Aggiungici su FacebookSegui il profilo InstagramSegui il Canale di YoutubeSeguici su X (Twitter)   Novità su Instagram
Clicca

Parole nuove per preghiere antiche (Tolentino M.)

stampa la pagina
“Sono necessarie parole nuove per le nostre preghiere”, afferma il teologo portoghese José Tolentino Mendonça, ospite di oggi a Uomini e Profeti.  Il cristianesimo è stato troppo “cristallizzato” in formule e stereotipi, e necessita di un nuovo linguaggio, ma anche di una nuova comprensione dei testi, più radicale da un lato, più vicina, dall’altro, alla terrestrità dell’umano. La terra, si chiede Tolentino Mendonça, questa terra quotidianamente impastata di spasmo e desiderio, è ciò che ci separa, o ciò che ci avvicina a Dio? Tolentino Mendonça, nelle sue esplorazioni del testo biblico, attraversa molti linguaggi, in particolare quello poetico, letterario e filosofico, che lo aiutano a sondare in profondità i passi oscuri delle Scritture, ma anche i tratti inesprimibili dell’esperienza semplicemente umana: dalla preghiera, all’amicizia, al pane di cui abbiamo tutti i giorni bisogno.

Suggerimenti di lettura
José Tolentino Mendonça, Padre nostro che sei in terraPrefazione di Enzo Bianchi Qiqajon ed. 2013
José Tolentino Mendonça, Nessun cammino sarà lungo - Per una teologia dell'amicizia, Paoline 2013
Paolo Ricca, Il pane e il regno. Commento al Padre nostro -  A cura di Gabriella Caramore, Morcelliana 2001
Collana "Uomini e Profeti"
Poesie di Fernando Pessoa, a cura di Antonio Tabucchi, Maria José de Lancastre, Adelphi 2013

stampa la pagina


Gli ultimi 20 articoli