraismo presso il Corso di laurea in studi ebraici del Collegio Rabbinico Italiano (Roma). È Vicepresidente dell’Amicizia ebraico-cristiana di Roma.

Gabriella Maestri ha conseguito il Dottorato presso il Pontificio lstituto di Archeologia Cristiana e da molti anni si occupa di ricerche sulle origini cristiane, soprattutto in relazione all’ebraismo.
stampa la pagina

Le novità dal nostro canale youtube

Post più popolari (ultimi 30 giorni)

Enzo Bianchi "Se questo è un uomo"

Il Cenacolo di Leonardo da Vinci

Enzo Bianchi "La scomparsa della vergogna"

Lidia Maggi "Lo Spirito ci guida ad aprirci all’altro, perché in ognuno è il soffio di Dio"

Lettori fissi

Post più popolari (ultimi 7 giorni)

Enzo Bianchi "La scomparsa della vergogna"

Enzo Bianchi "L’antidoto alla paura di Dio e della morte"

Ermes Ronchi: «Innamoriamoci della nostra terra, così ne avremo cura»

Credere dopo la crisi: in quale Dio crediamo?