Clicca

Aggiungici su FacebookSegui il profilo InstagramSegui il Canale di YoutubeSeguici su X (Twitter)   Novità su Instagram

Salone Libro: Livio Partiti e Matteo Nicolini Zani

stampa la pagina


EDIZIONI QIQAJON

SALONE INTERNAZIONALE DEL LIBRO DI TORINO


SONO UN SOGNO DI DIO FERNANDO PESSOA

“In me esiste, al fondo di un pozzo, / Un pertugio di luce verso Dio. / Là, molto in fondo alla fine, / Un occhio fabbricato nei cieli”: la poesia di Pessoa è una diagnosi spirituale della modernità. La poesia ci prepara alla ricerca di Dio. Essa opera lo smantellamento della crosta che copre la realtà, mette a nudo il nostro cuore, ci espone ad una comprensione più profonda e più totale della vita e delle sue espressioni: la sua notte e il suo giorno, il suo esteriore e il suo rovescio, la sua parola e il suo silenzio.

Fernando Pessoa (Lisbona 1888-1935) è una delle figure principali della letteratura del Novecento. Lavorò come corrispondente commerciale in ditte di import-export, ma sulla scena letteraria portoghese lasciò un’impronta indelebile con la creazione di movimenti d’avanguardia e di riviste. Pubblicò su vari giornali testi poetici e filosofici, firmandoli sia con il suo nome sia con quello dei suoi eteronimi, per i quali inventò una biografia e uno stile peculiari, come si trattasse di persone reali.

LETTERE A UN GIOVANE RAINER MARIA RILKE

L’invito che viene a un giovane da queste pagine è a prendere sul serio la propria vita. Un invito che resta sul piano della testimonianza umana, della relazione calda. Queste pagine sono un dono di amicizia: sono invito a diventare lucidi e svegli, a scoprire e vivere la propria originalità. Esse testimoniano la possibilità reale di non cadere nella superficialità. Infatti, “tutto è importante”. Tocca a noi aprire gli occhi e gli orecchi e renderci sensibili al mondo, per coglierne la bellezza e la preziosità. (dalla “Prefazione” di Enzo Bianchi)

Rainer Maria Rilke (Praga 1875-Montreux 1926), poeta di rara forza introspettiva e sensibilità spirituale, ha saputo farsi interprete del mistero grande e terribile della vita e della morte.

Matteo Nicolini-Zani è monaco della Comunità di Bose e coordinatore della commissione italiana del Dialogo Interreligioso Monastico. Nel 1999 si è laureato in lingua e letteratura cinese all’Università Ca’ Foscari di Venezia con una tesi su Gli studi cristiani accademici e il fenomeno dei “cristiani culturali” nella Cina contemporanea. Negli anni 1996-2000 ha studiato alcuni mesi nella Repubblica Popolare Cinese, Hong Kong e Taiwan. Il suo principale campo di ricerca è la storia del cristianesimo in Cina. Negli ultimi anni si è inoltre dedicato allo studio specifico della storia e della letteratura della prima missione cristiana in Asia centro-orientale (il cristianesimo siro-orientale della seconda metà del primo millennio).

ascoltare fa pensare
stampa la pagina


Gli ultimi 20 articoli